18.3 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
spot_imgspot_img

Sergio Passariello (Imprese del Sud) – Mafia Capitale solo la punta di un iceberg

-

- Advertisment -
Sergio Passariello – Presidente Imprese del Sud

“Le cronache odierne su Mafia Capitale sono solo la punta di un Iceberg e le norme anticorruzione varate ultimamente dal Governo Renzi ed approvate dal Parlamento, non serviranno a nulla, perché chi è abituato a corrompere ed essere corrotto non ha paura dell’aumento delle pene”. – E’ quanto dichiara in una nota Sergio Passariello, Presidente di Imprese del Sud, movimento associativo imprenditoriale a tutela delle Imprese meridionali.

Serve un provvedimento d’urto – continua Passariello – che contempli misure preventive, specialmente nelle fasi di predisposizione dei bandi di gara e durante la fase di aggiudicazione.
Mancano, ad esempio, – evidenzia Passariello – le sanzioni a carico di quei funzionari e dirigenti pubblici che si discostano dalla normativa generale, la quale già prevede espressamente che ogni requisito aggiuntivo, diverso da quello previsto, è nullo.

E’ prassi, per i burocrati creare degli sbarramenti – sottolinea Passariello – inserendo requisiti di partecipazione ad hoc, per ridurre la concorrenza. Già l’art. 46 comma 1Bis) del D.lgs. 163/2006 prevede chiaramente che “i bandi e le lettere di invito non possono contenere ulteriori prescrizioni a pena di esclusione e che dette prescrizioni sono comunque nulle.”

Ma cosa accade se un “burocrate” malfidato e corrotto, inserisce comunque nel bando di gara un requisito diverso da quello stabilito dalla norma generale?
Nulla…. – risponde Passariello – Il concorrente escluso deve necessariamente ricorrere alla Magistratura Amministrativa, con aggravi di costi economici e forse dopo 3 anni scoprirà che quel requisito “illegittimo” che ha determinato la sua esclusione o mancata partecipazione era infondato.

La stessa Autorità Anticorruzione – prosegue Passariello – si trova paradossalmente nella situazione in cui i suoi pareri non sono vincolanti per la pubblica Amministrazione. Ed il paradosso è prescritto da quella stessa norma sugli appalti pubblici che da un lato istituisce, con spese a carico del sistema, l’ANAC del Presidente Cantone e dall’altro decreta che i pareri espressi dall’Autorità sono d’indirizzo e non vincolanti.

Ora – conclude Passariello – se la politica non ha intenzione di emanare un provvedimento d’urgenza tanto semplice quanto determinante dimostra, di fatto, di volere che i fenomeni corruttivi in questo paese, continuino ad esistere.

© riproduzione riservata

Ultime news

sequestro del conto azienda imprese del sud

Accertamento su evasione. Il conto dell’azienda è salvo.

Il conto corrente bancario dell'azienda dell'evasore fiscale non è sequestrabile, anche se ha la delega a operare in banca.
Titolari effettivi Anac Appalti pubblici Imprese del Sud

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.
Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
spot_img

Economia

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...
- Advertisement -spot_img