“Meno sussidi sul gasolio? Danni a pesca e agricoltura”

-

- Advertisment -

E’ quanto denuncia Coldiretti Puglia in riferimento al provvedimento del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa nel sottolineare che la proposta di riduzione dei sussidi ritenuti ambientalmente dannosi colpirebbe anche i carburanti per la pesca e per l’agricoltura.

Il gasolio – denuncia l’associazione degli agricoltori – è l’unico carburante utilizzabile al momento per i trattori e tassarlo non porterebbe alcun beneficio immediato in termini di utilizzo di energie alternative a favore delle quali dovrebbe invece essere sviluppato un programma di ricerca e di sperimentazione per i mezzi agricoli.

L’aumento dei costi del carburante ma anche la revisione della fiscalità sull’attività di allevamento costringerebbero semplicemente molti pescatori, agricoltori e allevatori a chiudere la propria attività con un devastante impatto ambientale soprattutto nelle aree interne più difficili. Il risultato sarebbe solo la delocalizzazione delle fonti di approvvigionamento alimentare con un enorme costo ambientale legato all’aumento dei trasporti inquinanti su gomma dall’estero.

L’aumento delle tasse sull’attività di impresa in agricoltura e nella pesca – sostiene Coldiretti – contraddice inoltre gli obiettivi definiti nel programma di Governo e fa perdere competitività al sistema italiano rispetto ai concorrenti degli altri Paesi Europei che non sono colpiti dallo stesso inutile balzello.

L’agricoltura nazionale è la più green d’Europa, con l’Italia che ha fatto la scelta di vietare la carne agli ormoni, e a tutela dei primati nazionali della biodiversità, con la Puglia che può contare su 623 specie autoctone vegetali a rischio di estinzione, 276 prodotti riconosciuti tradizionali dal MIPAF, 11 prodotti DOP (5 oli extravergini, patata novella di Galatina, Pane di Altamura, canestrato pugliese, mozzarella di bufala e oliva Bella di Cerignola, caciocavallo silano, oltre alla DOP ‘mozzarella di Gioia del Colle’ in via di definizione comunitaria), 9 IGP per l’olio EVO Puglia, la lenticchia di Altamura, la burrata di Andria, la Cipolla Bianca di Margherita, l’Uva di Puglia, il Carciofo Brindisino, l’Arancia del Gargano, il Limone Femminello del Gargano e le Clementine del Golfo di Taranto (oltre all’olio IGP Puglia in fase di completamento da parte dell’UE)  e 29 vini DOC.

Di assoluto rilievo sono anche i numeri del settore della pesca in Puglia, il cui valore economico è pari all’1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l’intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia, Molfetta, sud Barese, Salento, dove il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi.

Ultime news

Lavoratrice vessata dai colleghi: il datore dovrà risarcirla

0
La Corte di Cassazione riconosce il dovere di mantenere un ambiente sereno

Bonus 110%: il peso di burocrazia e restrizioni

0
Il Consiglio Nazionale Ingegneri lancia l’allarme alla luce di una analisi di dettaglio sul mercato degli interventi agevolati dall’Ecobonus e dal Sismabonus.

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

0
Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

0
L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

0
Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Economia

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Brexit: regole commerciali e attività doganali

Gli operatori che effettuano cessioni verso il Regno Unito potranno recarsi presso gli Uffici delle dogane e capire le nuove regole doganali.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -