10.7 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

La moda italiana sfila a Toronto, aspettando il CETA

-

- Advertisment -spot_img

Sale l’attesa per la prima edizione di “WeLoveModainItaly Toronto”, in programma il 28 e 29 gennaio nella città nordamericana. Si tratta di una grande occasione per le imprese del settore moda, e non a caso sono pronte a volare in Canada anche alcune importanti rappresentanze di categoria del mondo artigiano legate al tessile.

Grande attenzione sarà dedicata, naturalmente, a un tema di stretta attualità come il CETA, l’accordo di libero scambio sul quale molte imprese ripongono le loro speranze per far crescere l’export, specialmente dopo i muri alzati dagli Stati Uniti con i dazi sulle importazioni di prodotti UE.

Già la sola attuazione provvisoria del CETA ha consentito all’Italia e alle sue imprese di esportare in Canada un valore aggiunto di prodotti pari a 438 milioni di euro: a dimostrazione dell’interesse che è in grado di riscuotere il nostro Paese, settimo al mondo per export e quinto per avanzo commerciale, e di come l’apertura dei mercati possa fare la differenza. Per questo ora si attende la ratifica definitiva dell’accordo.

Questi i principali brand che saranno presenti a Toronto: Artico, Ave Caprice, Bovina, Colb, Daniele Callegari, Flò Sophie, Giulia Brunetti, Landi Fancy, Luca Della Lama, Martylò, Mod.E, Mori Castello, Rosanna Pellegrini, Roberta Gandolfi, Rossomenta, Suprema e Zerosettanta Studio.

La promozione dei prodotti italiani sarà rafforzata da un seminario sulle tematiche del made in Italy e la sua stretta connessione alla sostenibilità: i lavori saranno aperti da Antonio Franceschini, responsabile Nazionale CNA Federmoda e poi sviluppati da Roberto Corbelli, specializzato in ricerca e analisi delle tendenze e Presidente del Consorzio Moda in Italy.

All’evento sarà presente anche il Sottosegretario agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, Ivan Scalfarotto, accompagnato dall’Ambasciatore d’Italia in Canada, Claudio Taffuri, e dal Direttore ICE Toronto, Matteo Picariello.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img