19.5 C
Roma
lunedì, 26 Ottobre 2020

Il mediatore merceologico nella filiera agroalimentare

-

- Advertisment -

Il mediatore merceologico come soggetto di primaria importanza nel contesto della mediazione, soprattutto nell’ambito agroalimentare, grazie alla conoscenza approfondita del tessuto produttivo dell’intero territorio nazionale, e come figura centrale per decidere sul futuro di un prodotto o scegliere quale varietà di un determinato prodotto agricolo sarà più facile vendere o trovare.

È questo il tema conduttore del 1° Convegno nazionale Fimaa (Federazione italiana mediatori agenti d’affari, aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia) sulla Mediazione merceologica, in programma a Bari venerdì 31 gennaio 2019, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, nella cornice di Villa Romanazzi Carducci (via Giuseppe Capruzzi, 326).

L’evento vedrà i saluti istituzionali del presidente nazionale Fimaa Santino Taverna,dell’assessore regionale attività produttive Cosimo Borraccino, del presidente della Camera di Commercio di Bari Alessandro Ambrosi, del presidente Fimaa Bari Gigi Foresio, del componente di giunta nazionale Fimaa Pasquale Di Santo,del coordinatore della consulta nazionale mediatori merceologici Fimaa Massimo Gregori e gli interventi del presidente Confagricoltura Bari Michele Lacenere, del presidente dell’Associazione dei produttori ed esportatori ortofrutticoli (Apeo) Giacomo Suglia, del coordinatore nazionale Comitato Uva da tavola Ortofrutta Italia Donato Fanelli, del consulente legale nazionale Fimaa Daniele Mammani e del responsabile comparto imprese Credipass Luigi Russo.

Modererà il convegno l’avvocato Claudia Bellani.

Mediatori Merceologici – CHI SONO: Il mediatore merceologico è colui che mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare concernente merci, derrate o bestiame, senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di dipendenza, collaborazione o rappresentanza.

A proposito di Fimaa

www.fimaa.it – Fimaa – Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari, aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia – è la più antica e grande Associazione del settore dell’intermediazione in Italia, con oltre 12mila imprese associate e più di 40mila addetti. La Federazione rappresenta tutto il comparto della Mediazione: Agenti Immobiliari, Mediatori Merceologici, Mediatori Creditizi, Agenti in Attività Finanziaria, Agenti di servizi vari ed opera in Italia e in Europa per la loro tutela sindacale e crescita professionale. Fimaa-Confcommercio attraverso il dialogo con le Istituzioni è protagonista di tutte le principali normative che regolamentano il settore dell’intermediazione.

- Advertisement -

Ultime news

Nuove restrizioni: le attività economiche coinvolte

0
Un riepilogo delle misure che vanno a colpire le attività economiche

L’innovazione di Israele e i droni per il Mediterraneo

0
Le operazioni di controllo avverranno con dei droni nel Mediterraneo, dopo i primi test positivi effettuati sull'isola greca di Creta.

Bandi per l’impresa: “Quando il Click Day è anticostituzionale”

0
L'intervento di Dhebora Mirabelli, Presidente di Confapi Sicilia: "Questo tipo di bandi umiliano gli imprenditori che non riescono in 7 secondi a presentare l’istruttoria. Servono regole eque e meritocratiche”.

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

0
Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Economia

Nuove restrizioni: le attività economiche coinvolte

Un riepilogo delle misure che vanno a colpire le attività economiche

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -