8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Stp incluse nel contributo a fondo perduto

-

- Advertisment -

Anche le società tra professionisti (Stp) rientrano tra i destinatari del contributo a fondo perduto per le imprese legato all’emergenza coronavirus e inserito del Decreto Rilancio. E questo nonostante le stesse società abbiano soci appartenenti alle categorie escluse.

L’estensione del contributo alle Stp – con riferimento alla circolare 15/E dell’Agenzia delle Entrate – è riconducibile al fatto che il reddito prodotto dalle dette società si qualifica come reddito d’impresa, a prescindere dal fatto, quindi, che i soci ricadano o meno nelle ipotesi specifiche di esclusione, di cui al citato comma 2.

Nella prima parte dedicata all’ambito soggettivo, l’Agenzia conferma, tra i beneficiari, i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione e titolari di reddito agrario, in possesso della partita Iva, ricordando le specifiche esclusioni, di cui al comma 2 dell’art. 25, come i professionisti iscritti a cassa, dipendenti e quant’altro.

Il comma 2 dell’art. 25 del decreto esclude invece espressamente, dalla fruizione del contributo, anche i lavoratori dipendenti. Ma apre alle persone fisiche che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo o che sono titolari di reddito agrario (produttori agricoli) che contestualmente operano anche in qualità di lavoratori dipendenti; il produttore agricolo, per esempio, che lavora parzialmente in altra impresa come dipendente può ottenere il contributo per effetto del possesso della partita Iva e dell’esercizio delle attività agricole, di cui all’art. 2135 c.c..

In merito agli altri principali requisiti, il contributo spetta anche ai soggetti che hanno iniziato la propria attività l’1/01/2019 e che hanno il domicilio fiscale o la propria sede nei territori colpiti da eventi calamitosi, che hanno comportato la dichiarazione dello stato d’emergenza da coronavirus, che non dovranno dimostrare il calo del fatturato, giacché il contributo, anche se l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi 2019 risulta pari a zero, spetta nella misura minima di mille o duemila euro.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img