23.3 C
Rome
mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img

Verso l’aliquota minima UE per le imprese

Un tavolo tecnico convocato a Bruxelles si appresta a ridurre le diseguaglianze fiscali ingiustificate tra Paesi membri

-

- Advertisment -

Di recente si è riunito a Bruxelles un gruppo di tecnici per definire le nuove regole della buona fiscalità UE, con lo scopo di rivedere la definizione delle norme fiscali raccomandate dall’Unione agli Stati membri, introdotte per la prima volta nel 1997. E tra queste spicca l’aliquota minima fiscale per le società.

Il nuovo incontro è stato convocato per adeguare le raccomandazioni a nuove pratiche economiche come la digitalizzazione e il ruolo sempre più centrale delle società multinazionali nell’economia globale: fattori che hanno reso antiquate e superate le prime regole risalenti a ben 23 anni fa, e mai modificate fino ad oggi.

Sono stati così valutati centinaia di regimi fiscali adottati sia in Europa che nel mondo, cercando di differenziare i Paesi da definire “paradisi fiscali“, e quelli “a fiscalità vantaggiosa“, che hanno il merito di garantire una tassazione agevolata per dare impulso alla loro economia ma restando entro i confini dei parametri internazionali.

L’argomento emerso con più forza per marcare con più evidenza la differenza sopracitata riguarda l’introduzione di una tassazione minima, e di un piano su come i Paesi potranno utilizzare le rispettive aliquote fiscali per attirare imprese e investimenti.

Se non vi è un consenso sulla tassazione minima a livello globale, questo concetto deve essere introdotto nel Codice come standard UE” ha sentenziato la Commissione Europea in una nota di commento ai lavori del tavolo tecnico.

Nel mirino sembrano esserci quei Paesi che utilizzano le strutture generali dei loro sistemi fiscali per impegnarsi nella concorrenza fiscale, ad esempio con l’adozione di particolari regole di residenza fiscale che possono portare a una doppia non imposizione o a esenzioni fiscali per i redditi esteri.

Anche i passaporti d’oro verranno probabilmente messi al bando. Secondo la commissione, i regimi speciali di cittadinanza o le misure per attirare gli espatriati o gli individui facoltosi dovrebbero essere presi in esame.

Lo stesso gruppo potrebbe poi prendere in considerazione le conseguenze da adottare nei confronti degli Stati membri che non si conformeranno alle decisioni prese nei tempi previsti, mentre per i paesi terzi si aprirà una discussione sulla portata geografica dell’elenco dell’Ue che fino ad ora ha escluso i paesi meno sviluppati e privi di un centro finanziario.

Il fare impresa a livello globale, quindi, dovrebbe essere sempre più basato su regole e condizioni uguali per tutti, almeno da punto di vista fiscale e in linea di principio. Ferme restando, poi, le politiche adottate dai singoli Stati per incentivare la crescita e non opprimere le attività economiche: qui ciascuno deve prendersi la responsabilità di adottare sistemi di imposizione equi e non far scappare (stavolta legittimamente e comprensibilmente) le proprie aziende altrove.

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img