Le relazioni turistiche tra Italia e Georgia

-

- Advertisment -

Una nuova campagna è stata lanciata dalla società civile della Georgia, la giovane e vivace repubblica dei Caucaso.

Una campagna contemporanea e che pone al centro i social network.

La campagna social lanciata utilizza gli hashtag #VisitGeorgia e #SpendYourSummerinGeorgia con i quali i turisti che visitano il paese possono condividere le loro esperienze e invitare le istituzioni a sostenere scambi turistici.

La campagna nasce per dare una risposta geopolitica al recente divieto del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ai voli aerei con la Georgia. Il segretario dell’Organizzazione mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO), il georgiano Zurab Pololikashvili ha sviscerato i dati positivi del turismo in Georgia, definendo l’avvio di tale campagna “un vero successo turistico”. Il divieto delle autorità russe è dovuto alle problematiche tra i due paesi che risalgono al 2008.

Il turismo in Georgia ha rappresentato il 7,6% del PIL nel 2018.

Più di 1.4 milioni di russi hanno visitato la Georgia l’anno scorso.

D’altronde, le bellezze della Georgia meritano di essere conosciute in Europa e in Italia. La capitale delle Georgia è l’espressione del felice incontro tra Est e Ovest. Balconi di legno, tipici nella città, terme sulfuree del XVII secolo, botteghe e caffè artigianali, cortili italiani, edifici moderni e soprattutto un popolo ospitale che genera un’atmosfera speciale per i visitatori.

La Georgia è storicamente nota anche per la sua tolleranza religiosa, particolarmente evidente nel centro storico, dove la moschea, la sinagoga, chiese cattoliche, ortodosse e armene sono ubicate nello stesso quartiere. Per questo la Georgia è anche chiamata la “Piccola Gerusalemme”.

Venendo alle prospettive e ai dati del turismo tra Italia e Georgia, il trend del turismo italiano è in continua crescita nell’ultimo triennio. Il numero dei visitatori italiani in Georgia ha registrato tra il 2016 e il 2018 un aumento percentuale del 52%, seppur contenuto nei numeri (da 11.432 del 2016 a 17.435 del 2018). Nei primi due mesi del 2019 il dato ha fatto registrare un aumento percentuale del 27% sull’analogo periodo del 2018 (da 1.227 a 1.556 ingressi).

Italia e Georgia intrattengono rapporti economici di ottimo livello, il che si spiega in gran parte con l’alto grado di fiducia diffuso per il made in Italy, senza dimenticare che l’Italia e il suo stile di vita rappresentano da tempo un sicuro punto di riferimento per buona parte della popolazione georgiana.

Dati che permettono di comprendere le opportunità dovute alle relazioni tra Georgia e Italia, a partire dal turismo.

I tour operator italiani iniziano a guardare con interesse il paese, proponendo pacchetti turistici interessanti e accattivanti. Importanti opportunità vi sono anche per gli imprenditori italiani che vogliono investire nel paese del Caucaso.

Il numero dei posti letto ha raggiunto in Georgia il totale di circa 60mila posti e sono presenti le più importanti catene alberghiere internazionali. Lo sviluppo dei resort turistici, delle strutture alberghiere e di percorsi turistici ed enogastronomici sono una priorità di investimento del Governo. Lo sviluppo di nuovi resort di montagna è una priorità del piano di sviluppo delle istituzioni georgiane.  Il settore dell’ospitalità, è il primo in termini di maggiore incremento annuo (+20% sul PIL) e uno dei più promettenti. Obiettivo del Governo è anche quello di far diventare la Georgia un punto di riferimento per il turismo congressuale e dei grandi eventi.

Neno Gabelia

Opportunità che le imprese e la politica italiana non possono ignorare. A tal proposto, importante è l’azione diplomatica  dell’Ambasciatore Neno Gabelia, rappresentante in Italia dei “Giovani Ambasciatori” del paese del Caucaso che sta sviluppando innumerevoli idee sulla promozione turistica tra i due paesi. La giovane Ambasciatrice ha dichiarato:

Di fronte al tentativo di Putin di indebolire i flussi turistici della Georgia, alcuni esponenti della nostra società hanno avviato un’iniziativa per incoraggiare visitatori internazionali di tutto il mondo a visitare la Georgia. L’iniziativa chiamata “Spendi la tua estate in Georgia” ha attirato l’attenzione di oltre 100.000 persone in sole 48 ore. I turisti sono invitati a chiedere consigli sulle ubicazioni turistiche, possono condividere le loro esperienze e le loro impressioni mentre visitano la Georgia.

Un’iniziativa che sta sviluppando il potenziale turistico della regione. Le imprese turistiche della Georgia hanno potenziato molto le loro attrattive per i turisti russi e innumerevoli sono le strutture che hanno perso tali clienti.

Si stima che 80.000 prenotazioni da parte di turisti russi saranno cancellate con l’avviso delle procedure di divieto.

Presto sarà lanciato un sito web con consigli di viaggio e si continuerà a condividere esperienze esplorative  sulla Georgia. Inoltre, voglio ricordare che stiamo lavorando ad un obiettivo importante che a breve sarà completato, ovvero, l’apertura e l’avvio di voli diretti dalla Georgia all’aeroporto di Napoli, innescando nuove opportunità anche con la Campania e il Meridione”.

Ultime news

PMI Emilia Romagna: il voucher per l’export lo offre Euromed

0
Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

340 mila controlli fiscali per Pmi e autonomi

0
L'obiettivo è recuperare 45 miliardi nei prossimi tre anni

Europa-India: dialogo su commercio e investimenti

0
L'India fa gola alle imprese del continente europeo interessate alle opportunità commerciali che si possono sviluppare.

Crotone, 40 associazioni chiedono un nuovo polo universitario

0
Lettera al Rettore di Unical promossa dal gruppo #IoResto

I certificati fitosanitari dopo la Brexit

0
I certificati sanitari sono consultabili sul sito del Dipartimento dell'ambiente, dell'alimentazione e degli affari rurali inglese.

Economia

PMI Emilia Romagna: il voucher per l’export lo offre Euromed

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

Europa-India: dialogo su commercio e investimenti

L'India fa gola alle imprese del continente europeo interessate alle opportunità commerciali che si possono sviluppare.

La promozione dell’olio italiano negli USA

Far conoscere ai distributori Usa l'importanza che l'Italia attribuisce al controllo della tracciabilità e della qualità dell'olio di oliva.

USA contro la web tax italiana: a rischio nuovi dazi

La web tax che l'Italia si appresta a far entrare in vigore potrebbe avere ricadute negative sull'export di prodotti alimentari.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -