22.7 C
Rome
martedì, Giugno 22, 2021
spot_imgspot_img

Il Nord Africa colpito dalla fuga dei laureati in ICT

Un fenomeno, quello della migrazione dei talenti, che non risparmia nessun paese al mondo.

-

- Advertisment -spot_img

La migrazione di talenti di professionisti altamente qualificati delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) dai paesi del Nord Africa agli stati membri dell’Unione Europea ad alto reddito sta contribuendo ad un vero e proprio fenomeno di fuga dei cervelli nella regione.

Secondo il World Development Report 2021 della Banca Mondiale: Data for better lives, la principale causa di migrazione di professionisti ICT da paesi nordafricani come Algeria, Egitto, Libia, Marocco e Tunisia, è economica, legata agli enormi divari salariali che esistono tra i paesi ad alto e basso reddito.

“Dati i differenziali salariali da cinque a 10 volte tra i data scientist nei paesi a basso e ad alto reddito, si stima che i lavoratori con queste competenze nei paesi a basso reddito abbiano il 33% di probabilità in più di migrare rispetto ai lavoratori dei paesi ad alto reddito”, è riportato nel rapporto.

I guadagni dei dipendenti ICT differiscono ampiamente a livello globale, secondo il rapporto, che mostra che, mentre i paesi ad alto reddito e medio-alto pagano a questi lavoratori rispettivamente 3.500 dollari e 900 dollari al mese, i paesi a reddito medio-basso e a basso reddito di solito pagare circa US $ 300.

Deflusso netto di 70.000 lavoratori

Utilizzando i dati generati da una partnership tra il Gruppo della Banca Mondiale e LinkedIn guidata da Tingting Juni Zhu, uno specialista del settore privato presso la Banca Mondiale, e Alan Fritzler, uno scienziato senior dei dati presso LinkedIn Corporation, il Rapporto sullo sviluppo mondiale 2021 ha notato che c’era una rete deflusso di almeno 70.000 lavoratori ICT da paesi a basso e medio reddito verso paesi ad alto reddito dal 2015 al 2019.

Nel loro rapporto precedente del 2018, Data Insights: Jobs, skills and migration trends methodology and validation results , Juni Zhu, Fritzler e il loro coautore, Jan Orlowski, un economista presso il Dipartimento di Finanza, Competitività e l’innovazione Global Practice della Banca mondiale, ha evidenziato come la regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA) sta perdendo circa 10.000 professionisti ICT qualificati ogni anno.

La regione MENA, secondo la classificazione della Banca Mondiale, comprende 18 paesi: Algeria, Bahrein, Egitto, Iran, Iraq, Israele, Giordania, Kuwait, Libano, Libia, Marocco, Oman, Qatar, Arabia Saudita, Siria, Tunisia, Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti e Yemen, che si trovano in Medio Oriente e Nord Africa.

Tuttavia, mentre alcuni paesi del Medio Oriente riguadagnano alcune delle loro perdite reclutando talenti ICT più economici da India, Pakistan e Filippine, i paesi nordafricani continuano a perdere a favore dell’UE e di altri Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.


Esperti scienziati di dati

Secondo Juni Zhu e i suoi collaboratori, tutti i paesi del Nord Africa stanno registrando un elevato deficit di professionisti ICT altamente qualificati nella scienza dei dati.

La Banca Mondiale ha identificato le conoscenze e le abilità in scienza dei materiali, ingegneria aerospaziale, strumenti di sviluppo, scienza dei dati, robotica, ingegneria genetica, nanotecnologia, interazione uomo-computer e fintech, come alcune delle competenze chiave che quei paesi avevano perso.

Guardando i dati sulle competenze di LinkedIn nei paesi relativi all’occupazione, i ricercatori della Banca Mondiale hanno notato che il tasso di penetrazione delle competenze di data science rilevanti per l’intelligenza artificiale in occupazioni comparabili è attualmente quattro volte superiore nei paesi ad alto reddito rispetto ai paesi a basso reddito.

Nella loro ricerca per comprendere le dinamiche sottostanti coinvolte nella migrazione dei talenti dal Nord Africa, i ricercatori della Banca Mondiale hanno notato che c’era una divergenza minima nella proporzione di studenti diplomati in ICT in tutti i gruppi di reddito del paese.

Ma ciò che differiva notevolmente era la quota di occupazione formale dei laureati in ICT. Mentre nei paesi ad alto reddito, nel 2018, i professionisti ICT rappresentavano il 2,1% dell’occupazione totale, nei paesi a basso e medio basso reddito l’occupazione di tali lavoratori qualificati era pari allo 0,1%.

A questo proposito, c’erano indicatori che, sebbene la fuga dei cervelli dei professionisti ICT fosse attribuita fondamentalmente a cause economiche, sostiene la Banca Mondiale, il disallineamento tra domanda e offerta nelle economie a basso e medio reddito sembrava spingere la migrazione verso l’esterno verso una migliore occupazione opportunità nei paesi in cui il settore digitale è più sviluppato.

Produrre laureati per i mercati esterni

Secondo Juni Zhu e i suoi collaboratori, scenari simili sono stati osservati tra l’area MENA e gli stati membri dell’UE, come Francia e Germania, che sono i principali beneficiari della migrazione di talenti, in particolare dal Marocco, che ha uno dei più alti tassi di laurea in ICT nel regione.

In effetti, ciò che sta emergendo è che le università nordafricane, producono principalmente laureati in ICT e in data science per i mercati esterni.

Il problema è che la mancanza di opportunità di lavoro e di altri fattori che frenano la creazione di posti di lavoro per i lavoratori altamente qualificati nei paesi nordafricani ha provocato la migrazione dei lavoratori delle ICT.

Secondo il rapporto dell’Organizzazione internazionale del lavoro ,Global Employment Trends for Youth 2020: Technology and the future of jobs , in Nord Africa, solo il 27% dei giovani partecipa alla forza lavoro.

Sfortunatamente, in Nord Africa, lo studio dell’ILO indica che i tassi di disoccupazione aumentano rapidamente con il livello di istruzione, un fattore che sembra suggerire che siano i giovani con livelli di istruzione superiore ad affrontare problemi significativi nell’ingresso nel mercato del lavoro regionale.

Ma si prevede che l’emergente perdita di talenti di specialisti in ICT e scienza dei dati attraverso la migrazione che si estende oltre il Nord Africa ad altri paesi in via di sviluppo nell’Africa sub-sahariana, nei Caraibi e nell’Asia meridionale creerà barriere che impediranno a quei paesi di sfruttare tali competenze.

“La fuga di cervelli in questi campi sarà aggravata dalla mancanza di opportunità derivanti da infrastrutture di dati locali non sviluppate”, prevede la Banca Mondiale nel suo rapporto.

I governi hanno esortato ad agire

Per evitare la crisi, la Banca mondiale sta sollecitando i governi del Nord Africa e di altri paesi in via di sviluppo a iniziare a stimolare le loro economie digitali e incoraggiare gli investimenti, in particolare gli investimenti privati ​​in reti in ​​fibra ottica e data center che genererebbero occupazione.

Il problema è che è necessario rendersi conto che il potenziale contributo dell’infrastruttura dati allo sviluppo economico dipende da risorse umane adeguate, in particolare in aree di frontiera come la scienza dei dati e l’intelligenza artificiale, ha sottolineato la Banca mondiale.

A questo proposito, probabilmente l’aspetto più importante da tenere in considerazione è che, sebbene vi sia una scarsità globale di tali competenze, l’evidenza disponibile suggerisce che le università e altre istituzioni terziarie nei paesi in via di sviluppo hanno la capacità di produrre alcuni laureati in questi campi.

Ma, come ha sottolineato l’ILO, è probabile che il Nord Africa e altri paesi in via di sviluppo continuino a perdere i propri data scientist e altri professionisti a causa dell’incapacità di creare opportunità di lavoro dignitoso che sono spesso i principali motori della migrazione.

Per tali paesi, la migrazione della popolazione con istruzione terziaria può alleviare le pressioni sul mercato del lavoro locale, ma non c’è dubbio che spesso ciò avviene a costo della fuga di cervelli e della perdita di talenti.

Fonte: University World News – Wachira Kigotho

spot_imgspot_img
Sergio Passariello
Ho fondato questo portale web nonché la rete "Malta Business", una rete di consulenza, sviluppo e organizzazione aziendale a Malta. Sono CEO di Euromed International Trade e mi occupo di internazionalizzazione del business e sviluppo commerciale. Specializzato in franchising e trattative IT. CEO dell'Accademia Mediterranea di Cultura, Tecnologia e Commercio con sede a Malta, istituto di istruzione superiore autorizzato da NCFHE. Collaboro come freelance con Blasting News e Imprese del Sud, curando articoli e approfondimenti su economia, finanza, tecnologia, innovazione, turismo e cultura.
- Partner -spot_img
- Media partner -Media partner

Ultime news

Malta offre fino a 300 euro agli studenti di inglese in vacanza

0
Gli studenti di inglese che prenotano una vacanza-studio a Malta nel 2021, a partire dallo scorso 1° giugno per 15 o più notti, riceveranno...

La Spagna rilancia l’automotive sostenibile e di qualità

0
Milioni di auto elettriche già in circolazione richiedono centraline di ricarica distribuite regolarmente per l’intero territorio
innovation fund

Innovation Fund: il bando per l’innovazione industriale ecologica

0
Innovation Fund è uno dei più grandi programmi di finanziamento al mondo per il sostegno di tecnologie innovative a basse emissioni di sostanze inquinanti.

Il food italiano e il True Italian Taste 2021 in Germania

0
Sono 21 i ristoranti italiani di Francoforte e dintorni che hanno partecipato all’iniziativa offrendo menu speciali dedicati all’Emilia-Romagna.

È reato di omessa dichiarazione se l’interesse economico è in Italia

Sussiste il reato di omessa dichiarazione, per il contribuente che risiede formalmente in un Paese straniero ma che mantiene il centro vitale degli affari...
spot_img

Economia

La Spagna rilancia l’automotive sostenibile e di qualità

Milioni di auto elettriche già in circolazione richiedono centraline di ricarica distribuite regolarmente per l’intero territorio

Innovation Fund: il bando per l’innovazione industriale ecologica

Innovation Fund è uno dei più grandi programmi di finanziamento al mondo per il sostegno di tecnologie innovative a basse emissioni di sostanze inquinanti.

Il food italiano e il True Italian Taste 2021 in Germania

Sono 21 i ristoranti italiani di Francoforte e dintorni che hanno partecipato all’iniziativa offrendo menu speciali dedicati all’Emilia-Romagna.

La rinascita del Messico con gli accordi commerciali

Tra le opere più importanti ricordiamo il “Treno Maya”, linea ferroviaria da oltre 1.500 chilometri.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img