17.9 C
Rome
martedì, Maggio 18, 2021
spot_imgspot_img

La Russia punta sull’export di legno per la bioedilizia

Nuovo maxi investimento nell'area a nord-est di Mosca

-

- Advertisment -spot_img

Non solo idrocarburi, gas e petrolio. La Russia ora punta dritto sul legno destinato alla bioedilizia per far crescere il suo export e l’economia nazionale. E’ recente la notizia dell’inaugurazione del primo impianto russo per la produzione su larga scala del legno lamellare a strati incrociati, considerato un po’ il “mattone” della nuova edilizia ecosostenibile.

Con un investimento di oltre 33 milioni di euro il gruppo Segezha, specializzato nella produzione di legno e carta, con 7,42 milioni di ettari di risorse forestali in gestione e 13mila dipendenti, ha aperto un nuovo centro di produzione per i pannelli Clt a Sokol, nell’oblast di Vologda a circa 500 chilometri a nord-est di Mosca.

La linea di produzione è attrezzata con macchinari dei principali produttori europei, tra cui l’italiana Scm Group, e l’obiettivo è quello di rifornire il mercato delle costruzioni in legno, in crescita sia in Russia che in Europa, con questo materiale più sostenibile del cemento: impronta di carbonio minima, resistente al fuoco e con ottime caratteristiche fisiche e meccaniche.

Questo investimento parte da lontano. Nel giugno 2019, infatti, il ministero dell’industria e del commercio della Russia aveva incluso la costruzione di questo impianto nell’elenco dei progetti di investimento prioritari nel campo dello sviluppo forestale.

Secondo il vicepresidente di Segezha, Dmitry Rudenko, siamo a un vero punto di svolta per tutto il settore del legname russo, ma anche un concreto passo per la Federazione di ridurre la dipendenza dalle esportazioni di petrolio e gas, cercando di differenziare il proprio export con un prodotto più sostenibile e migliorare così la sua immagine ambientale.

La svolta russa nella produzione di un legno di qualità, alla pari di quello di Finlandia e Stati Uniti, e il relativo processo di riforestazione assicurato dalle autorità di Mosca, è un segnale che la nuova era della rincorsa all’economia sostenibile potrebbe essere ormai ad un passo.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Partner -spot_img
- Media partner -Media partner

Ultime news

israele

Riutilizzo delle acque reflue: la cooperazione Italia-Israele

0
Il riciclaggio di Israele delle acque reflue domestiche e industriali sottoposte a trattamento per il riutilizzo è una realtà che merita attenzione in tutto il mondo. 
infrastrutture

Il ritardo infrastrutturale toglie all’export 60 miliardi annui

0
Il ritardo infrastrutturale pesa per 60 miliardi di mancato export. È quanto emerge da un focus Censis Confcooperative

Internazionalizzazione e fondo SACE-SIMEST: il webinar gratuito

0
Euromed International Trade presenta il webinar gratuito Internazionalizzazione - Opportunità di finanziamento SACE SIMEST, in programma Mercoledì 26 Maggio alle ore 16.00

Le ZES e gli strumenti innovativi per la crescita dei territori

0
Obiettivo del governo è quello di agevolare gli investimenti nelle ZES non solo in termini di convenienza, ma anche in facilità e velocità delle procedure burocratiche.
ue_usa

Disputa Airbus-Boeing: UE e USA sospendono i dazi

0
L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno concordato di sospendere per un periodo di quattro mesi tutti i dazi sulle esportazioni legati alla disputa tra Airbus e Boeing.
spot_img

Economia

Riutilizzo delle acque reflue: la cooperazione Italia-Israele

Il riciclaggio di Israele delle acque reflue domestiche e industriali sottoposte a trattamento per il riutilizzo è una realtà che merita attenzione in tutto il mondo. 

Il ritardo infrastrutturale toglie all’export 60 miliardi annui

Il ritardo infrastrutturale pesa per 60 miliardi di mancato export. È quanto emerge da un focus Censis Confcooperative

Internazionalizzazione e fondo SACE-SIMEST: il webinar gratuito

Euromed International Trade presenta il webinar gratuito Internazionalizzazione - Opportunità di finanziamento SACE SIMEST, in programma Mercoledì 26 Maggio alle ore 16.00

Le ZES e gli strumenti innovativi per la crescita dei territori

Obiettivo del governo è quello di agevolare gli investimenti nelle ZES non solo in termini di convenienza, ma anche in facilità e velocità delle procedure burocratiche.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img