23.2 C
Rome
sabato, Luglio 31, 2021
spot_imgspot_img

Verso l’aliquota minima UE per le imprese

Un tavolo tecnico convocato a Bruxelles si appresta a ridurre le diseguaglianze fiscali ingiustificate tra Paesi membri

-

- Advertisment -

Di recente si è riunito a Bruxelles un gruppo di tecnici per definire le nuove regole della buona fiscalità UE, con lo scopo di rivedere la definizione delle norme fiscali raccomandate dall’Unione agli Stati membri, introdotte per la prima volta nel 1997. E tra queste spicca l’aliquota minima fiscale per le società.

Il nuovo incontro è stato convocato per adeguare le raccomandazioni a nuove pratiche economiche come la digitalizzazione e il ruolo sempre più centrale delle società multinazionali nell’economia globale: fattori che hanno reso antiquate e superate le prime regole risalenti a ben 23 anni fa, e mai modificate fino ad oggi.

Sono stati così valutati centinaia di regimi fiscali adottati sia in Europa che nel mondo, cercando di differenziare i Paesi da definire “paradisi fiscali“, e quelli “a fiscalità vantaggiosa“, che hanno il merito di garantire una tassazione agevolata per dare impulso alla loro economia ma restando entro i confini dei parametri internazionali.

L’argomento emerso con più forza per marcare con più evidenza la differenza sopracitata riguarda l’introduzione di una tassazione minima, e di un piano su come i Paesi potranno utilizzare le rispettive aliquote fiscali per attirare imprese e investimenti.

Se non vi è un consenso sulla tassazione minima a livello globale, questo concetto deve essere introdotto nel Codice come standard UE” ha sentenziato la Commissione Europea in una nota di commento ai lavori del tavolo tecnico.

Nel mirino sembrano esserci quei Paesi che utilizzano le strutture generali dei loro sistemi fiscali per impegnarsi nella concorrenza fiscale, ad esempio con l’adozione di particolari regole di residenza fiscale che possono portare a una doppia non imposizione o a esenzioni fiscali per i redditi esteri.

Anche i passaporti d’oro verranno probabilmente messi al bando. Secondo la commissione, i regimi speciali di cittadinanza o le misure per attirare gli espatriati o gli individui facoltosi dovrebbero essere presi in esame.

Lo stesso gruppo potrebbe poi prendere in considerazione le conseguenze da adottare nei confronti degli Stati membri che non si conformeranno alle decisioni prese nei tempi previsti, mentre per i paesi terzi si aprirà una discussione sulla portata geografica dell’elenco dell’Ue che fino ad ora ha escluso i paesi meno sviluppati e privi di un centro finanziario.

Il fare impresa a livello globale, quindi, dovrebbe essere sempre più basato su regole e condizioni uguali per tutti, almeno da punto di vista fiscale e in linea di principio. Ferme restando, poi, le politiche adottate dai singoli Stati per incentivare la crescita e non opprimere le attività economiche: qui ciascuno deve prendersi la responsabilità di adottare sistemi di imposizione equi e non far scappare (stavolta legittimamente e comprensibilmente) le proprie aziende altrove.

Ultime news

L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

0
È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

0
La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

0
Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

0
L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
spot_img

Economia

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
- Advertisement -spot_img