22.7 C
Rome
martedì, Giugno 22, 2021
spot_imgspot_img

L’Umbria a caccia di capitali esteri

La Regione Umbria sta valorizzando il patrimonio imprenditoriale internazionale attraverso un ambiente favorevole per le imprese.

-

- Advertisment -spot_img

La ripartenza economica post pandemia per le Regioni italiane passa attraverso programmi e iniziative di attrazione degli investimenti dall’estero. La Regione Umbria sta tentando di valorizzare il patrimonio imprenditoriale internazionale attraverso la promozione di un ambiente favorevole per le imprese.

Per questo ha sottoscritto un “Protocollo di intesa per il consolidamento e l’attrazione degli investimenti esteri” siglato dalla Regione Umbria, da Confindustria nazionale e da Confindustria Umbria. A firmare l’accordo sono stati la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, la vice presidente per l’Internazionalizzazione di Confindustria Barbara Beltrame e il presidente di Confindustria Umbria Antonio Alunni. Alla presentazione, oltre ai firmatari, era presente anche Massimiliano Burelli, Ad di Ast, coordinatore del Comitato multinazionali di Confindustria Umbria e del Gruppo tecnico per gli investimenti e gli investitori esteri di Confindustria denominato Advisory board investitori esteri (Abie).

Grazie all’accordo sottoscritto, le realtà imprenditoriali estere possono apportare un’incidenza molto rilevante nel sistema produttivo regionale e in particolare in quello industriale, dove occupano oltre 7mila addetti e generano un fatturato di circa 7 miliardi di euro. In Confindustria Umbria sono presenti 30 multinazionali a controllo estero provenienti da 14 Paesi. Il Protocollo sancisce una collaborazione tra le parti coinvolte che si impegnano a favorire un’azione mirata, efficace e integrata per l’ulteriore radicamento delle multinazionali già presenti e l’attrazione di nuovi investimenti esteri.

Un lavoro di squadra, nel rispetto dei rispettivi ruoli, affinché si sfruttino quanto più possibile le peculiarità dell’Umbria e si creino e implementino le migliori condizioni per creare terreno fertile sia per chi già è presente nel nostro territorio sia per i nuovi investitori. Seri e solidi progetti industriali a capitale estero sono un valore aggiunto per l’occupazione e per la stessa imprenditoria locale. Un accordo in linea con il lavoro che le organizzazioni imprenditoriali stanno portando avanti con l’obiettivo di trasferire le competenze, l’organizzazione e la conoscenza di strumenti evoluti delle grandi imprese alla struttura produttiva umbra. La collaborazione avviata consentirà di procedere più speditamente per individuare misure rivolte allo snellimento dei procedimenti autorizzativi, per promuovere la collaborazione delle imprese multinazionali con gli ecosistemi umbri della digitalizzazione, ricerca e innovazione, anche attraverso adeguate misure regionali di incentivo.

In Umbria resta molto importante il ruolo delle multinazionali estere nella valorizzazione del sistema industriale dell’Umbria. Con tale accordo si vuole incentivare, programmare e intraprendere azioni concrete dell’amministrazione pubblica a sostegno della ripartenza delle attività produttive, dopo un lungo e drammatico periodo di pandemia.

Cerchi un supporto l’accesso ai finanziamenti, l’innovazione e la digitalizzazione? Euromed International Trade è la soluzione.

spot_imgspot_img
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Partner -spot_img
- Media partner -Media partner

Ultime news

Malta offre fino a 300 euro agli studenti di inglese in vacanza

0
Gli studenti di inglese che prenotano una vacanza-studio a Malta nel 2021, a partire dallo scorso 1° giugno per 15 o più notti, riceveranno...

La Spagna rilancia l’automotive sostenibile e di qualità

0
Milioni di auto elettriche già in circolazione richiedono centraline di ricarica distribuite regolarmente per l’intero territorio
innovation fund

Innovation Fund: il bando per l’innovazione industriale ecologica

0
Innovation Fund è uno dei più grandi programmi di finanziamento al mondo per il sostegno di tecnologie innovative a basse emissioni di sostanze inquinanti.

Il food italiano e il True Italian Taste 2021 in Germania

0
Sono 21 i ristoranti italiani di Francoforte e dintorni che hanno partecipato all’iniziativa offrendo menu speciali dedicati all’Emilia-Romagna.

È reato di omessa dichiarazione se l’interesse economico è in Italia

Sussiste il reato di omessa dichiarazione, per il contribuente che risiede formalmente in un Paese straniero ma che mantiene il centro vitale degli affari...
spot_img

Economia

La Spagna rilancia l’automotive sostenibile e di qualità

Milioni di auto elettriche già in circolazione richiedono centraline di ricarica distribuite regolarmente per l’intero territorio

Innovation Fund: il bando per l’innovazione industriale ecologica

Innovation Fund è uno dei più grandi programmi di finanziamento al mondo per il sostegno di tecnologie innovative a basse emissioni di sostanze inquinanti.

Il food italiano e il True Italian Taste 2021 in Germania

Sono 21 i ristoranti italiani di Francoforte e dintorni che hanno partecipato all’iniziativa offrendo menu speciali dedicati all’Emilia-Romagna.

La rinascita del Messico con gli accordi commerciali

Tra le opere più importanti ricordiamo il “Treno Maya”, linea ferroviaria da oltre 1.500 chilometri.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img