8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

PMI: “export” è la parola chiave per crescere

Il mercato interno, da solo, non assicura un futuro stabile alle aziende di dimensioni ridotte

-

- Advertisment -

Sembra ormai cosa nota che l’export rappresenti un fattore determinante per la competitività delle Piccole e Medie Imprese: eppure nella realtà questa idea non trova applicazione facile e immediata.

Secondo i più recenti rapporti statistici, anche negli ultimi anni la stragrande maggioranza delle imprese italiane ha scelto di operare solo nel mercato locale: nel 2017, ad esempio, le aziende che hanno deciso di esportare rappresentano poco più del 4% sul totale.

Il principale motivo è che spesso gli stessi imprenditori tendono a pensare che una vera e propria attività di export sia alla portata soltanto di imprese di grande dimensione, soprattutto se gli investimenti per l’internazionalizzazione sono rivolti a mercati extra-europei.

La realtà è invece un’altra: prendendo la ridotta fetta di aziende che hanno scelto di esportare, quasi il 60% di queste imprese italiane contano meno di 10 dipendenti. E la percentuale supera l’80% se si considerano anche le imprese fino a 50 dipendenti.

Le nostre imprese esportatrici che operano in un solo mercato corrispondono a circa il 42%. Se invece si considerano quelle che esportano in due mercati si va oltre il 50%. Tuttavia, nonostante l’elevata percentuale, il loro peso sull’export totale è di poco superiore al 3%

Esiste, comunque, una parte di imprenditoria che ha capito la lezione per salvarsi, se non addirittura per spiccare il volo, senza doversi aggrappare ai numeri spesso incerti e insoddisfacenti del mercato interno. E questi imprenditori devono essere un modello di riferimento anche per i loro colleghi: i quali per organizzarsi, anche da zero, e affacciarsi sui mercati internazionali possono contare su forme di sostegno sostanziale.

Ricercare opportunità in diversi mercati aiuta soprattutto a mitigare i rischi. Le grandi sfide per le imprese italiane di piccola e media dimensione sono principalmente due:

  • affacciarsi con costanza sui mercati internazionali
  • diversificare le mete secondo le proprie possibilità.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img