21.7 C
Rome
domenica, Maggio 22, 2022
spot_imgspot_img

La Commissione Europea e la strategia con l’Africa

La Commissione Europea intravede un futuro green per l'Africa con la possibilità di sviluppare investimenti comuni nella regione.

-

- Advertisment -

La recente documentazione prodotta della Commissione Europea evidenzia nuove opportunità di cooperazione e sinergia tra il continente europeo e quello africano. Tali opportunità rispecchiano sempre più l’importanza e il ruolo strategico del Mediterraneo nelle relazioni economiche, politiche e commerciali tra l’Africa e l’Europa. La Commissione Europea sta analizzando nuove idee, strategie e collaborazione con il continente africano, nel tentativo di sviluppare vantaggi reciproci e crescita comune.

Negli ultimi anni, l’Africa ha registrato una crescita costante delle opportunità economiche e uno sviluppo maggiore di progettualità di cooperazione commerciale ma restano ancora tante le sfide da affrontare e superare. L’Unione Europea, anche per ripensare al suo compito e alla sua visione, vuole intraprendere e affrontare gli impegni previsti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, implementando l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e rafforzando il partenariato con l’Africa. Nella strategia della Commissione Europea, pubblicata nel maggio 2020, sono state individuate cinque aree prioritarie per un rafforzamento del partenariato tra Unione Europea e continente africano. Le cinque partnership sono legate alla transizione verde e all’accesso all’energia, alla rivoluzione digitale del continente, alla crescita sostenibile e all’occupazione, sviluppare e lavorare per rafforzare la pace e le istituzioni governative e creare sinergie sulla mobilità efficiente e le migrazioni.

La crescita economica in Africa aumenterà la pressione urbana e le città dovranno essere ripensante a causa di uno sfruttamento maggiore dei trasporti e dell’energia, l’intensificarsi dell’utilizzo di strumenti innovativi e non invasivi in agricoltura, nella pesca e in altri settori economici. Per soddisfare gli impegni globali e incidere nello sviluppo sostenibile e per il cambiamento climatico anche l’Africa deve optare per soluzioni a basso impatto di carbonio. A tal riguardo, la Commissione Europea intravede un futuro green per l’Africa con la possibilità di sviluppare investimenti comuni nella regione. Un lavoro che merita attenzione per dare avvio a processi di economica circolare e una cooperazione comune sul commercio estero che sia rispettoso degli standard ambientali e delle problematiche climatiche.

Lo sviluppo economico del continente africano produrrà una crescita delle città, che avranno necessità di forti investimenti e modelli di urbanizzazione smart per contrastare l’inquinamento. L’approvvigionamento energetico dovrà raddoppiare entro il 2040 per soddisfare la domanda di crescita della popolazione in Africa e ciò richiedere energia pulita e massimizzazione dell’efficienza e diversificazione energetica. Altro aspetto fondamentale sarà quello dell’utilizzo della blue economy sia nel Mediterraneo che in ottica oceanica.

Massimizzare l’utilizzo energetico, rivedere l’idea di città e di urbanistica, tutelare e valorizzare il mare e la crescita blu possono rappresentare, secondo la Commissione Europea, strumenti di crescita per il continente africano ed essere utili per lo sviluppo sostenibile dei rapporti commerciali, politici, diplomatici ed economici con l’Europa.


Ultime news

imprese agricole

Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere le agevolazioni del Fondo per...
ceta business forum

CETA Business Forum: una ricca agenda per i settori del futuro

Sale l'attesa per il CETA Business Forum, il primo grande evento di business online interamente dedicato ai rapporti tra Unione Europea e Canada: l'appuntamento...

Circa 600 domande per valorizzare i beni confiscati alla mafia

Sono state 605 le domande per accedere alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per la valorizzazione di beni confiscati alla...
south working

“Il futuro dello smart working parte dal Sud” 

Dallo scorso 21 aprile 2022 è disponibile in libreria e sulle più importanti piattaforme il libro dell’associazione South Working – Lavorare dal Sud dal...
ceta business forum

CETA Business Forum: aperte le iscrizioni

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per il CETA BUSINESS FORUM, il primo grande evento di matching online rivolto alle aziende e ai professionisti che...
spot_img

Economia

Imprese agricole: via al Fondo investimenti innovativi

A partire dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le micro, piccole e medie imprese agricole potranno richiedere...

Calcolo ad alte prestazioni (HPC): le sovvenzioni UE

Nel quadro del programma Europa Digitale la Commissione europea ha lanciato un invito a presentare proposte per sovvenzioni nel...

Digitalizzazione Pmi: il nuovo bando DIH-World

Il progetto europeo DIH-World finanziato da Horizon 2020 ha lanciato il suo secondo bando aperto per esperimenti digitali a...

Costi di transazione per intermediari della finanza sociale: il nuovo bando

Nell’ambito della componente EaSI del FSE+ è stato pubblicato il bando “Costi di transazione a sostegno degli intermediari della...
- Advertisement -spot_img