Le sfide del Mediterraneo a 25 anni dal Processo di Barcellona

Il Presidente di ASCAME invita il popolo del Mediterraneo a unirsi per creare un nuovo destino comune.

-

- Advertisment -

Nel novembre 1995 è stato avviato il Processo di Barcellona. I suoi promotori sapevano che si trattava di un progetto a lungo termine con molti conflitti latenti, ma necessario per l’Europa e i suoi partner mediterranei. Nel 2008 è stata creata l’Unione per il Mediterraneo. 25 anni dopo, i conflitti e la mancanza di leadership rimangono, l’UE è stagnante, persistono problemi economici, differenze strategiche e la primavera araba. In questo viaggio si è passati dall’illusione alla disillusione, dall’idealismo al realismo.

Eppure, la vocazione di Barcellona è ancora valida e necessaria per l’Europa e il Mediterraneo, come 25 anni fa. L’Europa è preoccupata per le sue numerose sfide: populismo, Covid-19, cambiamenti climatici, disuguaglianze e disoccupazione sono problemi comuni a tutto il Mediterraneo.

E mentre l’Europa sta perdendo delle opportunità, viene annunciata la creazione del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), una zona di integrazione economica dell’Asia-Pacifico che copre un terzo della popolazione e della produzione economica mondiale. Inoltre, l’UE non reagisce ancora quando vede i suoi collegamenti marittimi nel Mediterraneo gestiti da consorzi cinesi.

La storia ha rivelato una correlazione tra progresso economico e sociale. Le opportunità di crescita e di prosperità nel Mediterraneo sono immense. Grandi aree di consumo, materie prime, energia, giovani e risorse per trovare soluzioni ai problemi più urgenti, nonché mercati emergenti attivi per attrarre operatori internazionali. La loro ubicazione consente di accorciare i circuiti logistici e di ridurre l’impronta di carbonio, garantendo al tempo stesso l’accesso all’Africa, un continente con un potenziale di sviluppo molto elevato.

Nel nuovo paradigma economico post-Covido19 , chiamato ‘slowbalisation’, le catene del valore globale si stanno accorciando per diventare catene regionali. In questo contesto, il Mediterraneo potrebbe diventare una frontiera produttiva Nord-Sud in piena espansione, ma è necessaria una nuova visione e integrazione tra le due sponde, che permetta un collegamento tra Europa e Africa, poiché il destino di entrambi i continenti è legato, e il Mediterraneo è l’area naturale di questo nuovo asse di sviluppo Africa-Mediterraneo-Europa che coprirebbe 1,8 miliardi di abitanti. È necessario un nuovo approccio europeo e l’impegno dei principali attori politici ed economici nel progetto.

L’integrazione non solo trasformerebbe la regione. Porterebbe anche a un aumento delle esportazioni, alla creazione di posti di lavoro e di nuove imprese, a una maggiore trasformazione digitale, all’affermazione delle economie verde e blu, al turismo sostenibile, alla dieta mediterranea e alle energie rinnovabili. Entrambe le parti ne trarrebbero beneficio. Si tratta di un impegno fondamentale per superare l’apatia in Europa, e a tal fine Barcellona ha sviluppato una propria visione dei principali criticità da affrontare. In questi 25 anni ha accumulato esperienza, iniziative che possono costruire ponti e opportunità e un futuro comune. Affinché Barcellona sia un punto di riferimento per una grande area economica mediterranea, è essenziale combinare volontà, risorse e una strategia unificata pubblico-privata.

Non siamo una regione sperduta. Nel Mediterraneo ci sono difficoltà, crisi e miseria, ma c’è anche un futuro se si rompono i pregiudizi e si superano le ostilità. La storia, la diversità e i valori comuni possono e devono fornire i mezzi per risolvere i problemi. Dobbiamo unirci per creare un nuovo destino comune.

Anwar Zibaoui
Specializzato in economia e relazioni internazionali e internazionalizzazione delle imprese. Esperto del mondo arabo e mediterraneo, cerca di rafforzare la comprensione reciproca e i legami economici tra questi paesi e l'UE. Scrive e partecipa a numerosi media spagnoli e internazionali. Organizza eventi economici internazionali e ha tenuto conferenze in vari congressi, forum e università. Ha ricoperto e continua a ricoprire responsabilità in varie società e organizzazioni internazionali, è fondatore di AZ Meda Advisors e Coordinatore generale di Ascame.
- Advertisement -

Ultime news

Il nuovo Erasmus: più semplice, inclusivo e verde

0
Parlamento e Consiglio Europeo hanno raggiunto un accordo sul programma Erasmus+ dell’UE per il 2021-2027.

Il Canada e la diversificazione commerciale con l’Asia

0
Nel 2019, le società canadesi hanno investito più di 3,8 miliardi in Indonesia imparando a conoscere le opportunità di tale mercato.

UK-Messico: il nuovo accordo commerciale di continuità

0
Regno Unito e Messico fermano i dazi sulle esportazioni di numerosi tipi di merce in attesa di un trattato più dettagliato

Smart Money: il sostegno per le startup innovative

0
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che definisce le modalità attuative degli interventi riuniti nel nome di Smart Money.

Formazione condivisa: accordo MACTT-OBOR

0
Formazione e internazionalizzazione sono i punti chiave dell’accordo raggiunto tra gli istituti OBOR e MACTT.

Economia

Il nuovo Erasmus: più semplice, inclusivo e verde

Parlamento e Consiglio Europeo hanno raggiunto un accordo sul programma Erasmus+ dell’UE per il 2021-2027.

Il Canada e la diversificazione commerciale con l’Asia

Nel 2019, le società canadesi hanno investito più di 3,8 miliardi in Indonesia imparando a conoscere le opportunità di tale mercato.

UK-Messico: il nuovo accordo commerciale di continuità

Regno Unito e Messico fermano i dazi sulle esportazioni di numerosi tipi di merce in attesa di un trattato più dettagliato

Smart Money: il sostegno per le startup innovative

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che definisce le modalità attuative degli interventi riuniti nel nome di Smart Money.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -