23.2 C
Rome
sabato, Luglio 31, 2021
spot_imgspot_img

Anche la startup innovativa richiede un atto del notaio

Una nuova pronuncia del Consiglio di Stato ribalta il contenuto di un decreto ministeriale.

-

- Advertisment -

Una sentenza del Consiglio di Stato pronunciata lo scorso 4 marzo 2021 ribalta quanto stabilito in un decreto ministeriale del 2016 che consentiva la costituzione di startup innovative senza preventivo atto pubblico notarile: secondo i giudici amministrativi, infatti, la startup innovativa senza notaio è “fuori controllo” e illegittima, dato che l’assenza di verifiche sostanziali pone le norme italiane in contrasto con le disposizioni dell’Unione Europea.

Secondo l’ultima sentenza, per giustificare la legittimità dell’assenza di un atto notarile non risulta sufficiente nemmeno l’attività svolta dal curatore presso il Registro delle Imprese, il quale conduce solo verifiche formali all’atto della costituzione di queste srl in Camera di Commercio. L’assenza di controlli preventivi, amministrativi e giudiziari da parte delle Camere di Commercio crea pertanto un contrasto tra il decreto italiano e quanto richiesto obbligatoriamente dalla normativa europea.

La vicenda in questione è scaturita da un ricorso al Tar Lazio da parte del Consiglio nazionale del notariato, che lo scorso 4 Maggio 2016 aveva chiesto l’annullamento del sopracitato decreto del MiSe e impugnato la circolare attuativa, recante “l’approvazione del modello per le modifiche delle startup innovative”.

Secondo le direttive 101/2009 e 1132/2017 “in tutti gli stati membri la cui legislazione non preveda, all’atto della costituzione, un controllo preventivo, amministrativo o giudiziario, l’atto costitutivo o lo statuto della società e le loro modifiche devono rivestire la forma di atto pubblico” e in base al DPR 581/1995 al conservatore del registro è consentito unicamente un controllo meramente formale.

Questo il commento del Consiglio del Notariato, diffuso in una nota: “Questa sentenza consente quindi di rimarcare come il Notariato non sia assolutamente contrario al
modello “startup innovativa” ed il fatto che il 75% di esse (dati del MISE al 31.12.2019) venga costituito attraverso l’atto pubblico notarile ne è la dimostrazione più evidente e pone l’accento sull’importanza del controllo di legalità preventivo in ambito societario al fine di mantenere l’affidabilità dei pubblici registri e non consentire ad organizzazioni malavitose di utilizzare indiscriminatamente nuovi modelli societari particolarmente appetibili in quanto significativamente agevolati, ma non adeguatamente controllati e sorvegliati.

spot_imgspot_img
Stefano Colombettihttps://www.studiolegalecolombetti.it/
Si occupa di diritto civile, penale ed amministrativo sia in ambito giudiziale avanti Giudice di Pace, Tribunale, Corte d’Appello, T.a.r., Consiglio di Stato e Corte di Cassazione, sia nella definizione stragiudiziale delle controversie. Collabora dal 2006 con il Prof. Avv. Ernesto Stajano del Foro di Roma. Ricopre numerosi incarichi con nomina del Tribunale di Milano e di Busto Arsizio quale Delegato alla vendita di immobili sottoposti ad esecuzione, immobili all'asta e quale Amministratore di Sostegno e Tutore; è stato altresì nominato Corrispondente Culturale della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade (MACTT), ONG di diritto Maltese ed è fondatore di un Club Rotary in Milano.
- Media partner -Media partner

Ultime news

L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

0
È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

0
La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

0
Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

0
L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
spot_img

Economia

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
- Advertisement -spot_img