26.8 C
Rome
martedì, Agosto 9, 2022
spot_img

Professionisti “sfruttati” per scovare le frodi dei clienti

-

- Advertisment -

Anche in Italia si parla di tax whistleblowing: è l’obbligo per commercialisti, avvocati e tributaristi di denunciare eventuali condotte fraudolente dei propri clienti.

L’obbligo arriva con il recepimento da parte dell’Italia della direttiva 2018/822/Ue (la cd. Dac6), che ricadrà in capo ai professionisti, alle banche e agli intermediari finanziari.

Ogni volta che un cliente manifesterà la volontà di voler commettere illeciti o è intenzionato a porre in essere attività fraudolente, quindi, il professionista dovrà denunciare all’Amministrazione Finanziaria tali intenzioni.

Ma, come spesso accade, anche in questa occasione al di là dei buoni propositi emergono degli interrogativi nell’applicazione che riassumiamo in alcune osservazioni.

Sarebbe necessario, prima di tutto, elencare compiutamente le fattispecie per le quali è obbligatoria la denuncia. Tra i fatti da segnalare rientrano tutti i tentativi di evasione ed elusione, e in un primo momento verranno tenuti sotto occhio soprattutto quelli che vengono considerati come “meccanismi transfrontalieri di pianificazione fiscale potenzialmente aggressivi”, oltre che i reati fiscali con estensione della responsabilità penale d’azienda di cui al dlgs 231/01.

Ma la mancanza di un’indicazione chiara, punto per punto, sulle casistiche da prendere in considerazione per far fronte al dovere di denuncia può lasciare un’ampia discrezione al denunciante diventando alla fine un boomerang, in quanto causa di maggior confusione.

Servirebbe, in particolar modo, evitare che anche i comportamenti corretti possano essere invece interpretati come elusivi. In un mondo sempre più interconnesso e competitivo, ad esempio, trovare soluzioni per pagare meno tasse non è reato purché restando entro i confini delle giurisdizioni agevolate che rispettano gli standar internazionali al fine di non essere definite “paradisi fiscali”.

Quali sono allora i comportamenti elusivi da segnalare? E come si procede se tali comportamenti invece risultano idonei dopo la segnalazione? E se un consulente fiscale o legale denuncia un comportamento elusivo, ma d’altro canto continua a fornire servizi e a farsi pagare, diventa allora complice? Tutte queste incognite restano senza risposta.

La direttiva in fase di recepimento dall’Italia sembra dimostrare come ormai si vada sempre più insistentemente verso l’affermazione di un sistema basato sulla delegittimazione e sul sospetto.

Questi impulsi aggressivi e minacciosi nei confronti delle aziende e dei professionisti, distolgono però l’attenzione dalla necessità di fare una vera chiarezza sulle situazioni da affrontare con la mano pesante per affermare un vero principio di giustizia, e non l’ennesimo tentativo da parte dello Stato di fare cassa mettendo in ginocchio chi crea ricchezza.

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img