8.8 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
spot_imgspot_img

Ambulanti: “Rinnovare le concessioni nei mercati”

-

- Advertisment -

Mettere fine all’emergenza sui rinnovi delle concessioni nei mercati su area pubblica, che mette a rischio l’attività di migliaia di imprese del commercio ambulante, con un emendamento e un sub emendamento al decreto Milleproroghe in fase di autorizzazione.

La soluzione è stata individuata e illustrata, il 2 febbraio scorso, in Confcommercio Milano, alla presenza  e con l’intervento del vice ministro all’Economia e Finanze Laura Castelli, dal presidente FIVA Confcommercio Giacomo Errico, agli ambulanti che hanno partecipato all’incontro provenienti da tutta Italia, nel corso dell’assemblea nazionale dei quadri dirigenti della Federazione e delle Associazioni. Il presidente Errico, nel suo intervento ha puntato, soprattutto sulla necessità ridare certezze e voglia agli ambulanti di continuare a investire. E ancora, ha parlato della necessità di definire un assetto normativo nuovo che individui delle politiche fiscali che favoriscano gli investimenti aziendali,  politiche che promuovano il rilancio dei mercati in area pubblica con impianti e linee di credito agevolate e sanzioni mirate contro l’abusivismo e la contraffazione, a tutela degli ambulanti e delle imprese ambulanti in regola.

All’evento ha partecipato il presidente FIVA Confcommercio Lazio Sud Roberto Delle Fontane che nel condividere e sostenere con forza le parole del Presidente Nazionale FIVA Confcommercio Giacomo Errico ha così sottolineato la piena soddisfazione rispetto al confronto diretto e costruttivo con la Vice Ministro delle Economie e finanze On. Laura Castelli e ha dichiarato: “Serve un intervento nel decreto Mille Proroghe per chiudere l’emergenza dei rinnovi delle concessioni nei mercati e ridare alle imprese certezze e rinnovata voglia di investire. Un concetto e un impegno che come  FIVA vogliamo diffondere anche sul territorio da me rappresentato. E’ necessario, dunque, mettere fine all’incertezza dei rinnovi con concretezza e raggiungere un risultato  positivo per le imprese. Grazie al confronto costruttivo sul “Canone Unico” con l’on. Laura Castelli, come FIVA abbiamo già ottenuto un risultato importante, nessun aumento delle Tariffe”.

L’appuntamento di Milano è stata una tappa importante – prosegue  Delle Fontane – perché in quella sede il nostro Presidente Nazionale Errico si è fatto promotore delle Istanze della Federazione a difesa della categoria chiedendo al Vice Ministro Castelli: una riforma del commercio su aree pubbliche per ridare slancio al Commercio Ambulante quale tradizione e simbolo del nostro Paese, inoltre, ha ribadito il Presidente Errico serve maggiore certezza sia in materia di definizione delle competenze (Stato, Regioni, Comuni) e anche nelle sanzioni mirate ed efficaci per contrastare il fenomeno dell’abusivismo con una valorizzazione delle aree di mercato al fine di renderle competitive ed attraenti con misure di promozione per la formazione tecnica e per l’Associazionismo nonché politiche fiscali per  favorire gli investimenti nel settore. L’Assemblea è stato un importante momento di condivisione e  Associazionismo ed è stata anche l’occasione per chiedere al Vice Ministro di sostenere l’istanza presentata da FIVA per posticipare l’obbligo di invio dei corrispettivi in via telematica”.

A sostegno della volontà di essere presenti sul territorio e per fare chiarezza sia sulla nuova legge di bilancio che sulle proposte avanzate dall’Associazione è stata fissata a Latina nella sede Confcommercio  Lazio Sud, per il prossimo 12 febbraio alle ore 16,30 un’assemblea che sarà presieduta dal Presidente di Confcommercio Lazio e Lazio Sud Giovanni Acampora e che vedrà gli interventi del Commissario della FIVA Regione Lazio Valter Papetti, del Segretario nazionale Armando Zelli e del presidente FIVA Confcommercio Lazio Sud Roberto Delle Fontane. Dopo Latina, l’assemblea di sposterà a Cassino.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img