23.2 C
Rome
sabato, Luglio 31, 2021
spot_imgspot_img

La Russia punta sull’export di legno per la bioedilizia

Nuovo maxi investimento nell'area a nord-est di Mosca

-

- Advertisment -

Non solo idrocarburi, gas e petrolio. La Russia ora punta dritto sul legno destinato alla bioedilizia per far crescere il suo export e l’economia nazionale. E’ recente la notizia dell’inaugurazione del primo impianto russo per la produzione su larga scala del legno lamellare a strati incrociati, considerato un po’ il “mattone” della nuova edilizia ecosostenibile.

Con un investimento di oltre 33 milioni di euro il gruppo Segezha, specializzato nella produzione di legno e carta, con 7,42 milioni di ettari di risorse forestali in gestione e 13mila dipendenti, ha aperto un nuovo centro di produzione per i pannelli Clt a Sokol, nell’oblast di Vologda a circa 500 chilometri a nord-est di Mosca.

La linea di produzione è attrezzata con macchinari dei principali produttori europei, tra cui l’italiana Scm Group, e l’obiettivo è quello di rifornire il mercato delle costruzioni in legno, in crescita sia in Russia che in Europa, con questo materiale più sostenibile del cemento: impronta di carbonio minima, resistente al fuoco e con ottime caratteristiche fisiche e meccaniche.

Questo investimento parte da lontano. Nel giugno 2019, infatti, il ministero dell’industria e del commercio della Russia aveva incluso la costruzione di questo impianto nell’elenco dei progetti di investimento prioritari nel campo dello sviluppo forestale.

Secondo il vicepresidente di Segezha, Dmitry Rudenko, siamo a un vero punto di svolta per tutto il settore del legname russo, ma anche un concreto passo per la Federazione di ridurre la dipendenza dalle esportazioni di petrolio e gas, cercando di differenziare il proprio export con un prodotto più sostenibile e migliorare così la sua immagine ambientale.

La svolta russa nella produzione di un legno di qualità, alla pari di quello di Finlandia e Stati Uniti, e il relativo processo di riforestazione assicurato dalle autorità di Mosca, è un segnale che la nuova era della rincorsa all’economia sostenibile potrebbe essere ormai ad un passo.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Media partner -Media partner

Ultime news

L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

0
È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

0
La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

0
Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

0
L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
spot_img

Economia

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
- Advertisement -spot_img