6.8 C
Rome
sabato, Marzo 2, 2024
spot_imgspot_img

Confapi Sicilia in lotta contro le complicazioni fiscali: appello per una riforma tributaria equa e chiara

Confapi Sicilia denuncia il caos interpretativo su incentivi e agevolazioni fiscali, esortando a una riforma che protegga le PMI.

-

- Advertisment -

L’attuale panorama fiscale italiano sta vivendo un periodo di turbolenza, in particolare per quanto riguarda le piccole e medie imprese (PMI).

La Confapi Sicilia, una delle principali voci in difesa degli interessi delle PMI nell’isola, ha espresso forte preoccupazione riguardo alle recenti interpretazioni delle normative fiscali, in particolare la “decontribuzione Sud” e gli incentivi “Industria 4.0”, che hanno creato un vero e proprio caos interpretativo.

L’Agenzia delle Entrate ha destato preoccupazione nelle scorse settimane con le sue numerose e contraddittorie interpretazioni riguardo la misura ‘Industria 4.0’ e l’agevolazione del Patent Box.

Molte imprese si sono ritrovate a dover affrontare accertamenti incomprensibili, sanzioni ed interessi, complicando ulteriormente un quadro già di per sé confuso.Un punto critico riguarda il decreto “Ristori”, in particolare per l’esonero parziale del versamento dei contributi, noto come ‘decontribuzione Sud’.

Le PMI hanno denunciato come le risposte agli interpelli, in particolare l’interpello 956-869 di ottobre 2023, abbiano smentito precedenti indicazioni fornite dalla stessa Agenzia delle Entrate, creando un terreno instabile su cui le imprese devono operare.

Le aziende, che hanno beneficiato di queste agevolazioni in buona fede e fiducia, si trovano ora in una posizione difficile. Hanno contabilizzato i contributi al netto dell’esonero previsto dalla normativa, ma ora si trovano a dover affrontare possibili sanzioni a causa di queste smentite. Questo crea non solo un onere finanziario ma anche un clima di incertezza e sfiducia verso le istituzioni.Il Presidente di Confapi Sicilia, Dhebora Mirabelli, ha espresso con forza la posizione dell’associazione: molti imprenditori, scoraggiati da questo caos, hanno concluso che sono le aziende a dover dare ristoro allo Stato e non viceversa.

Le agevolazioni previste si trasformano così in sanzioni e contenziosi, mettendo a rischio la sopravvivenza stessa delle PMI.

Di fronte a questa situazione, la Confapi Sicilia chiede un intervento urgente: l’adozione di una riforma fiscale e tributaria seria e ben strutturata, che offra garanzie alle imprese sul rispetto delle leggi.

Mirabelli suggerisce anche l’istituzione di un garante per i diritti del contribuente, che possa tenere sotto controllo l’Agenzia delle Entrate e le sue interpretazioni in materia di incentivi e agevolazioni fiscali.

Inoltre, il Presidente di CONFAPI SICILIA, sottolinea la necessità di contrastare l’evasione fiscale reale, che danneggia cittadini e imprenditori onesti, costretti a pagare tasse e tributi in modo sproporzionato rispetto ai loro guadagni.

Questo equilibrio è fondamentale per garantire un sistema fiscale che sia equo e sostenibile per tutti, specialmente per le piccole e medie imprese che costituiscono la spina dorsale dell’economia italiana. La situazione attuale richiede un intervento deciso e rapido per ristabilire fiducia e stabilità nel sistema fiscale italiano, proteggendo così le PMI e l’intero tessuto produttivo del paese.

La voce di Confapi Sicilia si leva forte in questa richiesta, rappresentando le preoccupazioni e le speranze di un settore cruciale per l’economia italiana.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

EIC Accelerator 2024 - Imprese del Sud

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e...

0
EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.
Fiscalità internazionale controllate estere - Imprese del sud

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.
Bandi Prima 2024 - Imprese del Sud

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

0
I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo
Europa Digitale - Abilità digitali - Imprese del Sud

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

0
Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
Erasmus+ bando 2024 politiche europee - Imprese del Sud

Erasmus+: bando 2024 per sperimentazioni di politiche europee

0
Istruzione digitale, istruzione e formazione professionali, istruzione degli adulti, istruzione scolastica, micro-credenziali, istruzione superiore, saranno i topic al centro del bando Erasmus+ con scadenza 4 Giugno 2024.
spot_img

Economia

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e piccole e medie imprese

EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
- Advertisement -spot_img