7.5 C
Rome
giovedì, Novembre 30, 2023
spot_imgspot_img

Lavoratrice vessata dai colleghi: il datore dovrà risarcirla

La Corte di Cassazione riconosce il dovere di mantenere un ambiente sereno

-

- Advertisment -

Un lavoratore si rivolge a un collega con accuse infondate? A risponderne può essere il datore di lavoro con l’accusa di mobbing. Lo ha sostenuto la Corte di Cassazione, che con la sentenza n. 27913 del 4 dicembre 2020 ha condannato una società a rimborsare una dipendente per un danno subito da condotte vessatorie di altri colleghi.

Ma perché paga l’azienda? Per non aver garantito alla lavoratrice la serenità nel lavoro, e non essere intervenuta a cospetto di maldicenze che avevano un intento persecutorio esplicito all’interno di un ambiente ostile. Il capo ufficio, va sottolineato, nel caso specifico non ha riservato alla collega offese e maldicenze, ma non ha garantito la tenuta di un ambiente di lavoro sereno, che in questo caso esclude l’azienda dal pagamento di danni morali nell’ambito del concetto di sicurezza sul lavoro.

Sicurezza sul lavoro che non è solo fisica ma anche mentale e morale. E che quindi può coinvolgere anche le stanze di un ufficio, e mansioni prive di pericoli fisici.

Gli obblighi di tutela della sicurezza sono previsti dall’art. 2087 del Codice Civile, rispetto al quale i giudici cassazionisti hanno chiarito le responsabilità di un datore non solo dirette ma anche come garante dei suoi dipendenti rispetto a quanto accade nell’ambiente e negli orari di lavoro.

Esiste poi un principio di fondo riconosciuto dalla Costituzione che vede l’attività produttiva subordinata alla utilità sociale: questa però va intesa non solo come mero benessere economico e materiale, sia pure generalizzato alla collettività, quanto, e soprattutto, come realizzazione di un pieno e libero sviluppo della persona umana e dei connessi valori di sicurezza, di libertà e dignità.

Nella fattispecie, la dipendente aveva dichiarato la propria inabilità dal lavoro per tre mesi, e per questo motivo era stata licenziata. Oltre al danno, quindi, la beffa. Ma almeno anche una ricompensa di seimila euro per danni morali.

Stefano Colombetti
Stefano Colombettihttps://www.studiolegalecolombetti.it/
Si occupa di diritto civile, penale ed amministrativo sia in ambito giudiziale avanti Giudice di Pace, Tribunale, Corte d’Appello, T.a.r., Consiglio di Stato e Corte di Cassazione, sia nella definizione stragiudiziale delle controversie. Collabora dal 2006 con il Prof. Avv. Ernesto Stajano del Foro di Roma. Ricopre numerosi incarichi con nomina del Tribunale di Milano e di Busto Arsizio quale Delegato alla vendita di immobili sottoposti ad esecuzione, immobili all'asta e quale Amministratore di Sostegno e Tutore; è stato altresì nominato Corrispondente Culturale della Mediterranean Academy of Culture, Tourism and Trade (MACTT), ONG di diritto Maltese ed è fondatore di un Club Rotary in Milano.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Intelligenza_Artificiale_Agenzia-Entrate_imprese_del_sud

Confapi Sicilia in lotta contro le complicazioni fiscali: appello per una riforma tributaria equa...

Confapi Sicilia denuncia il caos interpretativo su incentivi e agevolazioni fiscali, esortando a una riforma che protegga le PMI.
Nuovi bandi Horizon europe 2024 - Imprese del Sud

Dati e intelligenza artificiale: i nuovi bandi di Horizon Europe

0
La Commissione europea ha aperto i nuovi bandi Horizon Europe compresi nel Programma di lavoro Digital, Industry, and Space.
Europa Creativa media news - Imprese del Sud

Europa Creativa – Transettoriale: bando 2024 “NEWS – Media Literacy”

0
Esplora le ultime strategie di alfabetizzazione mediatica per navigare nel panorama digitale in continua evoluzione e contrastare efficacemente la disinformazione. Il bando scade il 7 Marzo 2024.
Workshop GreenMatch - Imprese del Sud

GreenMatch: Innovazione e Sostenibilità al Centro del Primo Workshop a Napoli

Partecipa al Workshop GreenMatch a Napoli: innovazione circolare, sostenibilità e decarbonizzazione. Unisciti alla rivoluzione verde. Iscriviti ora!
Mica attesa regolamento cripto - Imprese del Sud

La lunga attesa per la regolamentazione MiCA delle cripto-valute in Europa

Europa in attesa del MiCA fino al 2026. Analizziamo le protezioni per gli investitori in criptovalute e gli impatti sui mercati.
spot_img

Economia

Dati e intelligenza artificiale: i nuovi bandi di Horizon Europe

La Commissione europea ha aperto i nuovi bandi Horizon Europe compresi nel Programma di lavoro Digital, Industry, and Space.

Europa Creativa – Transettoriale: bando 2024 “NEWS – Media Literacy”

Esplora le ultime strategie di alfabetizzazione mediatica per navigare nel panorama digitale in continua evoluzione e contrastare efficacemente la disinformazione. Il bando scade il 7 Marzo 2024.

La lunga attesa per la regolamentazione MiCA delle cripto-valute in Europa

Europa in attesa del MiCA fino al 2026. Analizziamo le protezioni per gli investitori in criptovalute e gli impatti sui mercati.

Braccio di ferro commerciale: l’accordo UE-Australia si arena sui prodotti agroalimentari

Il negoziato UE-Australia su libero scambio è in stallo su Prosecco e Feta. Tensioni sulle concessioni agricole e timori per l'economia e le future elezioni.
- Advertisement -spot_img