7.7 C
Rome
venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_img

UE e Canada benedicono il CETA: “Ha attenuato la crisi Covid”

Si è tenuta di recente la seconda riunione del comitato congiunto CETA

-

- Advertisment -

L’UE e il Canada hanno sottolineato l’impatto positivo dell’accordo economico e commerciale globale (CETA) nel contribuire a ridurre al minimo l’impatto economico dell’emergenza Covid-19.

Il CETA – riporta un comunicato congiunto – rappresenta un pilastro centrale del partenariato politico, commerciale ed economico tra l’UE e il Canada, che condividono una partnership basata su valori e visioni geopolitiche che si allineano in una vasta gamma di aree politiche. Il Canada è inoltre un partner indispensabile per affrontare le sfide globali come la ripresa economica, la riforma dell’OMC, la governance degli investimenti, il cambiamento climatico e la governance degli oceani.

Gli intenti comuni sono stati ribaditi al termine della seconda riunione del comitato congiunto CETA, che è stata copresieduta dal vicepresidente esecutivo e commissario europeo per il commercio Valdis Dombrovskis e dal ministro canadese delle piccole imprese, della promozione dell’export e del commercio internazionale Mary Ng.

Il CETA è un accordo recente ma ha già dato molti risultati positivi, fornendo una base per aiutare le nostre economie a crescere e riprendersi anche in relazione all’emergenza Covid, oltre che per affrontare le molteplici e diverse sfide globali.

Negli ultimi anni il commercio UE-Canada è aumentato del 25% rispetto alle cifre pre-CETA, almeno fino all’inizio della pandemia. Anche tenendo conto dell’impatto senza precedenti del Covid-19 sul commercio internazionale, i flussi commerciali UE-Canada risultano comunque in crescita del 15% nel 2020 rispetto a prima dell’entrata in vigore provvisoria del CETA.

Ma non è tutto. Europa e Canada hanno sottolineato come il CETA contribuisca anche a migliorare la cooperazione normativa e l’impegno a facilitare i flussi transfrontalieri di servizi con particolare attenzione al riconoscimento reciproco delle qualifiche professionali. I copresidenti hanno sottolineato l’importanza del trattato come pietra angolare di una forte relazione tra partner che la pensano allo stesso modo e che va oltre il commercio bilaterale e l’azione a livello multilaterale. Hanno sottolineato altresì gli sviluppi positivi raggiunti nell’ambito del CETA, tra cui l’attuazione dei capitoli sul commercio e lo sviluppo sostenibile e le tre raccomandazioni adottate in materia di clima, parità di genere e PMI.

Inoltre, i copresidenti hanno notato i progressi verso lo sviluppo di un nuovo partenariato strategico Canada-UE sulle materie prime, destinato a ridurre i rischi delle catene di approvvigionamento e a promuovere nuove catene di valore competitive. Entrambe le parti hanno mostrato il loro sostegno al lavoro del Gruppo di Ottawa sulla riforma dell’OMC, accogliendo in particolare i progressi sull’iniziativa Commercio e Salute.

Le parti hanno infine concordato di intensificare gli sforzi per garantire che tutte le aziende, grandi e piccole, siano in grado di trarre pieno vantaggio dalle opportunità offerte dal CETA: per questo è stato approvato un apposito piano d’azione CETA per le PMI per il 2020-2021 per consentire alle imprese di sbloccare le opportunità offerte dal trattato, ed è stato annunciato un evento UE-Canada dedicato alle PMI per celebrare il quarto anniversario del CETA nel settembre 2021.

La prossima riunione del comitato congiunto CETA si terrà invece in Canada nel 2022.

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

EIC Accelerator 2024 - Imprese del Sud

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e...

0
EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.
Fiscalità internazionale controllate estere - Imprese del sud

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.
Bandi Prima 2024 - Imprese del Sud

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

0
I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo
Europa Digitale - Abilità digitali - Imprese del Sud

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

0
Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
Erasmus+ bando 2024 politiche europee - Imprese del Sud

Erasmus+: bando 2024 per sperimentazioni di politiche europee

0
Istruzione digitale, istruzione e formazione professionali, istruzione degli adulti, istruzione scolastica, micro-credenziali, istruzione superiore, saranno i topic al centro del bando Erasmus+ con scadenza 4 Giugno 2024.
spot_img

Economia

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e piccole e medie imprese

EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
- Advertisement -spot_img