23.3 C
Rome
mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img

Canada, agroalimentare in crescita nonostante il Covid

Le esportazioni agricole del Canada sono state straordinariamente resistenti durante la crisi sanitaria causata dal coronavirus.

-

- Advertisment -

Nonostante sia spesso oggetto di critica infondata per le proprie politiche alimentari, il Canada conferma la sua forza sui mercati anche in questo settore. Le esportazioni agricole del Canada sono state straordinariamente resistenti durante la crisi sanitaria causata dal coronavirus. Anche in Canada, a causa del rapido declino delle attività economiche, le misure legislative intraprese dal governo e l’isolamento sociale hanno generato nuove sfide nel settore del turismo, della vendita al dettaglio e della ristorazione, cambiando la domanda e l’offerta dei prodotti agroalimentari.

Nonostante tali problematiche, le esportazioni agricole e alimentari in Canada sono consistenti e durevoli. Il paese soffre attualmente di mancanza di manodopera ma è riuscito lo stesso con l’avallo della tecnologia e dell’innovazione ad avere un importante bilancia nella promozione dell’export alimentare e un surplus economico in tale settore. Il commercio bilaterale tra Canada e Italia è considerevole e in crescita: nel 2017, l’export si è avvicinato ai 10,5 miliardi di dollari. Le esportazioni del Canada in Italia nel 2018 hanno raggiunto i 2,9 miliardi di dollari, con un aumento del 34% in un anno. “Il CETA offre enormi opportunità alle aziende canadesi di accedere ai mercati europei a condizioni preferenziali“, ha recentemente affermato Philip Turi, direttore alla strategia e all’innovazione di Export Development Canada. Tali considerazioni appaiono valide e importanti anche quando ci si affaccia sul settore agroalimentare.

Anche Federica Leonetti di Enterprise Europe Network condivide l’ottimismo commerciale e legato all’export sviscerato dai dati. “Il CETA rafforzerà sicuramente i legami tra Italia e Canada. È l’accordo commerciale più importante mai firmato perché liberalizza le tariffe, consente alle aziende canadesi di fare offerte su appalti pubblici europei, sostiene la mobilità dei lavoratori e fornisce un trattamento privilegiato agli investitori, oltre che garantire tutele nel settore agroalimentare“.

Ricordiamo che tra le principali esportazioni del Canada in Italia nel 2018 ritroviamo il comparto cerealicolo con un valore commerciale pari a 161 milioni di dollari canadesi.

Per gli imprenditori canadesi interessati all’Italia e allo scambio nel mondo agroalimentare le barriere linguistiche, le differenze culturali e le metodologie differenti da quelle utilizzate in Canada nello sviluppare network commerciali e fare affari possono essere sfide per le aziende canadesi che vogliono entrare nel mercato italiano. Lavorare con partner che hanno familiarità con le condizioni locali è un primo passo ideale per sviluppare e incrementare una sana strategia.

E’ essenziale consultare professionisti del settore per determinare in che modo le normative dell’Unione Europea possono influenzare le esportazioni canadesi in Italia. Nel Mediterraneo e nel contesto geografico del Sud Italia la società Euromed International Trade dedica molta attenzione al Ceta e alle opportunità economiche e commerciali che possono svilupparsi tra Italia e Canada. Le relazioni personali sono alla base della cultura imprenditoriale italiana e gli esperti di Euromed International Trade possono dare il loro decisivo contributo nello sviluppare il miglior clima commerciale possibile e avviare partnership di lunga durata.

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img