28.8 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022
spot_imgspot_img

Blacklist dei paradisi fiscali: i nuovi criteri UE

Attualmente sono 12 i Paesi nel mirino di Bruxelles, ma questi coprono meno del 2% delle perdite di gettito.

-

- Advertisment -

Il Parlamento Europeo ha approvato in seduta plenaria una risoluzione per riformare la blacklist dei paradisi fiscali, ossia i Paesi non conformi fiscalmente ai principi comunitari: il testo è stato approvato con 587 voti favorevoli, 50 contrari e 46 astensioni.

Tra i criteri da aggiornare, il parlamento ha individuato una maggiore trasparenza sulla titolarità effettiva delle società (come stabilito dalla quinta direttiva antiriciclaggio), l’espansione del requisito di tassazione equa che vada a vigilare non solo sui regimi preferenziali ma anche sulle esenzioni fiscali, e una attenzione maggiore sui prezzi di trasferimento dai volumi non giustificati.

Questi criteri si aggiungono alle caratteristiche più comuni, che sono state identificate dall’OCSE nel 1998 in occasione della pubblicazione del rapporto “Harmful Tax Competition – An Emerging Global Issue”, nei seguenti punti:

  • sostanziale mancanza di imposte sui redditi delle imprese costituite nei propri territori;
  • assenza, all’interno dei rispettivi ordinamenti giuridici, dell’obbligo per le società ivi costituite di svolgere un’affettiva attività d’impresa nei relativi territori;
  • poca trasparenza del sistema legislativo e amministrativo, che consente a determinati soggetti di beneficiare di privilegi in termini di ridotta tassazione dei redditi;
  • assenza di alcun meccanismo di scambio delle informazioni fiscali tra tali Paesi e gli altri Stati finalizzato a garantire la potestà impositiva di questi ultimi e a combattere i fenomeni di evasione ed elusione fiscale internazionale.

A partire da questi spunti, il Consiglio e la Commissione sono stati chiamati a riformare la “lista nera” dei Paesi considerati non collaborativi. Una blacklist che è stata istituita nel 2017 e il cui impatto è stato riconosciuto come “positivo, anche se non ancora all’altezza del suo potenziale”. A tal proposito l’europarlamento, citando i dati del Tax Justice Network, ha evideziato che i paesi attualmente parte della lista coprono meno del 2% delle perdite di gettito fiscale a livello mondiale.

Ad oggi, oltre alle 8 giurisdizioni già incluse (Samoa americane, Figi, Guam, Samoa, Oman, Trinidad e Tobago, Vanuatu, Isole Vergini americane), l’UE ha deciso di inserire nella lista delle giurisdizioni non cooperative a fini fiscali anche le Isole Cayman, Palau, Panama e le Seychelles. Queste giurisdizioni non hanno attuato, entro il termine stabilito, gli impegni assunti in materia di riforme fiscali.

L’allegato II delle conclusioni, che contempla le giurisdizioni con impegni in sospeso, riporta inoltre le proroghe concesse a 12 giurisdizioni per consentire loro di varare le riforme necessarie e rispettare gli impegni assunti. La maggior parte delle proroghe riguarda i paesi in via di sviluppo senza un centro finanziario che hanno già compiuto progressi significativi nell’adempimento degli impegni assunti.

16 giurisdizioni (Antigua e Barbuda, Armenia, Bahamas, Barbados, Belize, Bermuda, Isole Vergini britanniche, Capo Verde, Isole Cook, Curaçao, Isole Marshall, Montenegro, Nauru, Niue, Saint Kitts e Nevis, Vietnam) sono riuscite ad attuare tutte le riforme necessarie per conformarsi ai principi di buona governance fiscale dell’UE prima del termine fissato.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
bundestag

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero scambio CETA tra l'Unione Europea...
ceta business forum

Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
spot_img

Economia

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...
- Advertisement -spot_img