20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Il Canada e la crescita dei consumi alimentari biologici

Una nuova ricerca condotta da Canada Organic Trade Association (COTA) evidenzia una crescita dei prodotti biologici venduti in Canada.

-

- Advertisment -spot_img

Il rapporto tra alimentazione e consumi dei cittadini canadesi sta vivendo una nuova svolta epocale dopo la diffusione e l’emergere nel paese della pandemia sanitaria. Una nuova ricerca condotta dall’Organizzazione Canada Organic Trade Association (COTA) evidenzia una crescita dei prodotti biologici venduti in Canada, con una percentuale pari al 3.2% su tutti gli acquisti di generi alimentari. Secondo le analisi elaborate dall’organizzazione, il biologico in Canada vale 6.9 miliardi di dollari all’anno. Tale cifra è riferita alla spesa in prodotti biologici in Canada ed appare una statistica importante se rapportata alle analisi del 2017 con una spesa in biologico pari a 5 miliardi di dollari. Il Canada Organic Trade Association ha commissionato un sondaggio per comprendere le nuove priorità dei consumatori canadesi evidenziando un aumento dei prodotti biologici alimentari acquistati dalle fasce di popolazione giovanile e dai trentenni.

Tia Loftsgard, direttrice esecutiva del Canada Organic Trade Association, ha affermato: “La ricerca mostra che i consumatori stanno facendo scelte in linea con le loro priorità e con nuovi valori legati alla salute. I consumatori canadesi vogliono evitare l’esposizione degli alimenti ai pesticidi e sostenere standard più elevati di benessere degli animali. Le persone stanno cercando di assicurarsi un sistema immunitario forte e di nutrire bene il corpo. Durante questo periodo la salute è divenuta una priorità“. 

Di coloro che acquistano prodotti alimentari biologici, frutta e verdura vengono acquistati in enorme quantità: “il 78% degli intervistati afferma di acquistare frutta e verdura biologica“. Tale novità rappresenta un’importante opportunità per le imprese italiane e per il settore agroalimentare made in italy da sempre riconosciuto come eccellenza mondiale. Il Canada è diventata una piattaforma commerciale molto interessante a seguito dell’entrata in vigore del “Comprehensive Economic and Trade Agreement” (CETA) con l’Unione Europea e con altri trattati con gli Stati Uniti.  Il sistema normativo canadese in ambito agroalimentare è caratterizzato da leggi e norme chiamate “Statues and Acts”, emanate dal Parlamento federale, “Regulations” ossia regolamenti che hanno lo scopo di definire l’implementazione e la verifica della corretta applicazione delle normative e delle linee guida pubblicate dai diversi dipartimenti federali per interpretare correttamente le leggi ed i regolamenti. L’Italia, patria di prodotti agroalimentari di successo con migliaia di produttori nazionali impegnati nell’export in Nord America, da sempre invidiati in tutto il mondo, non può lasciare tale opportunità ad altri paesi nel conoscere dettagliatamente le regole del commercio estero e lo sviluppo di nuove normative, affidandosi invece al passaparola o a interpretazioni sommarie.

Gli alimenti venduti in Canada devono essere prodotti, preparati, stoccati, imballati ed etichettati in condizioni sanitarie idonee e vengono applicate non solo alle aziende alimentari localizzate in Canada che importano o realizzano prodotti agroalimentari destinati all’estero, ma anche ai produttori localizzati al di fuori del territorio canadese che vogliono esportare in Canada. Per le aziende interessate al settore, anche per la rivoluzione dei prodotti biologici che sembra aver investito il paese, è fondamentale avviare una collaborazione con un importatore canadese che sia dotato di una licenza per importare, dal momento che il prodotto può essere esportato in Canada solo attraverso un importatore con licenza. Tale licenza, inoltre, cambia a seconda del tipo di prodotto. A tal riguardo Euromed International Trade propone alle imprese del network ed ai propri clienti, impegnate e desiderose di entrare sui mercati internazionali, un’offerta completa di servizi integrati, dedicando molta attenzione al Canada e alle opportunità economiche e di export con il paese. Il modello messo a punto parte dalla consapevolezza che nell’ambiente altamente competitivo dell’economia attuale, caratterizzata dal libero movimento di merci, servizi, capitali e risorse a livello globale, l’internazionalizzazione dell’impresa non si identifica più con la sola attività di export, ma prevede anche la collaborazione con imprese ubicate in Canada e l’apertura di filiali commerciali o produttive. La rivoluzione dei prodotti biologici in Canada può rappresentare una grande opportunità per le imprese italiane dell’agroalimentare.

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img