4.1 C
Rome
venerdì, Aprile 23, 2021
spot_imgspot_img

Moratoria in scadenza: serve la pace fiscale

La scadenza del 15 Ottobre fa paura alle imprese e ai cittadini

-

- Advertisment -spot_img

Il 15 ottobre scadrà la moratoria delle cartelle esattoriali che ha tenuto in sospeso il Fisco per l’emergenza coronavirus, ma che adesso rischia di travolgere milioni di contribuenti.

L’Agenzia delle Entrate è pronta a inviare circa 9 milioni di lettere e Pec a imprese, partite Iva e persone fisiche per farsi corrispondere il dovuto non versato entro le naturali scadenze, e questo rischia di scatenare la cosiddetta “bomba sociale”, in quanto molte attività, nonostante segnali di timida ripartenza in alcuni settori con la fase 2, faticheranno a sostenere il peso di una tassazione come quella italiana in queste circostanze.

A scongiurare le pesanti riscossioni che si prospettano da qui a poche settimane potrebbe essere soltanto un intervento del Governo. E i presupposti sembrano esserci, data la gravità della situazione, le consistenti risorse liberate a livello europeo per fronteggiare la recessione, e l’intenzione già dichiarata dall’esecutivo di promuovere una riforma del Fisco che non guardi soltanto alla situazione presente, ma riveda il rapporto tra contribuenti ed enti riscossori.

Secondo quanto già anticipato dal ministro dell’economia Roberto Gualtieri, si pensa a una riduzione della pressione fiscale a partire dal ceto medio, ripensando i criteri del prelievo. Le aliquote Irpef, ad esempio, potrebbero passare da 5 a 3, secondo il modello tedesco.

Ma ciò che più preoccupa le aziende, ad oggi, è il presente. Per questo Imprese del Sud invita il Governo a promuovere la più sacrosanta e dovuta pace fiscale per tutte le cartelle esattoriali notificate al 31.12.2020. Alle imprese sarebbe così assicurato il necessario ossigeno per sopravvivere, nella speranza di ritornare presto a correre con le proprie gambe grazie al superamento definitivo dell’emergenza sanitaria e a quelli che dovranno essere degli ambiziosi piani di crescita legati al Recovery Found.

Ultime news

Il rilancio del Sud Europa: Euromed protagonista ai Meda Meetings

0
Euromed International Trade sarà tra i protagonisti nel prossimo appuntamento del ciclo di incontri Meda Meetings organizzato da ASCAME, l'Associazione delle Camere di Commercio...

Canada e Regno Unito: il futuro commercio comune

0
Il Canada e il Regno Unito intendono sviluppare e ampliare le loro sinergie per continuare a rafforzare le opportunità di business.

La riforma del fallimento rischia di travolgere le imprese

0
Si attende per il 1° Settembre 2021 l'entrata in vigore della riforma del fallimento, un nuovo pacchetto normativo sulla crisi d'impresa

Telecomunicazioni e cyber security: le novità in tema giuridico

0
Per adeguare la normativa nazionale al regolamento europeo sulla cyber security il Governo adotterà uno o più decreti legislativi.

Euromed è membro della Camera di Commercio italiana in Sudafrica

0
La società Euromed International Trade entra ufficialmente a far parte della Camera di Commercio italiana in Sudafrica
spot_img

Economia

Canada e Regno Unito: il futuro commercio comune

Il Canada e il Regno Unito intendono sviluppare e ampliare le loro sinergie per continuare a rafforzare le opportunità di business.

La riforma del fallimento rischia di travolgere le imprese

Si attende per il 1° Settembre 2021 l'entrata in vigore della riforma del fallimento, un nuovo pacchetto normativo sulla crisi d'impresa

Telecomunicazioni e cyber security: le novità in tema giuridico

Per adeguare la normativa nazionale al regolamento europeo sulla cyber security il Governo adotterà uno o più decreti legislativi.

Euromed è membro della Camera di Commercio italiana in Sudafrica

La società Euromed International Trade entra ufficialmente a far parte della Camera di Commercio italiana in Sudafrica

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img