33.1 C
Rome
giovedì, Luglio 29, 2021
spot_imgspot_img

Come funziona l’esonero dai contributi nell’agricoltura

-

- Advertisment -

Scatta l’esonero contributivo, per due anni, a favore degli under40 che avviano una nuova impresa agricola nel 2020. Per 24 mesi tutti loro potranno non versare i contributi all’Inps, avendo però garantita la copertura ai fini della pensione.

Leggi il nostro approfondimento a cura di Domenico Letizia:

L’incentivo è destinato ai lavoratori che intraprendano nuove attività agricole, nel corso di quest’anno, iscrivendosi conseguentemente per la prima volta alla relativa gestione Inps. In modo particolare interessa coltivatori diretti (CD) e imprenditori agricoli professionali (IAP) che hanno iniziato o inizino attività imprenditoriale agricola tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, e che non abbiano compiuto 40 anni d’età alla data d’inizio della nuova attività agricola.

Per ottenere l’esonero basta presentare una domanda in via telematica all’Istituto di previdenza, entro 120 giorni dalla comunicazione di inizio attività. Chi ha già avviato l’impresa avrà comunque 210 giorni di tempo per inoltrare la richiesta. Le indicazioni operative per dare attuazione all’incentivo introdotto dalla legge di Bilancio 2020 sono contenute nella circolare Inps n. 72 del 9 giugno 2020.

La riduzione contributiva si applica alla quota per l’invalidità, la vecchiaia e superstiti (IVS) e al contributo addizionale cui è tenuto lo IAP e il CD per l’intero nucleo. Sono esclusi dall’incentivo, invece, il contributo maternità per ciascuna unità attiva iscritta alla gestione speciale dei coltivatori diretti e per gli imprenditori agricoli professionali; il contributo Inail, dovuto dai soli coltivatori diretti.Le condizioni.

L’incentivo è soggetto al regolare adempimento degli obblighi contributivi; all’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro (sicurezza lavoro); rispetto degli altri obblighi di legge e al rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali; al rispetto dei limiti previsti dai regolamenti Ue n. 1407/2013 e n. 1408/2013, relativi agli aiuti «de minimis» pari, per il settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, a 15 mila euro nell’arco dei tre esercizi finanziari.

Ultime news

Università di Cassino e MACTT insieme per una formazione a vocazione internazionale

0
L’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, in Italia, e la Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade (MACTT), istituto di Alta Formazione con...

ll rilancio della moda italiana e dell’abbigliamento per bambini

0
Secondo i dati ISTAT, con riferimento al solo segmento bebè, da gennaio a marzo 2021 l’export presenta un’inversione di tendenza, mostrando una timida variazione in aumento, pari al +0,7%.

Digital Innovation Days 2021: partecipa con Imprese del Sud

Il Digital Innovation Days, l’evento italiano più atteso del mondo digital, ritorna anche quest’anno con un’edizione innovativa e con la partnership di Imprese del...

Catalogna: alleanza strategica con i “motori” economici UE

0
Le regioni Catalogna, Auvergne-Rhône-Alpes, Baden-Wurttemberg e Lombardia hanno lanciato l'alleanza "Quattro Motori per l'Europa" con lo scopo di incoraggiare il commercio, gli investimenti e...
digital_business

Legge Sabatini: le novità del 2021 per le PMI

0
Il contributo verrà erogato dal MiSe in un'unica soluzione indipendentemente dall'importo del finanziamento deliberato e l'erogazione in un'unica soluzione avviene ad investimento ultimato.
spot_img

Economia

ll rilancio della moda italiana e dell’abbigliamento per bambini

Secondo i dati ISTAT, con riferimento al solo segmento bebè, da gennaio a marzo 2021 l’export presenta un’inversione di tendenza, mostrando una timida variazione in aumento, pari al +0,7%.

Catalogna: alleanza strategica con i “motori” economici UE

Le regioni Catalogna, Auvergne-Rhône-Alpes, Baden-Wurttemberg e Lombardia hanno lanciato l'alleanza "Quattro Motori per l'Europa" con lo scopo di incoraggiare...

Scambi e partenariato economico tra Ghana e Unione europea

La notizia della recente liberalizzazione per l'export europeo crea ulteriori aspettative di sviluppo economico e diversificazione commerciale, generando implementazione degli scambi sia per il Ghana che per la stessa Unione europea.

European Partnership on Innovative SMEs: il bando per le PMI innovative

E' stato pubblicato il bando European Partnership on Innovative SMEs (HORIZON-EIE-2021-INNOVSMES-01) del Programma di lavoro 2021-2022 European Innovation Ecosystems...
- Advertisement -spot_img