8.8 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Ricerca e Innovazione: nuovi portali di cooperazione UE-Africa

Le nuove piattaforme forniranno uno sportello unico per tutti i responsabili politici e le parti interessate

-

- Advertisment -

Lo scorso 30 giugno la Commissione europea ha lanciato due nuove piattaforme per fornire uno sportello unico per tutti i responsabili politici e le parti interessate alla cooperazione UE-Africa in materia di ricerca e innovazione.

Il portale EU-Africa cooperation in R&I si concentra sul dialogo politico di alto livello UE-UA sulla scienza, la tecnologia e l’innovazione, attraverso il quale l’Unione europea e l’Unione africana sviluppano e implementano priorità e attività congiunte di politica di ricerca e innovazione a breve, medio e lungo termine.

Il portale EU-Mediterranean cooperation in R&I mira invece a promuovere una maggiore collaborazione in materia di ricerca e innovazione tra gli Stati membri dell’Unione per il Mediterraneo (UpM), compreso il Nord Africa.

Lo scopo di entrambi è di migliorare gli incubatori, gli acceleratori e le competenze imprenditoriali in entrambe le aree.

Mariya Gabriel, Commissario UE per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, ha affermato: “Le nostre priorità UE-Africa stabilite congiuntamente vengono ora tradotte in azioni quali: le nuove piattaforme online, il nuovo progetto ENRICH in Africa, il lancio degli inviti ARISE e l’iniziativa Horizon Europe Africa. Queste attività contribuiscono a costruire economie della conoscenza per la crescita sostenibile e l’occupazione. Il partenariato pilota per l’innovazione Africa Europa è stato determinante nel collegare l’UE con gli incubatori di alta qualità dell’Unione africana, gli acceleratori e gli uffici di trasferimento tecnologico.”

“La cooperazione UE-Unione Africana nel campo della ricerca e dell’innovazione ha chiaramente guadagnato slancio – ha aggiunto Sarah Anyang Agbor, Commissario per l’Unione Africana e questo è molto incoraggiante in vista dell’Agenda 2063 e della Strategia di Scienza, Tecnologia e Innovazione per l’Africa 2024. Insieme, i nostri ricercatori africani, le istituzioni di ricerca e i partner europei supereranno l’impatto socio-economico della crisi della Corona e costruiranno economie africane sostenibili.”

“È con grande piacere che facciamo il prossimo passo nelle relazioni con i nostri partner africani – ha concluso Jutte Urpilainen, Commissario per la Cooperazione Internazionale – sostenendo i ricercatori africani più promettenti per mettere in pratica la loro scienza innovativa e di eccellenza. Il progetto ARISE segna l’inizio di un viaggio verso l’obiettivo di istituzioni africane autosufficienti che sostengono lo sviluppo di società basate sulla conoscenza.”

Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img