20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Le sfide del Mediterraneo a 25 anni dal Processo di Barcellona

Il Presidente di ASCAME invita il popolo del Mediterraneo a unirsi per creare un nuovo destino comune.

-

- Advertisment -spot_img

Nel novembre 1995 è stato avviato il Processo di Barcellona. I suoi promotori sapevano che si trattava di un progetto a lungo termine con molti conflitti latenti, ma necessario per l’Europa e i suoi partner mediterranei. Nel 2008 è stata creata l’Unione per il Mediterraneo. 25 anni dopo, i conflitti e la mancanza di leadership rimangono, l’UE è stagnante, persistono problemi economici, differenze strategiche e la primavera araba. In questo viaggio si è passati dall’illusione alla disillusione, dall’idealismo al realismo.

Eppure, la vocazione di Barcellona è ancora valida e necessaria per l’Europa e il Mediterraneo, come 25 anni fa. L’Europa è preoccupata per le sue numerose sfide: populismo, Covid-19, cambiamenti climatici, disuguaglianze e disoccupazione sono problemi comuni a tutto il Mediterraneo.

E mentre l’Europa sta perdendo delle opportunità, viene annunciata la creazione del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), una zona di integrazione economica dell’Asia-Pacifico che copre un terzo della popolazione e della produzione economica mondiale. Inoltre, l’UE non reagisce ancora quando vede i suoi collegamenti marittimi nel Mediterraneo gestiti da consorzi cinesi.

La storia ha rivelato una correlazione tra progresso economico e sociale. Le opportunità di crescita e di prosperità nel Mediterraneo sono immense. Grandi aree di consumo, materie prime, energia, giovani e risorse per trovare soluzioni ai problemi più urgenti, nonché mercati emergenti attivi per attrarre operatori internazionali. La loro ubicazione consente di accorciare i circuiti logistici e di ridurre l’impronta di carbonio, garantendo al tempo stesso l’accesso all’Africa, un continente con un potenziale di sviluppo molto elevato.

Nel nuovo paradigma economico post-Covido19 , chiamato ‘slowbalisation’, le catene del valore globale si stanno accorciando per diventare catene regionali. In questo contesto, il Mediterraneo potrebbe diventare una frontiera produttiva Nord-Sud in piena espansione, ma è necessaria una nuova visione e integrazione tra le due sponde, che permetta un collegamento tra Europa e Africa, poiché il destino di entrambi i continenti è legato, e il Mediterraneo è l’area naturale di questo nuovo asse di sviluppo Africa-Mediterraneo-Europa che coprirebbe 1,8 miliardi di abitanti. È necessario un nuovo approccio europeo e l’impegno dei principali attori politici ed economici nel progetto.

L’integrazione non solo trasformerebbe la regione. Porterebbe anche a un aumento delle esportazioni, alla creazione di posti di lavoro e di nuove imprese, a una maggiore trasformazione digitale, all’affermazione delle economie verde e blu, al turismo sostenibile, alla dieta mediterranea e alle energie rinnovabili. Entrambe le parti ne trarrebbero beneficio. Si tratta di un impegno fondamentale per superare l’apatia in Europa, e a tal fine Barcellona ha sviluppato una propria visione dei principali criticità da affrontare. In questi 25 anni ha accumulato esperienza, iniziative che possono costruire ponti e opportunità e un futuro comune. Affinché Barcellona sia un punto di riferimento per una grande area economica mediterranea, è essenziale combinare volontà, risorse e una strategia unificata pubblico-privata.

Non siamo una regione sperduta. Nel Mediterraneo ci sono difficoltà, crisi e miseria, ma c’è anche un futuro se si rompono i pregiudizi e si superano le ostilità. La storia, la diversità e i valori comuni possono e devono fornire i mezzi per risolvere i problemi. Dobbiamo unirci per creare un nuovo destino comune.

spot_imgspot_img
Anwar Zibaoui
Specializzato in economia e relazioni internazionali e internazionalizzazione delle imprese. Esperto del mondo arabo e mediterraneo, cerca di rafforzare la comprensione reciproca e i legami economici tra questi paesi e l'UE. Scrive e partecipa a numerosi media spagnoli e internazionali. Organizza eventi economici internazionali e ha tenuto conferenze in vari congressi, forum e università. Ha ricoperto e continua a ricoprire responsabilità in varie società e organizzazioni internazionali, è fondatore di AZ Meda Advisors e Coordinatore generale di Ascame.
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img