5.3 C
Rome
martedì, Gennaio 25, 2022
spot_imgspot_img

Il Canada vede gli immigrati come la chiave della ripresa

Governo e analisti concordi nell'importanza della popolazione straniera per il rilancio

-

- Advertisment -

Analisti ed esperti canadesi che analizzano la ripresa economica del Paese dopo la pandemia globale guardano agli immigrati attuali e futuri come una preziosa risorsa.

Si tratta di una conclusione forse inevitabile, dato il ruolo importante che gli immigrati già oggi rivestono nella società altamente pluralistica del paese.

Il Canada ha uno dei più alti tassi di immigrazione rispetto a qualsiasi altro paese, con i residenti di prima generazione che rappresentano il 21,9% della popolazione, secondo l’ultimo censimento del 2016. L’Asia è la più grande fonte di immigrati, seguita dall’Africa e dall’Europa. Il Canada ospita anche più di mezzo milione di studenti stranieri.

L’ondata di nuovi arrivi – che prima della pandemia era di oltre 300.000 all’anno – è stata rallentata da nuove severe restrizioni ai viaggi per motivi di salute. Ma poiché i vaccini a lungo attesi stanno finalmente diventando disponibili per un numero crescente di residenti, gli analisti si aspettano una riapertura delle porte dell’immigrazione.

Harald Bauder, un esperto di immigrazione della Ryerson University di Toronto, in un’intervista al portale VOA sostiene che l’immigrazione sia necessaria, ora più che mai.

L’immigrazione è davvero parte della soluzione per far ripartire l’economia. Come possiamo recuperare l’anno che abbiamo perso? Ho l’impressione che il prossimo sarà un anno positivo per essere un potenziale immigrante in Canada“.

L’incoraggiamento del Canada all’immigrazione parte dal Governo, che nel proprio sito web istituzionale afferma: “Gli immigrati contribuiscono alla nostra economia, non solo riempiendo i vuoti nella nostra forza lavoro e pagando le tasse, ma anche spendendo soldi in beni, alloggi e trasporti“.

L’immigrazione aiuta anche a compensare i cambiamenti demografici. Nel 2019, il tasso di fertilità in Canada è stato il più basso mai registrato.

Tuttavia, l’anno passato è stato duro per gli immigrati nel Paese nordamericano, molti dei quali hanno perso il lavoro a causa della pandemia, anche se altri hanno svolto ruoli chiave nel mantenere la salute pubblica.

Gli immigrati hanno dato un enorme contributo all’economia nel corso della pandemia attraverso l’occupazione di posizioni lavorative essenziali e in prima linea, e continueranno ad aiutare a guidare il Canada attraverso la nostra ripresa economica“, ha detto Jennifer Watts, CEO dell’Immigrant Services Association of Nova Scotia.

Se da una parte il Canada riconosce quindi l’importanza dell’immigrazione, dall’altra è consapevole delle difficoltà vissute dalla popolazione straniera, che in molti casi nell’ultimo anno ha avuto difficoltà nell’ottenere nuovi permessi di lavoro, o nel mantenere il posto di lavoro. Ma l’idea condivisa è di aggiustare il tiro per dare al Paese una risorsa chiave per il rilancio economico.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Istruzione: un passaporto per l’innovazione e il successo

0
Mentre la disoccupazione continua a seguire una curva ascendente, una grande maggioranza di aziende si lamenta della carenza di talenti, avendo difficoltà a trovare...

ASCAME e WestMED: alleanza per l’economia blu

ASCAME e WestMED hanno firmato un memorandum d'intesa con l'obiettivo di creare una collaborazione nella promozione dell'economia blu
tirocini

Uso distorto dei tirocini: la stretta del Governo

0
La Legge di Bilancio 2022 ha introdotto una stretta all'uso dei tirocini al posto delle regolari assunzioni nelle imprese italiane.

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

0
Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

0
Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un percorso strutturato per entrare in...
spot_img

Economia

Competitività, digitalizzazione ed economia circolare: il bando per le Pmi del Veneto

Sostenere la competitività, la digitalizzazione e l'economia circolare: è l'obiettivo del nuovo bando della Regione Veneto per le Pmi.

Euromed presenta il “Voucher Internazionalizzazione”

Euromed International Trade presenta il nuovo Voucher Internazionalizzazione, rivolto a tutte le imprese che nel 2022 intendono avviare un...

Sustainability Partnerships: il bando per le Pmi

È aperto il bando “Sustainability Partnerships for SMEs adopting more sustainable practices”, promosso dall'Agenzia esecutiva del Consiglio europeo dell'innovazione...

Regione Umbria: pubblicato il bando Travel

E’ stato pubblicato nel BUR della Regione Umbria il bando TRAVEL, la nuova misura dedicata all’internazionalizzazione delle micro e...
- Advertisement -spot_img