23.3 C
Rome
mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img

Ocse: tra laureati e imprese rapporti non sempre facili

-

- Advertisment -

Non è incoraggiante lo scenario che emerge dal rapporto Education at a glance 2019 dell’Ocse per quel che riguarda il rapporto tra il mondo accademico e quello del lavoro.

Due mondi che sembrano ancora troppo sconnessi e non in grado di compensare con l’apporto dell’uno i benefici dell’altro.

In un contesto globale altamente competitivo le aziende necessitano come il pane di competenza e qualifiche, che in Italia talvolta faticano a trovare. Anche perché studiare troppo a lungo per alzare l’asticella delle proprie qualifiche non è così conveniente come in molti altri Stati.

Certo, i laureati guadagnano il 39% in più dei diplomati, ma nella media mondiale la differenza è del 57%.

Per quanto riguarda il rapporto costi/benefici assicurato da un titolo di studio più elevato, il rendimento finanziario di un laureato italiano resta a inferiore rispetto agli altri Paesi Ocse: colpa della pesante tassazione sul lavoro.

Rispetto al reddito lordo accumulato dopo un’intera carriera di lavoro e togliendo i prelievi tributari e contributivi restano 190.600 dollari nelle tasche di un laureato e 154.200 in quelle di una laureata: due cifre che piazzano l’Italia al quartultimo posto totale, davanti soltanto a Belgio, Lettonia ed Estonia.

Passando al rapporto tra scelte formative e necessità di manodopera, l’Italia mantiene il passo degli altri paesi soltanto per i laureati in tecnologie informatiche e della comunicazione (con l’87% dei neo dottori che trova lavoro), in ingegneria, industria manifatturiera ed edilizia (85%).

Ma la percentuale crolla al 29% per i laureati in discipline artistiche e umanistiche, scienze sociali e giornalismo: trattasi di legittime aspirazioni individuali che, tuttavia, potrebbero cambiare se i giovani conoscessero in maniera più approfondita le esigenze del mercato del lavoro in fase di orientamento.

Perché una passione può nascere anche a partire da uno stimolo esterno, o dalla garanzia di un impiego sicuro dopo gli studi. Ma su questo il mondo della formazione in Italia deve lavorare ancora molto.

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img