19.3 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Accordo AfCFTA in vigore: l’Africa diventa un’area di libero scambio

I Paesi africani puntano sul commercio intracontinentale. Euromed International Trade pronta a sfruttare le potenzialità dell'intesa.

-

- Advertisment -spot_img

L’Africa diventa l’area di libero scambio più grande del Pianeta: 1,2 miliardi di persone e un PIL complessivo di 2.500 miliardi di dollari. La nuova zona commerciale è nata con l’entrata in vigore, lo scorso 1° Gennaio 2021, dell’AfCFTA, un accordo lanciato il 7 luglio 2020 a Niamey, in Niger, che ha visto l’adesione di 53 Paesi africani su 54: soltanto l’Eritrea, per il momento, ha deciso di rimanere fuori.

Secondo un rapporto della Banca mondiale pubblicato lo scorso luglio e intitolato The African Continental Free Trade Area, economic and distributional effects, l’accordo, se attuato integralmente, potrebbe far crescere il commercio interno africano del 52% nell’arco di due anni, aumentando il reddito continentale del 7% ovvero di 450 miliardi di dollari e accelerando la crescita dei salari per le donne. Secondo le prime stime almeno 30 milioni di persone potrebbero così uscire dalla soglia povertà estrema entro il 2035.

Quello che contraddistingue l’AfCFTA rispetto ad altri accordi di libero scambio sottoscritti nel resto del mondo è un cambio di marcia rispetto al basso livello di commercio intracontinentale da cui partono i contraenti. Gli anni del colonialismo hanno infatti limitato la realizzazione di infrastrutture adeguate al commercio fra Paesi confinanti, favorendo invece i collegamenti portuali da cui i prodotti potevano essere imbarcati verso l’Europa. E nei primi decenni dell’era post-coloniale, dopo l’indipendenza riconosciuta ai vari Stati del vecchio continente, gli obiettivi di autosufficienza perseguiti da tanti leader africani mediante l’istituzione di imprese pubbliche fallimentari, nonché politiche protezioniste, dazi altissimi e regole commerciali burocratiche e spesso poco coordinate, hanno ostacolato l’integrazione del continente.

Il nuovo accordo odierno rappresenta dunque un cambio di passo epocale e rivoluzionario, che vedrà per la prima volta i Paesi africani in via di sviluppo organizzarsi per aumentare il commercio intraregionale nell’ottica di una crescita comune, e mettendo da parte logiche concorrenziali che per troppo tempo sono state alla base di una “guerra tra poveri”.

Ad accogliere con grande soddisfazione il nuovo accordo AfCFTA è Euromed International Trade, la società di consulenza per l’internazionalizzazione delle imprese che ha sempre creduto nelle potenzialità del continente africano. “La nostra realtà – commenta Sergio Passariello, CEO di Euromed – ha coltivato negli anni un rapporto privilegiato con i principali attori economici commerciali dell’Africa grazie a una presenza attiva nella piattaforma Anima Investment Network con sede a Marsiglia e in quanto membri di ASCAME, l’Associazione delle Camere di Commercio del Mediterraneo. Con entrambe queste realtà abbiamo focalizzato l’attenzione nel Mediterraneo allargato come macro-area economica di rilancio per le nostre imprese, cogliendo al volo le opportunità in arrivo da un continente africano in rampa di lancio per lo sviluppo di partenariati commerciali e di investimento, di innovazione e imprenditorialità, e per l’internazionalizzazione delle aziende. Con l’entrata in vigore del nuovo accordo di libero scambio africano, possiamo oggi garantire una marcia in più alle aziende italiane desiderose di investire negli emergenti mercati africani per potenziare il loro business“.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img