17.9 C
Rome
martedì, Maggio 18, 2021
spot_imgspot_img

La riforma del fallimento rischia di travolgere le imprese

Si chiede a gran voce di spostare l'entrata in vigore prevista per il 1° Settembre 2021

-

- Advertisment -spot_img

Si attende per il 1° Settembre 2021 l’entrata in vigore della riforma del fallimento, un nuovo pacchetto normativo sulla crisi d’impresa che in coincidenza con l’emergenza coronavirus e le relative restrizioni rischia di portare effetti devastanti per l’intero sistema economico.

Interpretando in maniera discutibile una direttiva europea che prevedeva meccanismi di consulenza e sostegno a favore dell’imprenditore, l’Italia ha pensato di istituire i cosiddetti OCRI, nuovi organismi di composizione della crisi, che dovrebbero sostituirsi in qualche modo all’imprenditore nella valutazione e nella gestione della crisi dell’impresa non appena emergano alcuni segnali di pericolo, che in verità nella situazione rientrano nella normalità, e solitamente non rappresentano l’anticamera di un possibile fallimento: parliamo ad esempio di ritardi e difficoltà a pagare i fornitori o a versare le imposte.

Tradotto tutto questo nella situazione attuale, se l’entrata in vigore della riforma fosse confermata per il 1° settembre quasi tutte le imprese in difficoltà dovrebbero essere segnalate agli organismi di composizione della crisi per l’avvio di una procedura fallimentare.

Va ricordato che questa riforma, denominata Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, sarebbe dovuta entrare in vigore lo scorso anno, ma è slittata a causa della pandemia. La speranza è che la nuova scadenza possa slittare ulteriormente per essere adeguata a una situazione negativamente straordinaria e inimmaginabile quando la riforma è stata scritta e approvata, nel “lontano” 20219. Qualcuno ipotizza che una data ragionevole per attuare questo nuovo codice non potrebbe essere fissata prima del 2023.

A parlare di tale adeguamento alla situazione Covid è stato anche il G30, il think tank fondato su iniziativa della Rockefeller Foundation nel 1978, che fornisce consulenze sui temi di economia internazionale e monetaria, e che per l’occasione ha trasmesso una serie di raccomandazioni basate sull’abbandono del focus sulla liquidità, che era stato l’elemento centrale degli interventi statali e delle banche centrali nella prima fase della pandemia, per approcciare la ripresa con una strategia di lungo termine, rivedendo i sistemi di salvataggio e le procedure di ristrutturazione per permettere al mercato, agli investitori e alle banche di valutare la capacità delle imprese di generare ricchezza a prescindere dalla situazione finanziaria del momento, e garantire loro un adeguato sostegno per il rilancio.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Partner -spot_img
- Media partner -Media partner

Ultime news

infrastrutture

Il ritardo infrastrutturale toglie all’export 60 miliardi annui

0
Il ritardo infrastrutturale pesa per 60 miliardi di mancato export. È quanto emerge da un focus Censis Confcooperative

Internazionalizzazione e fondo SACE-SIMEST: il webinar gratuito

0
Euromed International Trade presenta il webinar gratuito Internazionalizzazione - Opportunità di finanziamento SACE SIMEST, in programma Mercoledì 26 Maggio alle ore 16.00

Le ZES e gli strumenti innovativi per la crescita dei territori

0
Obiettivo del governo è quello di agevolare gli investimenti nelle ZES non solo in termini di convenienza, ma anche in facilità e velocità delle procedure burocratiche.
ue_usa

Disputa Airbus-Boeing: UE e USA sospendono i dazi

0
L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno concordato di sospendere per un periodo di quattro mesi tutti i dazi sulle esportazioni legati alla disputa tra Airbus e Boeing.
ismea_agricoltura

Nuovi incentivi ISMEA per gli agricoltori del domani

0
Nell’ambito delle politiche di sviluppo del settore agricolo e agroalimentare, ISMEA concede agevolazioni.
spot_img

Economia

Il ritardo infrastrutturale toglie all’export 60 miliardi annui

Il ritardo infrastrutturale pesa per 60 miliardi di mancato export. È quanto emerge da un focus Censis Confcooperative

Internazionalizzazione e fondo SACE-SIMEST: il webinar gratuito

Euromed International Trade presenta il webinar gratuito Internazionalizzazione - Opportunità di finanziamento SACE SIMEST, in programma Mercoledì 26 Maggio alle ore 16.00

Le ZES e gli strumenti innovativi per la crescita dei territori

Obiettivo del governo è quello di agevolare gli investimenti nelle ZES non solo in termini di convenienza, ma anche in facilità e velocità delle procedure burocratiche.

Nuovi incentivi ISMEA per gli agricoltori del domani

Nell’ambito delle politiche di sviluppo del settore agricolo e agroalimentare, ISMEA concede agevolazioni.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img