11.5 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Il Tar: “Criptovalute tassate come redditi esteri”

-

- Advertisment -spot_img

Le criptovalute o monete elettroniche, da un punto di vista fiscale, vanno incluse nell’ambito dei redditi finanziari esteri da dichiararsi nel quadro RW del Modello Unico Persone Fisiche.

Così il TAR del Lazio si è pronunciato sulle criptovalute con una sentenza che farà giurisprudenza su un campo ancora privo di regolamentazione nel nostro Paese, al contrario di altre giurisdizioni come Malta.

I giudici amministrativi hanno risposto al ricorso delle associazioni Assob.It e Associazione Blockchainedu, che si opponevano all’inclusione delle monete virtuali nei redditi finanziari esteri ritenendo sfavorevole questa forma di tassazione con riferimento particolare al carattere di aterritorialità delle cripto monete.

Con la sentenza n. 01077/2019, pubblicata il 27/01/2020, il Tar si è così pronunciato sui presupposti e sui limiti della assoggettabilità a trattamento fiscale dell’utilizzo di moneta elettronica, confermando l’indicazione del MEF e dell’Agenzia delle Entrate, e cioè che nel quadro ordinamentale italiano vigente, l’impiego di moneta virtuale è soggetto a tassazione laddove – e nella misura in cui – generi materia imponibile. E, nello specifico, quando si compila la dichiarazione dei redditi, le criptovalute vanno inserite nel quadro RW, tra i redditi finanziari di provenienza estera.

Come accennato, vi sono invece altre giurisdizioni che nel campo delle criptovalute vanno in una direzione opposta: quella della vicina Repubblica di Malta, in particolare, definita “Blockchain Island” ed entrata in vigore alla fine del 2018, dove i redditi derivanti da transazioni di moneta elettronica non sono soggetti a tassazione.

Nella lista dei sette Paesi più attrattivi per gli operatori di criptovalute rientrano anche il Portogallo, la Germania, Singapore, la Bielorussia, la Georgia e la neo entrata Corea del Sud.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img