7 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

Iva non versata: nuovi criteri per la crisi aziendale

-

- Advertisment -

Il Consiglio dei Ministri, in una recente seduta, nell’ambito delle modifiche al codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza ha discusso la rimodulazione dei criteri per determinare l’ammontare del debito accumulato tramite l’Iva non versata dalle imprese, superato il quale scatta l’obbligo di una segnalazione e l’apertura di una procedura di crisi.

Abbandonato il possibile criterio percentuale (si discuteva di una quota dal 10% al 30% su determinate liquidazioni periodiche dovute), l’idea avanzata è quella di passare all’individuazione di scaglioni che stabiliscono in maniera netta l’ammontare specifico dell’Iva non pagata.

Queste le soglie:

  • 100.000 euro, se il volume di affari risultante dalla dichiarazione relativa all’anno precedente non è superiore a 1 milione di euro; 500.000 euro, se il volume di affari risultante dalla dichiarazione relativa all’anno precedente non è superiore a 10 milioni di euro;
  • 500.000 euro, se il volume di affari risultante dalla dichiarazione relativa all’anno precedente non è superiore a 10 milioni di euro;
  • 1.000.000 di euro, se il volume di affari risultante dalla dichiarazione relativa all’anno precedente è superiore a 10 milioni di euro.

Secondo la relazione di accompagnamento, il governo ritiene che tale criterio sia più lineare e facile applicazione, garantendo un adeguato contemperamento tra concreta funzionalità dell’allerta, da un lato, e contenimento in limiti accettabili del numero di segnalazioni, dall’altro.

I nuovi criteri dovrebbero inoltre diventare più punitivi per le imprese che hanno un fatturato elevato, e allo stesso tempo meno stringente per le imprese di minori dimensioni.

Come Imprese del Sud, mettiamo sul tavolo della discussione un aspetto riguardante l’aspetto penale che merita una riflessione più approfondita. Dal momento in cui un’azienda che non versa l’IVA per un determinato importo deve attivare un procedimento relativo alla crisi d’impresa che porta alla nomina di professionisti, considerando che tali professionisti sono iscritti all’albo e hanno accesso ai dati necessari per verificare le motivazioni del mancato versamento dell’imposta, dovrebbe essere possibile stabilire preventivamente stabilire se si siano verificati o meno casi di appropriazione indebita o sperpero da parte dell’Amministratore o della società. E se non c’è stata, ma l’Iva è stata utilizzata per garantire la sopravvivenza dell’azienda? In questo caso lo Stato italiano dovrebbe chiedere se sia davvero opportuno avviare procedure di crisi.

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img