Lavoratrice vessata dai colleghi: il datore dovrà risarcirla

La Corte di Cassazione riconosce il dovere di mantenere un ambiente sereno

-

- Advertisment -

Un lavoratore si rivolge a un collega con accuse infondate? A risponderne può essere il datore di lavoro con l’accusa di mobbing. Lo ha sostenuto la Corte di Cassazione, che con la sentenza n. 27913 del 4 dicembre 2020 ha condannato una società a rimborsare una dipendente per un danno subito da condotte vessatorie di altri colleghi.

Ma perché paga l’azienda? Per non aver garantito alla lavoratrice la serenità nel lavoro, e non essere intervenuta a cospetto di maldicenze che avevano un intento persecutorio esplicito all’interno di un ambiente ostile. Il capo ufficio, va sottolineato, nel caso specifico non ha riservato alla collega offese e maldicenze, ma non ha garantito la tenuta di un ambiente di lavoro sereno, che in questo caso esclude l’azienda dal pagamento di danni morali nell’ambito del concetto di sicurezza sul lavoro.

Sicurezza sul lavoro che non è solo fisica ma anche mentale e morale. E che quindi può coinvolgere anche le stanze di un ufficio, e mansioni prive di pericoli fisici.

Gli obblighi di tutela della sicurezza sono previsti dall’art. 2087 del Codice Civile, rispetto al quale i giudici cassazionisti hanno chiarito le responsabilità di un datore non solo dirette ma anche come garante dei suoi dipendenti rispetto a quanto accade nell’ambiente e negli orari di lavoro.

Esiste poi un principio di fondo riconosciuto dalla Costituzione che vede l’attività produttiva subordinata alla utilità sociale: questa però va intesa non solo come mero benessere economico e materiale, sia pure generalizzato alla collettività, quanto, e soprattutto, come realizzazione di un pieno e libero sviluppo della persona umana e dei connessi valori di sicurezza, di libertà e dignità.

Nella fattispecie, la dipendente aveva dichiarato la propria inabilità dal lavoro per tre mesi, e per questo motivo era stata licenziata. Oltre al danno, quindi, la beffa. Ma almeno anche una ricompensa di seimila euro per danni morali.

Stefano Colombettihttps://www.studiolegalecolombetti.it/
Si occupa di diritto civile, penale ed amministrativo sia in ambito giudiziale avanti Giudice di Pace, Tribunale, Corte d’Appello, T.a.r., Consiglio di Stato e Corte di Cassazione, sia nella definizione stragiudiziale delle controversie. Collabora dal 2006 con il Prof. Avv. Ernesto Stajano del Foro di Roma. Ricopre numerosi incarichi con nomina del Tribunale di Milano e di Busto Arsizio quale Delegato alla vendita di immobili sottoposti ad esecuzione, immobili all'asta e quale Amministratore di Sostegno e Tutore; è stato altresì nominato Corrispondente Culturale della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade (MACTT), ONG di diritto Maltese ed è fondatore di un Club Rotary in Milano.
- Advertisement -

Ultime news

Beni immateriali non a bilancio: ok alla rivalutazione

0
I beni immateriali potranno essere rivalutati anche se non sono mai stati iscritti in bilancio: lo conferma l'Agenzia delle Entrate.

Il nuovo scenario fiscale tra Europa e Regno Unito

0
Importanti novità con lo sdoganamento delle merci e l’eventuale vendita con l’applicazione dell’IVA britannica.

La Francia monitora i social contro l’evasione fiscale

0
Monitoraggio dei social network come strumento di lotta all'evasione fiscale: l'idea arriva dalla Francia

L’agroindustria in Brasile e le opportunità per l’Italia

0
Offrire alle aziende italiane orientamento e informazioni sul mercato del Brasile per la crescita del settore agroindustria.

Il contribuente condannato non deve rimborsare l’autodifesa del fisco

0
Importante pronuncia della Corte di Cassazione sulle spese processuali nei contenziosi di natura tributaria

Economia

L’agroindustria in Brasile e le opportunità per l’Italia

Offrire alle aziende italiane orientamento e informazioni sul mercato del Brasile per la crescita del settore agroindustria.

Il vino biologico italiano attira i consumatori USA

L'Italia offre tante varietà di vino capace di soddisfare ogni nicchia e fascia di consumo tra i consumatori degli Stati Uniti d'America.

PMI Lombardia: l’incentivo Euromed per l’export

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

PMI Emilia Romagna: il voucher per l’export lo offre Euromed

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -