12.2 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024
spot_imgspot_img

Il gasdotto per l’idrogeno tra Spagna e Francia, sarà pronto “entro il 2030”

Il gasdotto, una volta che sarà operativo, trasporterà due milioni di tonnellate di idrogeno all'anno, ovvero il 10% del consumo europeo previsto.

-

- Advertisment -

Venerdì scorso, i leader di Francia, Spagna e Portogallo, hanno dichiarato che sarà completato entro il 2030, un ambizioso gasdotto sottomarino per portare l’idrogeno dalla penisola iberica al resto d’Europa. Il costo complessivo dell’opera sarà di circa 2,5 miliardi di euro.

L’incontro è avvenuto, ad Alicante (Spagna) poco prima del vertice EuroMed 9 che raggruppa Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Italia, Malta, Portogallo, Slovenia e Spagna

Il progetto H2Med viene lanciato mentre l’Europa si sta affrettando a ridurre la sua dipendenza dall’energia russa dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca. Questa decisione potrà aiutare l’Europa a passare dai combustibili fossili a un’energia più pulita.

Il gasdotto tra Barcellona e Marsiglia, noto anche come progetto “BarMar”, una volta che sarà operativo, trasporterà due milioni di tonnellate di idrogeno all’anno, ovvero il 10% del consumo europeo previsto” è quanto dichiarato dal primo ministro spagnolo Pedro Sanchez. “Sarà il primo grande corridoio dell’idrogeno nell’Unione europea.

Costo del gasdotto

Il progetto costerà circa 2,5 miliardi di euro ($ 2,6 miliardi), ha dichiarato in una conferenza stampa congiunta con il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro portoghese Antonio Costa.

I tre leader hanno formalmente firmato i piani alla presenza del capo della Commissione europea Ursula von der Leyen a margine di un vertice regionale dell’UE ad Alicante in Spagna.

A seguito dei colloqui, hanno anche pubblicato una tabella di marcia e una tempistica per il completamento di H2Med che sperano sarà parzialmente coperta dai fondi europei. 

Secondo fonti francesi, se approvato da Bruxelles, il finanziamento europeo potrebbe coprire circa la metà del costo, 1,2 miliardi di euro. La restante parte potrebbe essere a carico dei futuri consumatori in un processo ancora da definire.

Il gasdotto sotto il Mar Mediterraneo trasporterà idrogeno verde, prodotto dall’acqua tramite elettrolisi in un processo che utilizza energia rinnovabile, ma i funzionari francesi hanno affermato di non aver escluso che l’opera possa trasportare anche idrogeno prodotto dall’energia nucleare.

Durante la conferenza stampa, è stata presentata la tabella di marcia. La costruzione inizierà nel 2025 e durerà quattro anni e otto mesi. Inoltre sono state descritte tre opzioni per il percorso del gasdotto, con quella preferita che si estende per 455 chilometri (282 miglia) a una profondità massima di quasi 2.600 metri. 

Energia più pulita nel Mediterraneo

l’obiettivo di H2Med sarà quello di promuovere la decarbonizzazione dell’industria europea, offrendole un accesso su larga scala all’energia pulita da Spagna e Portogallo; I due paesi, in questo modo, sperano di diventare leader mondiali nell’idrogeno verde grazie ai loro numerosi parchi eolici e solari.

Nel presentare la tabella di marcia è emerso che “Il focus della domanda di H2 è su settori difficili da decarbonizzare, come l’industria e i trasporti, oltre al fatto che iò costo della trasmissione di H2 tramite gasdotto su lunghe distanze è da 2 a 4 volte inferiore rispetto alla trasmissione di elettricità su linee ad alta tensione”.

Il progetto presentato offre un’alternativa al defunto progetto del gasdotto MidCat del 2003 che avrebbe dovuto trasportare il gas attraverso i Pirenei dalla Spagna alla Francia. 

È stato abbandonato nel 2019 per problemi di redditività e obiezioni di Parigi e delle associazioni ambientaliste.

Inizialmente, l’idea era che il gasdotto potesse traspoprtare il gas dalla penisola iberica all’Europa centrale, data l’enorme capacità di Spagna e Portogallo di trasformare il gas naturale liquefatto (GNL) che arriva nelle navi cisterna in forma di gas. 

A tal proposito il primo Ministro portoghese Costa ha sottolineato che il gasdotto previsto trasporterà solo idrogeno verde.

L’8 luglio del 2020 la Commissione Europea ha pubblicato “A Hydrogen strategy for a Climate neutral Europe”, la tanto attesa strategia per l’idrogeno, complementare alla strategia e al pacchetto di misure per il Green Deal europeo, annunciato a dicembre 2019 con l’obiettivo della neutralità climatica (emissioni zero) entro il 2050. A maggio 2022, la Presidente della Commissione Europea, Ursula Von der Layen, ha annunciato nel nuovo piano “RePower EU”, di voler raddoppiare l’obiettivo per il 2030 relativo alla produzione annuale di idrogeno verde che è stata portata a 10 milioni di tonnellate.

Sergio Passariello
Sergio Passariello
Ho fondato questo portale web nonché la rete "Malta Business", una rete di consulenza, sviluppo e organizzazione aziendale a Malta. Sono CEO di Euromed International Trade e mi occupo di internazionalizzazione del business e sviluppo commerciale. Specializzato in franchising e trattative IT. CEO dell'Accademia Mediterranea di Cultura, Tecnologia e Commercio con sede a Malta, istituto di istruzione superiore autorizzato da NCFHE. Collaboro come freelance con Blasting News e Imprese del Sud, curando articoli e approfondimenti su economia, finanza, tecnologia, innovazione, turismo e cultura.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

EIC Accelerator 2024 - Imprese del Sud

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e...

0
EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.
Fiscalità internazionale controllate estere - Imprese del sud

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.
Bandi Prima 2024 - Imprese del Sud

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

0
I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo
Europa Digitale - Abilità digitali - Imprese del Sud

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

0
Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
Erasmus+ bando 2024 politiche europee - Imprese del Sud

Erasmus+: bando 2024 per sperimentazioni di politiche europee

0
Istruzione digitale, istruzione e formazione professionali, istruzione degli adulti, istruzione scolastica, micro-credenziali, istruzione superiore, saranno i topic al centro del bando Erasmus+ con scadenza 4 Giugno 2024.
spot_img

Economia

EIC Accelerator: i bandi del programma di lavoro 2024 a sostegno di start-up e piccole e medie imprese

EIC Accelerator sostiene le aziende nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto, con il potenziale di creare nuovi mercati o ampliare quelli esistenti.

Fiscalità internazionale e impatto del Decreto Legislativo n. 209 sulle società controllate estere

Analizziamo le nuove disposizioni legislative e il loro impatto sulla fiscalità internazionale e sulle strategie fiscali delle multinazionali.

Aperte le nuove call PRIMA per progetti di ricerca e innovazione nel Mediterraneo

I bandi Prima mirano ad affrontare gli obiettivi strategici di ricerca e innovazione e a contribuire alla sostenibilità del Mediterraneo

Europa Digitale: annunciate le call 2024, sulle abilità digitali

Scade il 21 marzo 2024, il quinto round di call del programma Europa Digitale incentrate sulle abilità digitali avanzate.
- Advertisement -spot_img