21.8 C
Rome
domenica, Maggio 26, 2024
spot_imgspot_img

Braccio di ferro commerciale: l’accordo UE-Australia si arena sui prodotti agroalimentari

Il negoziato UE-Australia su libero scambio è in stallo su Prosecco e Feta. Tensioni sulle concessioni agricole e timori per l'economia e le future elezioni.

-

- Advertisment -

Dopo cinque anni di trattative, il dialogo tra l’Unione Europea e l’Australia per un accordo di libero scambio si è arenato, con Prosecco e Feta a delineare i contorni di un dissidio non più rinviabile. Le discussioni, iniziate nel 2018, hanno evidenziato un confronto di necessità economiche e di politiche di tutela che si contrappongono, riflettendo gli ampi interessi e le sfide globali del commercio internazionale.

In uno scenario geopolitico sempre più intricato, l’accordo di libero scambio (ALS) tra l’Unione Europea e l’Australia rappresentava una possibilità per cementare un’alleanza tra partner commerciali che si identificano in valori comuni di democrazia e mercato aperto. Tuttavia, i recenti incontri a margine del G7 in Giappone hanno evidenziato quanto sia distante l’effettiva stipulazione di un accordo che avrebbe dovuto essere la naturale evoluzione di relazioni bilaterali già robuste, con un flusso commerciale che nel solo 2022 ha raggiunto i 56,4 miliardi di euro.

L’impatto dei prodotti a indicazione geografica

Il ministero del Commercio australiano, guidato da Don Farrell, ha manifestato la netta insoddisfazione dell’Australia riguardo le richieste europee di limitare l’uso di denominazioni come “feta” e “prosecco” per i prodotti australiani, visti come simboli di una tradizione agroalimentare che va oltre i confini europei. Questo aspetto, insieme a quello delle esportazioni agricole, ha reso impossibile la ricerca di un terreno comune.

Da parte europea, il Commissario europeo al Commercio Valdis Dombrovskis ha messo in campo offerte per un accesso “commercialmente significativo” per i prodotti australiani, come la carne bovina e ovina, zucchero e latticini, il cui ingresso nel mercato unico è generalmente soggetto a tariffe proibitive. Queste proposte avevano l’obiettivo di trovare un compromesso tra gli interessi commerciali e la protezione degli agricoltori europei, spesso diffidenti nei confronti della concorrenza esterna.

Le dichiarazioni di Murray Watt, ministro dell’Agricoltura australiano, dimostrano però un forte disaccordo con la posizione europea, ribadendo come le proposte dell’UE siano rimaste troppo vicine a una versione precedentemente ritenuta inaccettabile, tanto da considerare l’ipotesi di un accordo come una “svendita” degli interessi degli agricoltori australiani.

Dinamiche e conflitti commerciali con l’Australia

Mentre l’Australia mira all’espansione delle proprie esportazioni agricole, puntando alla rimozione dei dazi e all’ampliamento delle quote, l’Europa appare maggiormente concentrata sull’accesso all’industria mineraria australiana. Il ministro australiano del Commercio, Don Farrell, ha espresso frustrazione per l’impasse, nonostante la volontà di proseguire i negoziati. Analogamente, il ministro dell’Agricoltura, Murray Watt, ha sottolineato le insufficienti offerte europee riguardo a carne, latticini e zucchero.

Contesto internazionale e confronti

La situazione assume contorni ancora più complessi alla luce dell’accordo commerciale recentemente siglato tra l‘UE e la Nuova Zelanda, che ha visto un abbattimento delle tariffe per le esportazioni europee e un incremento delle quote per prodotti neozelandesi come carne e latticini. Questo accordo mette l’Australia in una posizione di svantaggio competitivo, evidenziando la disparità di trattamento tra i vari partner commerciali dell’UE.

Va anche considerato che la decisione di Canberra nel 2021 di annullare un importante contratto militare con la Francia ha gettato ombre sui negoziati, rallentandone il ritmo e aumentando la tensione. Nonostante ciò, la guerra in Ucraina e le successive sanzioni al Cremlino sembravano avere riavvicinato le parti, ma il fallimento di un accordo sembra segnare un passo indietro significativo.

Prospettive e incertezze nei rapporti commerciali tra Europa ed Australia

L’impasse attuale getta un’ombra sul futuro delle relazioni commerciali UE-Australia, con potenziali ripercussioni su entrambe le economie. Inoltre, il contesto politico potrebbe ulteriormente complicare la situazione: le prossime elezioni parlamentari in UE e un sondaggio federale in Australia entro il 2025 suggeriscono un periodo di incertezza e potenziale ristagno dei negoziati.

Il dibattito attorno a Prosecco e Feta diventa simbolo di un confronto più ampio sul libero scambio, dove la protezione delle identità locali, le strategie economiche e le aspirazioni politiche si intrecciano in maniera complessa. Se da un lato l’UE mira a proteggere le proprie denominazioni di origine, dall’altro l’Australia vede limitata la propria espansione commerciale. La risoluzione di questo stallo non sarà semplice e richiederà un equilibrio delicato tra preservazione delle identità culturali e necessità economiche in un mercato globale sempre più interconnesso.


Sei pronto ad ampliare gli orizzonti della tua azienda?

Nel mondo fluido e competitivo del commercio internazionale, le opportunità per crescere e prosperare sono immense. Se hai l’ambizione di esplorare i mercati esteri e desideri implementare le vendite della tua azienda, contattaci compilando ed inviando il seguente form. Sarai ricontattato da un Export Manager per una prima consulenza gratuita.

Sergio Passariello
Sergio Passariello
Ho fondato questo portale web nonché la rete "Malta Business", una rete di consulenza, sviluppo e organizzazione aziendale a Malta. Sono CEO di Euromed International Trade e mi occupo di internazionalizzazione del business e sviluppo commerciale. Specializzato in franchising e trattative IT. CEO dell'Accademia Mediterranea di Cultura, Tecnologia e Commercio con sede a Malta, istituto di istruzione superiore autorizzato da NCFHE. Collaboro come freelance con Blasting News e Imprese del Sud, curando articoli e approfondimenti su economia, finanza, tecnologia, innovazione, turismo e cultura.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

B7 Summit Italy - Canadian Chamber in Italy

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.
Assomalta - Apertura sede di Rappresentanza Napoli

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di...

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.
Interreg Europe Cooperazione regionale 2024 - Imprese del Sud

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

0
Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.
Digital Service Act (DSA) 2024 - Imprese del Sud

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
Diplomi facili nuove regole 2024 - Imprese del Sud

Diplomi facili. In arrivo le nuove Direttive.

Le nuove normative sul rilascio dei diplomi, imporranno limiti agli anni in uno, registro elettronico obbligatorio, regole per il sostegno e l'ammissione di docenti stranieri.
spot_img

Economia

Evento pre-B7 Summit – “AI: the missing piece of the productivity puzzle?”

Partecipa all'evento pre-B7 Summit sul futuro dell'intelligenza artificiale, organizzato dalla Canadian Chamber of Commerce in collaborazione con la Canadian Chamber in Italy. Discuti il futuro dell'IA il 15 Maggio a Roma.

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di Rappresentanza a Napoli.

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
- Advertisement -spot_img