5.7 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
spot_imgspot_img

Il nuovo governo e le politiche energetiche

-

- Advertisment -

Tra le nuove emergenze del governo Conte bis, quella energetica e delle politiche energetiche resta una priorità.

La Commissione Europea aveva recentemente segnalato che i piani nazionali in tema di energia, nel loro complesso, erano insufficienti e lacunosi, tanto da mettere a rischio il raggiungimento degli obiettivi europei sulle fonti rinnovabili, sull’efficienza energetica e sulla riduzione delle emissioni inquinanti.

Considerato il continuo dibattito  intorno ai contenuti del PNIEC in diversi paesi e ricordando che tali piani dovranno entrare in vigore entro il 24 dicembre di quest’anno, la Commissione Europea ha consigliato di adottare misure dettagliate e quantificate che siano in linea con gli obblighi imposti dalla direttiva 2018/2001, così da attuare il loro contributo con tempestività ed efficacia in termini di costi.

Il cambiamento delle prospettive di governo genera molti interrogativi sulle dinamiche del futuro. Alle nuove istituzioni politiche italiane si chiede di precisare le misure per ridurre la dipendenza energetica e di formalizzare nuove proposte soprattutto nel settore dell’energia elettrica.

In questo ambito vanno valutate l’adeguatezza delle risorse, le potenzialità effettive degli interconnettori e delle capacità di produzione nei paesi limitrofi.

Altro punto da chiarire è il ruolo del gas e la sua compatibilità con il processo di decarbonizzazione che l’Italia deve seguire, rispettando i protocolli e le Convenzioni internazionali sottoscritte e ideate a causa dell’emergenza ambientale.

Anche il Presidente di FederPetroli Italia Michele Marsiglia è intervenuto in merito alle nuove alleanze politiche.

Marsiglia ha dichiarato: “Un augurio di buon lavoro alla nuova squadra di Governo, puntiamo la nostra attenzione principalmente sul Ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio e sul Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, rappresentanti di dicasteri fondamentali per l’indotto energetico sia in Italia che all’estero”.

Auspichiamo – ha dichiarato Michele Marsigliache il nuovo governo avvii subito un confronto costruttivo in materia di politica energetica nazionale, intervenendo su temi e progetti che da più anni sono rimasti nel cassetto, mi riferisco al petrolio e gas ancora non sfruttato nel sottosuolo italiano nonché ai progetti di infrastruttura strategica per l’Italia”.

Il nuovo Governo dovrà anche focalizzarsi sulle nuove nomine delle partecipate italiane, in particolare su ENI.  

E’ presto per tirare fuori dal cilindro i nomi, ma qualcuno è già in gioco nei corridoi romani” conclude Marsiglia.

Ultime news

Anwar Zibaoui Agenzia mediterraneo - Imprese del Sud

Serve un’agenzia turistica che promuova il Mediterraneo

Obiettivo di questa agenzia dovrebbe essere quello di creare e consolidare un marchio unico per l'intero Mediterraneo.
Grecia Canada Ceta ratifica Imprese del Sud

La Grecia verso la ratifica del CETA

Il nuovo potenziale per lo sviluppo di collaborazioni bilaterali tra Grecia e Canada.
Dieta Mediterranea validata nelle Marche Imprese del Sud

Dieta Mediterranea: validata nelle Marche.

0
La Dieta Mediterranea, patrimonio Unesco, validata scientificamente come volano turistico nelle Marche con il Seven Countries Study.
lavoro Medaweek imprese del Sud

Miglioramento delle competenze e riqualificazione: il mercato del lavoro del 21° secolo

Nel mondo del lavoro, le parole d'ordine saranno upskilling e reskilling. Se ne parlerà al prossimo Medaweek 2022.
Crisi Idrica Italia

Crisi Idrica in Italia: quali sono le regioni che sprecano più acqua?

0
L'articolo in questione riguarda i problemi legati alla rete idrica italiana e di conseguenza allo spreco di acqua annuale, evidenziando le regioni in cui lo spreco è maggiore.
spot_img

Economia

La Grecia verso la ratifica del CETA

Il nuovo potenziale per lo sviluppo di collaborazioni bilaterali tra Grecia e Canada.

Sport nel mediterraneo. Il business potrebbe raggiungere il 2% del suo PIL

L'industria dello sport sta mergendo come una delle fonti più potenziali dell'economia dei paesi sulle rive del Mediterraneo.

L’economia della regione mediterranea al centro del Medaweek

L'ultima edizione del MedaWeek, in presenza, del 2019 ha visto la partecipazione di oltre 1.500 uomini d'affari internazionali.

MedaWeek22, aperte le iscrizioni

MedaWeek22, l'appuntamento annuale che ha riunito più di 39.000 uomini d'affari, leader socio-economici globali e imprenditori.
- Advertisement -spot_img