Accordo post Brexit tra Regno Unito e Canada

Nel corso degli ultimi anni, il commercio bilaterale tra i due Paesi ha raggiunto una media di 27,1 miliardi di dollari.

-

- Advertisment -

La notizia è stata diffusa in tutto il mondo ed è stata oggetto delle più variegate e articolate analisi degli economisti. A partire dal 1 gennaio 2021, la Brexit è ufficialmente entrata in vigore. Il Regno Unito lascia l’Unione europea e non è più coperto dall’accordo economico e commerciale globale tra Canada ed Europa (CETA). Per continuare ad avere proficue relazioni, il governo del Canada e quello del Regno Unito hanno firmato un accordo transitorio, che rimarrà in vigore fino a quando non sarà raggiunto un accordo commerciale bilaterale ben definitivo. 

Questo accordo, che insieme a un Memorandum of Understanding (MOU), lanciato e applicato fino al raggiungimento di un nuovo accordo commerciale, mantiene in vita le condizioni commerciali già operative tra le due nazioni con il CETA. Tuttavia, appaiono chiari alcuni cambiamenti economici nell’elaborazione e definizione di un nuovo accordo tra il Canada e il Regno Unito. Il 10 dicembre 2020, i governi del Canada e del Regno Unito hanno firmato un accordo transitorio per rafforzare il libero scambio tra le due entità statali, denominato Accordo di continuità commerciale tra il Canada e il Regno Unito per Gran Bretagna e Irlanda del Nord (il TCA), che il governo del Canada propone di attuare sottoscrivendo un atto di continuità commerciale tra il Canada e il Regno Unito. Il TCA impegna il Regno Unito e il Canada ad avviare negoziati su un nuovo accordo commerciale e a concludere il raggiungimento di tale accordo entro un paio di anni.

L’attuazione e la diffusione del CETA ha segnato l’avvio di una proficua relazione commerciale tra Canada e comunità europea. L‘UE rappresenta il terzo partner commerciale del Canada, mentre il commercio bilaterale tra il Canada e il Regno Unito, dal 2017 al 2019, ha raggiunto una media di 27,1 miliardi di dollari all’anno. Il TCA intende confermare la volontà politica dichiarata dal Regno Unito e dal Canada nel voler continuare ad intrattenere relazioni economiche e commerciali secondo le regole e le agevolazioni del CETA. Sebbene il testo finale dell’accordo non sia stato ancora ratificato, i vantaggi attuali del TCA includono la maggior parte delle clausole commerciali previste dal CETA, inclusa l’eliminazione del 98% delle tariffe sui prodotti canadesi esportati nel Regno Unito, anche per i prodotti agricoli, conservando disposizioni in materia di lavoro, ambiente, cooperazione legislativa e risoluzione delle controversie.

Le relazioni commerciali tra Canada e Regno Unito rimangono sostanzialmente invariate dopo il primo gennaio del 2021. Le tariffe preferenziali tra il Regno Unito e il Canada continueranno ad essere applicate fino a quando il MOU sarà in vigore. Inoltre, per quanto riguarda un aspetto specifico della cooperazione in ambito agroalimentare, in base sia al MOU che al TCA, le esportazioni di formaggi del Regno Unito verso il Canada continueranno a essere trattate nell’ambito della capacità e della quota commerciale di formaggio dell’Europa, fino al 31 dicembre del 2023.

Per sviluppare il tuo progetto di export affidati al supporto strategico di Euromerd International Trade.

Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -

Ultime news

Crotone, 40 associazioni chiedono un nuovo polo universitario

0
Lettera al Rettore di Unical promossa dal gruppo #IoResto

I certificati fitosanitari dopo la Brexit

0
I certificati sanitari sono consultabili sul sito del Dipartimento dell'ambiente, dell'alimentazione e degli affari rurali inglese.

Come cambia il lavoro dopo il Covid

0
Ecco le nuove tipologie di rapporto di lavoro che si sono affermate ancor di più dopo l'emergenza

La promozione dell’olio italiano negli USA

0
Far conoscere ai distributori Usa l'importanza che l'Italia attribuisce al controllo della tracciabilità e della qualità dell'olio di oliva.

USA contro la web tax italiana: a rischio nuovi dazi

0
La web tax che l'Italia si appresta a far entrare in vigore potrebbe avere ricadute negative sull'export di prodotti alimentari.

Economia

La promozione dell’olio italiano negli USA

Far conoscere ai distributori Usa l'importanza che l'Italia attribuisce al controllo della tracciabilità e della qualità dell'olio di oliva.

USA contro la web tax italiana: a rischio nuovi dazi

La web tax che l'Italia si appresta a far entrare in vigore potrebbe avere ricadute negative sull'export di prodotti alimentari.

L’Umbria a caccia di capitali esteri

La Regione Umbria sta valorizzando il patrimonio imprenditoriale internazionale attraverso un ambiente favorevole per le imprese.

Il Mezzogiorno “salva” l’export italiano

Il Mezzogiorno attutisce il colpo rispetto al calo dell'export nazionale nei primi nove mesi del 2020 rispetto al 2019 (-12,5%).

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -