9.5 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
spot_imgspot_img

Senza il documento di valutazione dei rischi l’azienda chiude

Il chiarimento dell'Ispettorato nazionale del Lavoro

-

- Advertisment -

La mancata redazione del documento di valutazione dei rischi, o DVR, può comportare la chiusura di un’azienda: a precisarlo è stato di recente l’Ispettorato nazionale del Lavoro con la circolare n. 4/2021.

L’Ispettorato – anzitutto – precisa che il provvedimento di sospensione dell’attività produttiva o commerciale verrà adottato solo quando sarà constatata la mancata redazione del DVR, ossia del prospetto che racchiude rischi e misure di prevenzione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, un documento che ad oggi è obbligatorio per tutte le aziende con almeno un dipendente.

Diverso è il discorso in caso di temporanea mancata esibizione dello stesso documento, perché custodito in un altro luogo (ad esempio nella sede del consulente). In questo caso la chiusura viene fatta slittare fino alle 12.00 del giorno successivo, e l’azienda sarà salva se nel frattempo il datore di lavoro procurerà ed esibirà il DVR agli ispettori.

Dopo le novità del decreto Fiscale, inoltre, il provvedimento di sospensione va adottato in due ipotesi e produce effetti diversi:

– sospensione dell’attività interessata dalle violazioni;

– sospensione limitata all’attività dei lavoratori interessati alle violazioni: mancata formazione e addestramento; mancata fornitura di dispositivi di protezione individuale (Dpi) contro le cadute dall’alto.

Per quanto riguarda, in particolare, la mancata formazione ed addestramento del personale dipendente, l’Inl precisa che nell’ambito della valutazione dei rischi questa si verifica quando è prevista la partecipazione del lavoratore sia ai corsi di formazione e sia all’addestramento. Tali circostanze ricorrono, in particolare, nelle seguenti ipotesi:

– utilizzo attrezzatura da lavoro;

– utilizzo di DPI appartenenti alla III categoria e dispositivi di protezione dell’udito;

– sistemi di accesso e posizionamento mediante funi;

– lavoratori e preposti addetti al montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggi;

– formazione e addestramento sulla movimentazione manuale dei carichi.

Per la revoca è necessario infine attestare il completamento di formazione e addestramento.

Stefano Colombetti
Stefano Colombettihttps://www.studiolegalecolombetti.it/
Si occupa di diritto civile, penale ed amministrativo sia in ambito giudiziale avanti Giudice di Pace, Tribunale, Corte d’Appello, T.a.r., Consiglio di Stato e Corte di Cassazione, sia nella definizione stragiudiziale delle controversie. Collabora dal 2006 con il Prof. Avv. Ernesto Stajano del Foro di Roma. Ricopre numerosi incarichi con nomina del Tribunale di Milano e di Busto Arsizio quale Delegato alla vendita di immobili sottoposti ad esecuzione, immobili all'asta e quale Amministratore di Sostegno e Tutore; è stato altresì nominato Corrispondente Culturale della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade (MACTT), ONG di diritto Maltese ed è fondatore di un Club Rotary in Milano.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img