PMI: “export” è la parola chiave per crescere

Il mercato interno, da solo, non assicura un futuro stabile alle aziende di dimensioni ridotte

-

- Advertisment -

Sembra ormai cosa nota che l’export rappresenti un fattore determinante per la competitività delle Piccole e Medie Imprese: eppure nella realtà questa idea non trova applicazione facile e immediata.

Secondo i più recenti rapporti statistici, anche negli ultimi anni la stragrande maggioranza delle imprese italiane ha scelto di operare solo nel mercato locale: nel 2017, ad esempio, le aziende che hanno deciso di esportare rappresentano poco più del 4% sul totale.

Il principale motivo è che spesso gli stessi imprenditori tendono a pensare che una vera e propria attività di export sia alla portata soltanto di imprese di grande dimensione, soprattutto se gli investimenti per l’internazionalizzazione sono rivolti a mercati extra-europei.

La realtà è invece un’altra: prendendo la ridotta fetta di aziende che hanno scelto di esportare, quasi il 60% di queste imprese italiane contano meno di 10 dipendenti. E la percentuale supera l’80% se si considerano anche le imprese fino a 50 dipendenti.

Le nostre imprese esportatrici che operano in un solo mercato corrispondono a circa il 42%. Se invece si considerano quelle che esportano in due mercati si va oltre il 50%. Tuttavia, nonostante l’elevata percentuale, il loro peso sull’export totale è di poco superiore al 3%

Esiste, comunque, una parte di imprenditoria che ha capito la lezione per salvarsi, se non addirittura per spiccare il volo, senza doversi aggrappare ai numeri spesso incerti e insoddisfacenti del mercato interno. E questi imprenditori devono essere un modello di riferimento anche per i loro colleghi: i quali per organizzarsi, anche da zero, e affacciarsi sui mercati internazionali possono contare su forme di sostegno sostanziale.

Ricercare opportunità in diversi mercati aiuta soprattutto a mitigare i rischi. Le grandi sfide per le imprese italiane di piccola e media dimensione sono principalmente due:

  • affacciarsi con costanza sui mercati internazionali
  • diversificare le mete secondo le proprie possibilità.

Ultime news

Lavoratrice vessata dai colleghi: il datore dovrà risarcirla

0
La Corte di Cassazione riconosce il dovere di mantenere un ambiente sereno

Bonus 110%: il peso di burocrazia e restrizioni

0
Il Consiglio Nazionale Ingegneri lancia l’allarme alla luce di una analisi di dettaglio sul mercato degli interventi agevolati dall’Ecobonus e dal Sismabonus.

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

0
Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

0
L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

0
Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Economia

Le nuove opportunità del mercato spagnolo per le imprese italiane

Nel Paese sono attivi interessanti strumenti di internazionalizzazione a favore delle imprese interessate al mercato spagnolo.

Malta concede la prima licenza per produrre cannabis

L'isola del Mediterraneo punta ad attirare nuovi investimenti nel settore

Veneto: contributi alle PMI per la ripresa del turismo

Il bando della Regione a sostegno delle reti di impresa, associazioni e consorzi

Brexit: regole commerciali e attività doganali

Gli operatori che effettuano cessioni verso il Regno Unito potranno recarsi presso gli Uffici delle dogane e capire le nuove regole doganali.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -