22.8 C
Rome
lunedì, Giugno 21, 2021
spot_imgspot_img

Aumentano i costi del petrolio dopo gli attacchi in Arabia Saudita

-

- Advertisment -spot_img

Il recente attacco, datato 14 settembre, contro gli impianti petroliferi in Arabia Saudita, prospetta questo rischio di natura economica oltre a frenare le prospettive di un riavvicinamento tra Teheran e Washington. 

L’attacco è stato sferrato mentre il Presidente Trump stava ipotizzando la possibilità di allentare le sanzioni contro l’Iran per indurre i leader iraniani a negoziare un nuovo accordo sul nucleare. La leadership di Teheran nega di essere dietro l’attacco, anche se i ribelli Houthi in Yemen, che sostengono l’Iran, hanno rivendicato l’azione”, riporta il Global Committee for the Rule of Law.

L’esplosione ha causato una riduzione del 5% delle forniture globali di petrolio, i cui prezzi sono saliti alle stelle in Asia e in Europa. Il 16 settembre, a Londra è stata registrata un’impennata del 20% , il picco più alto raggiunto in un solo giorno dagli anni ’80, con un barile di greggio Brent che ha raggiunto i 71 dollari. 

Non abbiamo mai visto un’interruzione dell’offerta e un conseguente rialzo dei prezzi come questo”, ha detto a Bloomberg Saul Kavonic, analista nel settore energetico del Credit Suisse.

Il Wall Street Journal ha riportato che, dopo l’attacco, la produzione di greggio dell’Arabia è quasi dimezzata: questo comporterebbe la scomparsa di quantitativi importanti di mercato, e con effetti tanto più impattanti quanto più sarà lungo il fermo. Secondo quanto stimato dagli analisti, potrebbero volerci settimane prima che l’Arabia Saudita torni alla piena capacità di approvvigionamento, causando un aumento fino a 10 dollari del prezzo del greggio.

I prezzi del petrolio al barile, con la presidenza Trump e le problematiche con l’Iran, sono passati da 80 a 60 dollari, ma bisogna comunque attendere le reazioni saudite.

Grazie alla ricchezza del Paese, gli impianti verranno ripristinati molto velocemente.

Ultime news

È reato di omessa dichiarazione se l’interesse economico è in Italia

Sussiste il reato di omessa dichiarazione, per il contribuente che risiede formalmente in un Paese straniero ma che mantiene il centro vitale degli affari...

Premio Mediterraneo della Sostenibilità: aperte le candidature

0
Un'ottima opportunità per numerose imprese del Sud Mediterraneo arriva dalla prima edizione di WeMed, il Premio Mediterraneo per la Sostenibilità, un'iniziativa faro della strategia...

La rinascita del Messico con gli accordi commerciali

0
Tra le opere più importanti ricordiamo il “Treno Maya”, linea ferroviaria da oltre 1.500 chilometri.
fuga_italia

Italia, il “Bel Paese” per anziani e garantiti: e i giovani scappano

0
Nel 2020, in Italia, nonostante la pandemia è aumentata la soddisfazione per la vita nel complesso. Lo certifica l’Istat con il report La soddisfazione...
criptovalute

Critpovalute a rischio riciclaggio: il fisco USA vuole i dati

0
Gli Stati Uniti hanno reso obbligatorio segnalare all'Agenzia delle Entrate le operazioni in criptovalute che valgono più di 10 mila dollari. L'iniziativa fa parte...
spot_img

Economia

La rinascita del Messico con gli accordi commerciali

Tra le opere più importanti ricordiamo il “Treno Maya”, linea ferroviaria da oltre 1.500 chilometri.

Commercio Italia-Stati Uniti durante la pandemia: i numeri

Sono diverse le attività, che impegnano le imprese italiane, che hanno subito una cancellazione dagli organizzatori e che sono riprogrammate in formato digitale.

IDE e filiere: il connubio vincente per l’Italia

Gli Investimenti Diretti Esteri (IDE) continuano a crescere e si confermano l'elemento chiave per il rilancio economico del Paese....

Aria di rilancio per i distretti industriali del Veneto

Formazione, innovazione e reshoring sono i tre assi per la ripartenza dei distretti italiani e l'esempio del Veneto può rappresentare un caso studio di eccellenza.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img