7 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

L’export dell’oreficeria italiana cresce grazie al Sudafrica

-

- Advertisment -

La ripartenza dell’export dell’oreficeria italiana si deve al Sudafrica, oltre che a Stati Uniti e Irlanda. Scalzata invece la Svizzera, in quello che era il suo consolidato primato. L’ultimo studio della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo ha evidenziato che l’oreficeria è stato uno dei settori più colpiti dalla pandemia. Secondo il World Gold Council, la domanda mondiale è scesa a 1.400 tonnellate, livelli minimi dell’ultimo decennio, con una contrazione pari al 33,5%. Complici del calo, sia le misure di contenimento della pandemia, sia l’elevato livello raggiunto dai prezzi dei preziosi, come effetto della forte incertezza presente sui mercati.

Tuttavia, già a partire dal terzo trimestre, ma ancora più nel quarto, la domanda mondiale di gioielli in oro ha iniziato a recuperare, con miglioramenti diffusi a tutti i Paesi e particolarmente intensi in India (-7,9% nel quarto trimestre a fronte di -42% dell’intero 2020) e Cina (-9,5% rispetto a -34,9%), senza sottovalutare le opportunità offerte dal mercato del Sud Africa per le imprese italiane.

Per le imprese italiane, il Sudafrica è essenziale e l’export di gioielli italiani in oro è aumentato del 74% in valore e del 35,6% in quantità nella media del 2020, con variazioni molto elevate nell’ultimo trimestre. Irlanda e Sudafrica sono gli unici due paesi, tra le prime dieci destinazioni, con un consuntivo 2020 in positivo a fronte di cali diffusi e particolarmente rilevanti, oltre che per la Svizzera, anche per gli Emirati Arabi Uniti (-47,5%), la Francia (-44%) e Hong Kong (-51,4%). Guardano ai distretti italiani, Vicenza torna in positivo nel quarto trimestre (+4,7%), grazie alle spedizioni verso il Sudafrica (+17,7% nella media del 2020 e +94,1% nell’ultimo trimestre), che diventa terza destinazione a livello mondiale per il mercato italiano.

Arezzo chiude il quarto trimestre con un calo limitato all’1,3%, che porta il consuntivo del 2020 a registrare una contrazione di poco inferiore al 30%, grazie al recupero intenso registrato dalle esportazioni destinate agli Stati Uniti e alla crescita degli invii verso il Sudafrica (+248,9% nell’intero 2020 con un +270,3% nel quarto trimestre). Per continuare a sviluppare il settore in Sud Africa, il network di società e imprese riunito intorno alla Camera di Commercio italiana in Sud Africa (ItalCham) è molto importante. ItalCham è una ONLUS forte e attiva che rappresenta la comunità imprenditoriale italo-sudafricana e supporta ogni attività commerciale tra l’Italia e il Sudafrica. Il network legato alla camera sudafricana fa da ponte fra i mercati italiani e quelli sudafricani. 

Tra le società più dinamiche in tale ambito troviamo Euromed International Trade che ha aderito alla Camera ItalCham ed è tra le società più attive in tutto il mondo commerciale del Commonwealth. Agendo da ponte tra le imprese italiane e sudafricane, offre informazioni essenziali, contatti e assistenza su misura alle aziende che stanno esplorando la possibilità di instaurare una relazione commerciale bilaterale con il Sudafrica. 

Domenico Letizia
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img