12.8 C
Roma
domenica, 25 Ottobre 2020

PMI: “export” è la parola chiave per crescere

Il mercato interno, da solo, non assicura un futuro stabile alle aziende di dimensioni ridotte

-

- Advertisment -

Sembra ormai cosa nota che l’export rappresenti un fattore determinante per la competitività delle Piccole e Medie Imprese: eppure nella realtà questa idea non trova applicazione facile e immediata.

Secondo i più recenti rapporti statistici, anche negli ultimi anni la stragrande maggioranza delle imprese italiane ha scelto di operare solo nel mercato locale: nel 2017, ad esempio, le aziende che hanno deciso di esportare rappresentano poco più del 4% sul totale.

Il principale motivo è che spesso gli stessi imprenditori tendono a pensare che una vera e propria attività di export sia alla portata soltanto di imprese di grande dimensione, soprattutto se gli investimenti per l’internazionalizzazione sono rivolti a mercati extra-europei.

La realtà è invece un’altra: prendendo la ridotta fetta di aziende che hanno scelto di esportare, quasi il 60% di queste imprese italiane contano meno di 10 dipendenti. E la percentuale supera l’80% se si considerano anche le imprese fino a 50 dipendenti.

Le nostre imprese esportatrici che operano in un solo mercato corrispondono a circa il 42%. Se invece si considerano quelle che esportano in due mercati si va oltre il 50%. Tuttavia, nonostante l’elevata percentuale, il loro peso sull’export totale è di poco superiore al 3%

Esiste, comunque, una parte di imprenditoria che ha capito la lezione per salvarsi, se non addirittura per spiccare il volo, senza doversi aggrappare ai numeri spesso incerti e insoddisfacenti del mercato interno. E questi imprenditori devono essere un modello di riferimento anche per i loro colleghi: i quali per organizzarsi, anche da zero, e affacciarsi sui mercati internazionali possono contare su forme di sostegno sostanziale.

Ricercare opportunità in diversi mercati aiuta soprattutto a mitigare i rischi. Le grandi sfide per le imprese italiane di piccola e media dimensione sono principalmente due:

  • affacciarsi con costanza sui mercati internazionali
  • diversificare le mete secondo le proprie possibilità.
Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Advertisement -

Ultime news

Bandi per l’impresa: “Quando il Click Day è anticostituzionale”

0
L'intervento di Dhebora Mirabelli, Presidente di Confapi Sicilia: "Questo tipo di bandi umiliano gli imprenditori che non riescono in 7 secondi a presentare l’istruttoria. Servono regole eque e meritocratiche”.

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

0
Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

0
C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Economia

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -