23.4 C
Rome
domenica, Agosto 1, 2021
spot_imgspot_img

La valorizzazione del Distretto Produttivo della Nautica da Diporto in Puglia

Una miscela di innovazione e tradizione che coinvolge il sistema produttivo e tutto il complesso di servizi della filiera della nautica: stazionamento, manutenzione e rimessaggio.

-

- Advertisment -

Il Distretto Produttivo della Nautica da Diporto in Puglia rappresenta un importante strumento per sostenere la crescita e l’innovazione di tutto il comparto nautico pugliese incentivando la nascita di sinergie tra stakeholder privati e pubblici. Una realtà interessante che merita attenzione, considerazione e approfondimenti. Il modello che il Governo regionale ha creato per lo sviluppo economico con il Distretto della Nautica da Diporto ha implementato un sistema di integrazione tra imprese e ricerca che sta traghettando la Puglia a livelli di eccellenza. Il Distretto Produttivo della Nautica da Diporto incentiva la cooperazione tra soggetti diversi, la ricerca e l’innovazione, la qualifica del capitale umano, il recupero di antiche competenze e le relazioni con gli operatori esterni. Il Distretto Produttivo ha anche l’obiettivo di sostenere il settore della nautica e della portualità legate al turismo, altra importante componente del sistema economico della regione. 

Una realtà che trova recentemente nuovo vigore a Brindisi, con il distretto della “industria del mare“, un contratto di rete tra imprese impegnate nella cantieristica, retrofitting, decommissioning e in genere il comporto dell’industria legato alla Blue economy. “Un insediamento in area Zes che può generare, nel breve termine, oltre 150 nuovi posti di lavoro. La prova empirica della correttezza degli scenari di probabilità su cui abbiamo costruito la nostra visione di porto. Una occasione per riqualificare il personale in uscita dalla Red economy. Grande attenzione da parte dei partecipanti alle opportunità aperte dalle nuove banchine di costa Morena e dalla Zona franca“, ha annunciato il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico Meridionale, Ugo Patroni Griffi

Queste caratteristiche, unite alla bellezza del mare, al clima mite tutto l’anno, ad una fitta presenza di porti, marine, darsene e approdi, ad un tessuto industriale dinamico, hanno fatto della Puglia il territorio ideale per lo sviluppo della nautica da diporto. Le aziende che operano nella nautica da diporto in Puglia, dedite alla produzione e alla manutenzione di imbarcazioni, coprono tutto il ciclo produttivo: progettazione, costruzione, produzione di singoli componenti, assemblaggio, allestimento e arredamento. Elevate capacità manuali che si confrontano e si integrano con moderne tecnologie, alta specializzazione ed elevata capacità progettuale. Una miscela di innovazione e tradizione che coinvolge il sistema produttivo e tutto il complesso di servizi della filiera della nautica: stazionamento, manutenzione e rimessaggio.

Dalla tradizione all’innovazione rappresentano gli elementi dell’essenza del settore della nautica da Diporto in Puglia. Oggi, la nautica pugliese è promotrice di ricerca e innovazione. Le produzioni tradizionali si sono evolute verso procedimenti tecnologicamente avanzati con ricorso a materiali innovativi, a componenti ecosostenibili, che consentono di realizzare imbarcazioni più leggere e resistenti e con minore dispendio di carburante. Il Distretto Produttivo della Nautica da Diporto è uno strumento per sostenere la crescita e l’innovazione di tutto il comparto nautico pugliese incentivando la nascita di sinergie tra stakeholder privati e pubblici. Il Distretto merita attenzione e promozione all’interno dei network internazionali degli investitori esteri, permettendo la crescita della blue economy nel meridione italiano e per l’industrializzazione sostenibile della Regione Puglia

spot_imgspot_img
Domenico Letiziahttps://www.domenicoletizia.it/
Giornalista, scrive per il quotidiano "L’Opinione delle Libertà", e analista economico e geopolitico. Ricercatore e social media manager del “Water Museum of Venice”, membro della Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua. Responsabile alla Comunicazione per numerose società di consulenza e internazionalizzazione.
- Media partner -Media partner

Ultime news

L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

0
È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

0
La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

0
Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

0
L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
spot_img

Economia

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
- Advertisement -spot_img