7.7 C
Rome
venerdì, Marzo 1, 2024
spot_imgspot_img

I bonus Covid fanno lievitare la burocrazia

La dichiarazione dei redditi 2021 sarà gonfiata dalle nuove misure dell'anno precedente

-

- Advertisment -

La dichiarazione dei redditi del 2021 sarà un vero labirinto. Per effetto dei bonus entrati in vigore in favore di imprese e operatori economici lo scorso anno, infatti, il prospetto dedicato ai crediti d’imposta sarà infatti composto da 64 pagine di istruzioni da consultare con attenzione per individuare il codice identificativo da utilizzare fra oltre un centinaio di diverse tipologie.

Questo prospetto sarà presente in tutti i modelli dichiarativi 2021, e come da istruzioni, dovrà essere compilato da tutti i soggetti che fruiscono dei crediti d’imposta derivanti da agevolazioni concesse alle imprese.

Per la prima volta all’interno delle dichiarazioni 2021 saranno presenti crediti d’imposta e bonus del tutto nuovi quali: il credito d’imposta per adeguamento degli ambienti di lavoro (codice I6); le spese di sanificazione e acquisto dispositivi di protezione (codice H9); il bonus affitti per negozi e botteghe (codice I1); il credito d’imposta per le commissioni relative ai pagamenti elettronici (codice H3).

Secondo le istruzioni presenti nella compilazione del quadro RU, per ciascuna agevolazione deve essere compilato un apposito modulo indicando il codice identificativo del bonus, l’ammontare del credito ricevuto e dell’eventuale credito residuo proveniente dalla dichiarazione dell’anno precedente e il credito spettante nel periodo di riferimento della dichiarazione.

E per il prossimo anno la situazione potrebbe addirittura peggiorare, dato che i nuovi bonus e crediti d’imposta concessi dal recente decreto sostegni (DL 41/2021) e quelli che verranno istituiti con i prossimi decreti emergenziali faranno crescere a dismisura l’entità di tale quadro delle dichiarazioni dei redditi delle partite iva.

Nonostante la pandemia e la necessità di agevolare le imprese, dunque, la burocrazia non conosce freni. Anzi, continua a gonfiarsi, e talvolta anche inutilmente, dato che buona parte dei dati richiesti sono già in possesso dell’amministrazione finanziaria.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010. Nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa con approfondimenti, focus e attività di comunicazione.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

EIC Accelerator 2024 - Imprese del Sud

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e...

0
EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.
Fiscalità internazionale controllate estere - Imprese del sud

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.
Bandi Prima 2024 - Imprese del Sud

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

0
I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo
Europa Digitale - Abilità digitali - Imprese del Sud

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

0
Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
Erasmus+ bando 2024 politiche europee - Imprese del Sud

Erasmus+: bando 2024 per sperimentazioni di politiche europee

0
Istruzione digitale, istruzione e formazione professionali, istruzione degli adulti, istruzione scolastica, micro-credenziali, istruzione superiore, saranno i topic al centro del bando Erasmus+ con scadenza 4 Giugno 2024.
spot_img

Economia

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e piccole e medie imprese

EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
- Advertisement -spot_img