12.2 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024
spot_imgspot_img

Il plafond IVA è salvo anche dopo la Brexit

Il chiarimento dell'Agenzia delle Entrate a un interpello

-

- Advertisment -

Una risposta dell’Agenzia delle Entrate ad interpello n. 260 del 19 aprile 2021 ha confermato la soluzione prospettata da una società con sede nel Regno Unito, già identificata direttamente in Italia ai sensi dell’art. 35-ter del dpr 633/72, che nel 2021, a seguito della Brexit, ha chiuso tale posizione Iva e ne ha attivato una nuova tramite un rappresentante fiscale nominato nel territorio dello stato.

Secondo l’Agenzia, infatti, la modifica della modalità di identificazione Iva nel territorio nazionale del soggetto passivo non stabilito è irrilevante ai fini dell’agevolazione per gli esportatori: l’impresa estera che passa al rappresentante fiscale conserva il diritto di acquistare beni e servizi in sospensione d’imposta utilizzando il plafond maturato precedentemente, quando operava mediante identificazione diretta, naturalmente a condizione che possieda lo status di esportatore abituale. 

L’Agenzia delle Entrate ha ricordato di avere anche riconosciuto, con risoluzione n. 7/2021, che ad oggi sussistono i presupposti per consentire alle imprese del Regno Unito di continuare ad avvalersi del procedimento semplificato dell’identificazione diretta, sulla base dell’accordo di collaborazione reciproca nel contrasto delle frodi all’Iva, contenuto nell’ambito del protocollo UE-UK approvato il 24 dicembre 2020. L’impresa che ha presentato l’istanza avrebbe quindi potuto continuare ad operare con la posizione Iva che ha, invece, ritenuto di dover chiudere, prima della pubblicazione della risoluzione citata, per passare al rappresentante fiscale.

Il numero identificativo aperto direttamente e il rappresentante fiscale sono due strumenti alternativi attraverso i quali il soggetto non residente assolve gli obblighi ed esercita i diritti nascenti dalle operazioni effettuate nel territorio dello stato. Peraltro – rimarca l’Agenzia – per costante prassi, il trasferimento del plafond è ritenuto ammissibile anche nell’ambito di operazioni straordinarie intervenute tra soggetti diversi, senza soluzione di continuità tra il soggetto «dante causa» e quello «avente causa» (es. incorporazioni societarie), sicché a maggior ragione è ammesso quando il soggetto passivo è il medesimo ed è cambiata soltanto la modalità di identificazione ai fini dell’assolvimento degli obblighi e dell’esercizio dei diritti in materia di Iva“.

Stefano Colombetti
Stefano Colombettihttps://www.studiolegalecolombetti.it/
Si occupa di diritto civile, penale ed amministrativo sia in ambito giudiziale avanti Giudice di Pace, Tribunale, Corte d’Appello, T.a.r., Consiglio di Stato e Corte di Cassazione, sia nella definizione stragiudiziale delle controversie. Collabora dal 2006 con il Prof. Avv. Ernesto Stajano del Foro di Roma. Ricopre numerosi incarichi con nomina del Tribunale di Milano e di Busto Arsizio quale Delegato alla vendita di immobili sottoposti ad esecuzione, immobili all'asta e quale Amministratore di Sostegno e Tutore; è stato altresì nominato Corrispondente Culturale della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade (MACTT), ONG di diritto Maltese ed è fondatore di un Club Rotary in Milano.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

EIC Accelerator 2024 - Imprese del Sud

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e...

0
EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.
Fiscalità internazionale controllate estere - Imprese del sud

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.
Bandi Prima 2024 - Imprese del Sud

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

0
I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo
Europa Digitale - Abilità digitali - Imprese del Sud

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

0
Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
Erasmus+ bando 2024 politiche europee - Imprese del Sud

Erasmus+: bando 2024 per sperimentazioni di politiche europee

0
Istruzione digitale, istruzione e formazione professionali, istruzione degli adulti, istruzione scolastica, micro-credenziali, istruzione superiore, saranno i topic al centro del bando Erasmus+ con scadenza 4 Giugno 2024.
spot_img

Economia

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e piccole e medie imprese

EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
- Advertisement -spot_img