23.2 C
Rome
sabato, Luglio 31, 2021
spot_imgspot_img

Il Mezzogiorno “salva” l’export italiano

SACE conferma una tenuta e un potenziale ancora inespresso delle regioni del Sud

-

- Advertisment -

Il Mezzogiorno attutisce il colpo rispetto al calo dell’export nazionale nei primi nove mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019 (-12,5%). Lo sostiene un rapporto sull’export regionale elaborato da SACE, che mette in evidenza le ottime performance dei prodotti agroalimentari e del Molise, che ha registrato una crescita delle vendite oltreconfine significativa (+31,4%).

Secondo gli analisti dell’agenzia governativa lo shock pandemico ha messo ancor più in risalto le potenzialità inespresse dell’export del Mezzogiorno, che potrebbero essere sviluppate nel prossimo futuro sia verso quelli che sono già importanti partner commerciali (come Stati Uniti, Francia e Germania), sia verso geografie ancora poco conosciute ai prodotti meridionali.

Si osserva quindi una tenuta del Sud Italia superiore a quella del Nord: un dato interessante anche per le prospettive future del Mezzogiorno in termini di export. Le potenzialità del Meridione sono elevate: un confronto con le performance dei peer, la similarità tra domanda e offerta di export e le prospettive di crescita del mercato, evidenzia una domanda di circa 17 miliardi di euro ancora inespressa.

Questo risultato nel 2020 da parte del Mezzogiorno è stato possibile grazie a due fattori, uno di carattere settoriale, rappresentato da una propensione per l’agroalimentare dell’export del Meridione, e uno geografico, dato da una performance eccezionale dell’export del Molise, che ha avuto, nonostante lo shock pandemico, una crescita di oltre il 30%.

Il primo fattore, quello più importante, attesta che l’export di queste regioni si compone in gran parte di prodotti del settore agroalimentare il quale, nonostante la crisi, è riuscito a mantenersi in crescita. In Campania, Puglia, Abruzzo, Basilicata, Molise e Calabria il tasso medio di crescita del comparto di alimentari e bevande nei primi nove mesi del 2020 è stato del 10,1% rispetto allo stesso periodo del 2019, contro la media nazionale pari all’1,3%. Nel mentre, le vendite all’estero di prodotti agricoli sono aumentate in modo più contenuto (+6,7%), una crescita imputabile quasi esclusivamente ai prodotti pugliesi.

Il dato è ancor più positivo se si considera che l’export nazionale di prodotti agricoli mostra per i primi tre trimestri del 2020 una sostanziale stabilità in termini tendenziali (+0,02%). Fra le regioni italiane, è stato il Molise, seguito dalla Basilicata, a registrare la crescita più ampia nel settore alimentare in termini percentuali. Mentre, con quasi 300 milioni di scarto rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, i prodotti alimentari campani hanno raggiunto il miglior risultato in termini di valore.

Per sviluppare il tuo progetto di internazionalizzazione affidati al Piano Start Your Export elaborato dal team di Euromed International Trade.

  • Contattaci per info

  • spot_imgspot_img
    Giovanni Guarise
    Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
    - Media partner -Media partner

    Ultime news

    L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

    I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

    TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

    0
    È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

    Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

    0
    La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

    Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

    0
    Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

    I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

    0
    L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
    spot_img

    Economia

    TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

    È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

    Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

    La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

    I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

    L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

    Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

    La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
    - Advertisement -spot_img