12.8 C
Roma
domenica, 25 Ottobre 2020

Crescere in tempi di Covid-19: l’esempio di H2biz

-

- Advertisment -

L’epidemia da Covid-19 ha colpito tutte le aziende costringendole ad operare in un contesto di incertezza costante. Non tutte, però, hanno reagito allo stesso modo. Alcune non hanno potuto neanche reagire perché chiuse per decreto, altre si sono attrezzate a lavorare in remoto per ridurre al minimo i danni e altre ancora sono riuscite a trasformare l’emergenza in un’opportunità. Una di quelle aziende che è riuscita a contrastare l’onda anomala del Coronavirus è H2biz, il business HUB guidato dall’imprenditore Luigi De Falco, che da quando è scoppiata l’emergenza ha messo a segno una crescita del 276% dei  volumi operativi.

Un risultato straordinario il cui merito va ascritto a due fattori: un modello di business globale e flessibile e un rapporto consolidato e fiduciario con il proprio portafoglio clienti, al 90% costituito da pmi.

Il combinato disposto di questi due fattori ha consentito ad H2biz di adattare quasi in tempo reale il suo modello alle esigenze delle aziende colpite dall’emergenza e di mettersi al loro servizio con una serie di iniziative tutte finalizzate alla generazione di opportunità di business. Da segnalare in tal senso l’accordo sottoscritto da H2biz con 140 committenti esteri (che già acquistavano prodotti e servizi attraverso le Reti di export di H2biz) per anticipare ai mesi di marzo e aprile le forniture pianificate per tutto il 2020 e dare così ossigeno immediato alle pmi italiane. L’accordo ha prodotto (ad oggi) 116 richieste di acquisto di prodotti e servizi made in italy per un controvalore di oltre 70 milioni di euro.

Molto interessante anche il ciclo di webinar lanciati da H2biz in collaborazione con alcuni esperti di settore per aiutare le pmi ad uscire dall’impasse, come quello dedicato al settore Turismo, all’export e ai canali alternativi alle banche per reperire liquidità. Tutti webinar unici nel loro genere perché erogati one-to-one,  singolarmente sulle specifiche esigenze di ogni imprenditore. Un modello completamente diverso da quello classico dei webinar che prevedono la partecipazione contemporanea in streaming di decine o centinaia di utenti.

Di rilievo e meritevole di attenzione è anche il lancio della piattaforma di Cambio Merci per scambiarsi prodotti e servizi senza sborsare liquidità. Un business, quello del baratto, vecchio come il mondo ma che H2biz ha saputo aggiornare con alcune innovazioni operative e adattare al momento di mercato.

Un altro fattore che ha concorso al raggiungimento dei risultati positivi sono state le attività che potremmo definire di “pronto soccorso” che H2biz ha effettuato per aiutare alcune filiere in difficoltà, come per esempio il caso delle 18 aziende esportatrici che avevano le merci dirette in Cina bloccate nei porti italiani.
H2biz è intervenuta riuscendo a rivendere le merci bloccate su altri mercati e individuando dei professionisti qualificati a cui affidare la gestione dei contenziosi legali derivanti dal blocco.

Nella stessa linea operativa di “pronto soccorso” H2biz ha lanciato “Elenco fornitori qualificati – Speciale Coronavirus” , una piattaforma dedicata alla ricerca di fornitori per le aziende che hanno difficoltà ad approvvigionarsi di prodotti e servizi a causa dell’emergenza Coronavirus e che ha avuto un grande riscontro di mercato.

Ovviamente H2biz è stata avvantaggiata dal fatto di operare da sempre on-line e di avere dei canali consolidati di export e relazione in 42 paesi, ma questo nulla toglie alla bontà dei risultati raggiunti e dimostra solo che l’internazionalizzazione è un fattore di crescita e di attenuazione del rischio d’impresa in fasi di emergenza o rallentamento del ciclo economico.

- Advertisement -

Ultime news

Bandi per l’impresa: “Quando il Click Day è anticostituzionale”

0
L'intervento di Dhebora Mirabelli, Presidente di Confapi Sicilia: "Questo tipo di bandi umiliano gli imprenditori che non riescono in 7 secondi a presentare l’istruttoria. Servono regole eque e meritocratiche”.

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

0
Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

0
C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Economia

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -