sabato, Settembre 19, 2020

Promozione della pesca con l’Alta formazione

Avviare un processo di Alta Formazione attraverso la collaborazione del settore, con la tutela del mare e accademie per il futuro della professione.

-

- Advertisment -

Esiste un modo migliore per promuovere le buone pratiche ecologiste e l’approccio sostenibile per la pesca nel Mediterraneo se non con la formazione? Sono innumerevoli le strutture accademiche e quelle del settore legate alla blue economy che stanno pensando alla formazione come passo importante per le nuove prospettive della pesca e dell’innovazione. “La pesca sostenibile rappresenta sempre più il futuro del settore ittico, perché significa rispetto dell’habitat naturale, consumo responsabile e gestione efficace delle attività. Per questa ragione abbiamo avviato un importante progetto di formazione degli operatori“, ha recentemente dichiarato Gennaro Scognamiglio, presidente nazionale di Unci Agroalimentare.

Le realtà del settore sono oramai consapevoli che una maggiore attenzione nei confronti della pesca sostenibile, seguendo le indicazioni che vengono da organizzazioni internazionali come la Fao, l’Unione Europea e le associazioni ambientaliste sono le priorità del settore. Le piccole società e aziende legate alla pesca artigianale rappresentano una realtà fondamentale dell’economia ittica del nostro Paese ma anche un anello fragile della nostra realtà economica, piccole aziende generatrici di interessi culturali e storici, strutture tradizionalmente sensibili al tema della protezione dell’ecosistema.

Tali realtà possono fungere da traino nella trasformazione del ciclo produttivo. Processi di cattura meno invasivi, valorizzazione della qualità, della tracciabilità del pescato puntando sulle specie maggiormente legate all’identità del territorio, sperimentazione di pescherecci innovativi dotati delle più moderne tecniche di lavorazione iniziale e conservazione del pesce possono rappresentare le strategie sulle quali si può basare il rilancio di una filiera sostenibile della pesca. Processi di cattura meno invasivi, valorizzazione della qualità del pescato puntando sulle specie maggiormente diffuse e non a rischio, conoscenza e approfondimenti sulle ultime tipologie di pescherecci dotati delle più moderne tecniche di processamento e conservazione del pesce sono queste le strategie sulle quali si può basare il rilancio di una filiera sostenibile della pesca

Avviare un processo di Alta Formazione attraverso la collaborazione tra i protagonisti del settore della pesca, della tutela del mare e con network accademici del Mediterraneo risulta particolare importante per diffondere, adattare, avviare e condividere le reciproche conoscenze ed esperienze vissute da pescatori, professionisti di ICT e rappresentanti di istituzioni globali, internazionali e di organizzazioni non governative. Partendo dalla consapevolezza dell’importanza che i pescatori su piccola scala hanno per la sicurezza alimentare e per la lotta alla povertà, le associazioni sia di categoria che quelle che si battono per la tutela del mare potrebbero attraverso l’alta formazione trovare soluzioni al grande problema di scarsità di raccolta dati che si ha in questo settore e di regolamentazione inefficiente dello stesso.

Una regolamentazione spesso basata su un approccio troppo commerciale e non digitale che non guarda ai reali bisogni di questi lavoratori e che non riesce a valorizzare e tutelare l’importanza del mare e della pesca per l’intero circuito del Mediterraneo.

Domenico Letizia
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Advertisement -

Ultime news

Imprenditoria femminile in agricoltura: le agevolazioni

0
Tra i requisiti si richiede che l’impresa sia amministrata e condotta da una donna, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo o di coltivatore diretto

La ripresa del Marocco e le opportunità di business

0
Nel rapporto Doing Business 2020, il Marocco ha guadagnato la 53ma posizione nella classifica mondiale, con un salto di ben sette posti rispetto al 2019.

Internazionalizzazione: puntare su Mediterraneo e Africa

0
Dopo l'instabilità causata dalla primavera araba, quasi tutti i paesi del Nord Africa hanno avviato una grande stagione di investimenti infrastrutturali.

La pandemia sta mettendo alla prova le città

0
Nel prossimo decennio ci saranno circa 500 città con più di un milione di persone e diverse "mega-città" con una popolazione di oltre 20 milioni

Fare export: le sette regole per le PMI

0
Il vademecum pubblicato dall'associazione di categoria

Economia

Imprenditoria femminile in agricoltura: le agevolazioni

Tra i requisiti si richiede che l’impresa sia amministrata e condotta da una donna, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo o di coltivatore diretto

La ripresa del Marocco e le opportunità di business

Nel rapporto Doing Business 2020, il Marocco ha guadagnato la 53ma posizione nella classifica mondiale, con un salto di ben sette posti rispetto al 2019.

Internazionalizzazione: puntare su Mediterraneo e Africa

Dopo l'instabilità causata dalla primavera araba, quasi tutti i paesi del Nord Africa hanno avviato una grande stagione di investimenti infrastrutturali.

La pandemia sta mettendo alla prova le città

Nel prossimo decennio ci saranno circa 500 città con più di un milione di persone e diverse "mega-città" con una popolazione di oltre 20 milioni

Fare export: le sette regole per le PMI

Il vademecum pubblicato dall'associazione di categoria

Export e-Commerce: dalla Cina corre un treno verso l’Europa

Un nuovo servizio di trasporto merci offre nuove opportunità alle società impegnate negli scambi con l'estero
- Advertisement -

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida