UE-Canada: nuove sinergie economiche e politiche

I leader dell'Europa e del Canada hanno confermato di voler combattere uniti il pericolo della pandemia sanitaria inseguendo i valori condivisi della democrazia.

-

- Advertisment -

Il Canada continua a dimostrarsi un partner autorevole e importante per l’intera casa europea. Il 29 ottobre Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, e Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, hanno tenuto un meeting online con Justin Trudeau, primo ministro del Canada. Nel corso dei lavori i leader di Europa e Canada hanno confermato di voler combattere insieme il pericolo della pandemia sanitaria inseguendo i valori condivisi di democrazia, Stato di Diritto e rispetto dei diritti umani. L’obiettivo di tale collaborazione è quello di proteggere la salute di tutti i cittadini e garantire una ripresa economia economica che sia innovativa, sostenibile e inclusiva.

I leader a confronto hanno rimarcato la necessità di raggiungere questi obiettivi utilizzando gli strumenti della cooperazione internazionale e attivando meccanismi di solidarietà, cooperazione e hanno riconosciuto il ruolo cruciale del G7, del G20 e delle Nazioni Unite. La collaborazione delle due potenze in questi forum internazionali e sovranazionali deve continuare riconoscendo l’importanza di tale strutture per il benessere dei propri cittadini. I leader europei hanno confermato la volontà di cooperazione in tema sanitaria con lo scambio di idee sull’elaborazione di trattamenti sanitari, creazione di vaccini e test medici contro il coronavirus. L’idea è quella di continuare a rafforzare la propria sinergia per riformare e rafforzare le iniziative e l’azione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Rendere le catene di approvvigionamento globali più resilienti e migliorare la sanità per i cittadini a livello mondiale mantenendo allo stesso tempo le economie degli stati aperte e libere al commercio. Approfondire la collaborazione in tema di occupazione e innovazione per una partnership strategica che supporti la transizione verde e digitale viene riconosciuta come tematica centrale dell’Occidente.

L’incontro è stato occasione per rafforzare l’iter avviato per implementare l‘accordo economico e commerciale globale del Ceta. Un momento adatto anche stilare un bilancio sui risultati positivi del CETA, che rivelano che il commercio bilaterale tra l’UE e il Canada è aumentato del 24% per le merci e del 25% per i servizi a seguito della sua applicazione provvisoria. I leader hanno convenuto di continuare a lavorare insieme, nel gruppo di Ottawa e per riformare e rafforzare le opportunità all’interno dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) al fine di proteggere il sistema commerciale basato su regole precise, in un momento di crisi senza precedenti e per affrontare efficacemente nuove realtà economiche globali, comprese quelle legate alla pandemia sanitaria. I leader hanno ribadito il proprio impegno nel voler perseguire e raggiungere una soluzione globale per un sistema fiscale internazionale equo, sostenibile e moderno che affronti le sfide fiscali derivanti dalla digitalizzazione dell’economia. Durante l’incontro è emerso l’importanza di sollecitare i ministri delle finanze del G20 a raggiungere un accordo sulle questioni entro la prima metà del 2021.

Inoltre, alla luce dell’urgente necessità di intensificare l’azione globale per affrontare il cambiamento climatico, durante i lavori, una parentesi importante è stata dedicata all’obiettivo condiviso di raggiungere la neutralità dal carbonio entro il 2050, sottolineando che la ripresa economica offre un’opportunità unica per la “green economy“. L’UE e il Canada vogliono dimostrare in sede internazionale una maggiore ambizione nella riduzione delle emissioni di gas serra aggiornando i propri progressi e contributi nazionali prima dei lavori dedicati alla COP26.

Euromed International Trade propone alle imprese del network ed ai propri clienti, impegnate e desiderose di entrare sui mercati internazionali, un’offerta completa di servizi integrati per entrare nel mercato canadese attraverso l’individuazione delle aree del Canada in cui operare, la definizione delle strategie d’ingresso e il coinvolgimento di tutta l’organizzazione aziendale nello svolgimento delle attività operative connesse all’internazionalizzazione. Per maggiori informazioni compilare il seguente form:

Ultime news

Istituita la Giornata internazionale del Mediterraneo

0
Sarà celebrata ogni anno il 28 Novembre attraverso eventi, mostre e festival in tutta la regione

Investire in Catalogna: il webinar gratuito

0
Il workshop online gratuito rivolto alle aziende italiane interessate ai settori Life Sciences e IT/Digital

La strategia di Malta per nuove sinergie con l’Africa

0
La Commissione economica per l'Africa delle Nazioni Unite stima che la cooperazione economica nella regione aumenterà del 52% entro il 2022.

Lavoratrice vessata dai colleghi: il datore dovrà risarcirla

0
La Corte di Cassazione riconosce il dovere di mantenere un ambiente sereno

Bonus 110%: il peso di burocrazia e restrizioni

0
Il Consiglio Nazionale Ingegneri lancia l’allarme alla luce di una analisi di dettaglio sul mercato degli interventi agevolati dall’Ecobonus e dal Sismabonus.

Economia

Investire in Catalogna: il webinar gratuito

Il workshop online gratuito rivolto alle aziende italiane interessate ai settori Life Sciences e IT/Digital

La strategia di Malta per nuove sinergie con l’Africa

La Commissione economica per l'Africa delle Nazioni Unite stima che la cooperazione economica nella regione aumenterà del 52% entro il 2022.

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -