18.7 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
spot_imgspot_img

La riforma del fallimento rischia di travolgere le imprese

Si chiede a gran voce di spostare l'entrata in vigore prevista per il 1° Settembre 2021

-

- Advertisment -

Si attende per il 1° Settembre 2021 l’entrata in vigore della riforma del fallimento, un nuovo pacchetto normativo sulla crisi d’impresa che in coincidenza con l’emergenza coronavirus e le relative restrizioni rischia di portare effetti devastanti per l’intero sistema economico.

Interpretando in maniera discutibile una direttiva europea che prevedeva meccanismi di consulenza e sostegno a favore dell’imprenditore, l’Italia ha pensato di istituire i cosiddetti OCRI, nuovi organismi di composizione della crisi, che dovrebbero sostituirsi in qualche modo all’imprenditore nella valutazione e nella gestione della crisi dell’impresa non appena emergano alcuni segnali di pericolo, che in verità nella situazione rientrano nella normalità, e solitamente non rappresentano l’anticamera di un possibile fallimento: parliamo ad esempio di ritardi e difficoltà a pagare i fornitori o a versare le imposte.

Tradotto tutto questo nella situazione attuale, se l’entrata in vigore della riforma fosse confermata per il 1° settembre quasi tutte le imprese in difficoltà dovrebbero essere segnalate agli organismi di composizione della crisi per l’avvio di una procedura fallimentare.

Va ricordato che questa riforma, denominata Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, sarebbe dovuta entrare in vigore lo scorso anno, ma è slittata a causa della pandemia. La speranza è che la nuova scadenza possa slittare ulteriormente per essere adeguata a una situazione negativamente straordinaria e inimmaginabile quando la riforma è stata scritta e approvata, nel “lontano” 20219. Qualcuno ipotizza che una data ragionevole per attuare questo nuovo codice non potrebbe essere fissata prima del 2023.

A parlare di tale adeguamento alla situazione Covid è stato anche il G30, il think tank fondato su iniziativa della Rockefeller Foundation nel 1978, che fornisce consulenze sui temi di economia internazionale e monetaria, e che per l’occasione ha trasmesso una serie di raccomandazioni basate sull’abbandono del focus sulla liquidità, che era stato l’elemento centrale degli interventi statali e delle banche centrali nella prima fase della pandemia, per approcciare la ripresa con una strategia di lungo termine, rivedendo i sistemi di salvataggio e le procedure di ristrutturazione per permettere al mercato, agli investitori e alle banche di valutare la capacità delle imprese di generare ricchezza a prescindere dalla situazione finanziaria del momento, e garantire loro un adeguato sostegno per il rilancio.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Titolari effettivi Anac Appalti pubblici Imprese del Sud

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.
Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
spot_img

Economia

Titolari effettivi. Negli appalti pubblici più trasparenza.

L'Anac, definisce le procedure per le Stazioni appaltanti, al fine di individuare i titolari effettivi dei partecipanti alle gare pubbliche.

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...
- Advertisement -spot_img