23.5 C
Rome
lunedì, Giugno 27, 2022
spot_imgspot_img

Finanziamenti all’export bloccati: manca la task force

-

- Advertisment -

Che fine ha fatto la task force per facilitare il sostegno all’internazionalizzazione delle imprese? Ancora non se ne vede traccia. Eppure ci avviciniamo ai due mesi trascorsi dal Decreto Liquidità dell’8 Aprile 2020, che annunciava la nascita di un “Comitato per il sostegno finanziario pubblico” con l’obiettivo di dare al Ministero dell’Economia un via libera per il rilascio delle nuove potenziate garanzie a copertura dei «rischi non di mercato», finalizzate a sostenere l’export italiano.

La sera del 6 aprile 2020 il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, aveva annunciato questo sblocco dell’erogazione da parte delle banche di 200 miliardi per potenziare il mercato dell’export, dietro copertura dello Stato, da affiancare ad un primo strumento, denominato “Garanzia Italia”.

Le garanzie di cui si parlava dovrebbero essere per il 10% a carico di Sace spa (posseduta da Cassa Depositi e Prestiti, a sua volta controllata dal ministero dell’Economia); e per il restante 90% direttamente a carico dello Stato.

Ad oggi il ministero dell’economia, oltre a non aver istituito la task force per il loro rilascio di tali garanzie, non ha nemmeno emanato un provvedimento per autorizzare lo stesso rilascio a Sace spa.

Sace, infatti, è stata autorizzata dal decreto Liquidità ad assumere e rilasciare garanzie e coperture “in nome proprio e per conto dello Stato” per supportare le banche nella concessione di credito alle imprese per l’export; questo perché i finanziamenti rischiano di non essere più garantiti dai privati per via dei rischi sistemici generati dall’emergenza Covid-19.

Per godere di questo ombrello le operazioni devono avere tre obiettivi:

– l’internazionalizzazione delle imprese italiane,

– la loro tenuta occupazionale (specie in comparti strategici per il paese),

– il sostegno a operazioni in paesi focus per l’Italia.

Le aziende restano in attesa di novità. Mentre Imprese del Sud continua a tenere alta la guardia.

Ultime news

ceta business forum

Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
sviluppo coesione

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una fase di forte mobilitazione per...
arif virani

CETA Business Forum: la seconda giornata di incontri

E' iniziata con grande entusiasmo la prima edizione del CETA Business Forum. L'evento di matching online dedicato allo sviluppo di scambi e opportunità tra...

CETA Business Forum: si parte

L'attesa è finita. Prende il via oggi la prima edizione del CETA Business Forum, il primo grande evento di matching online dedicato allo sviluppo...
imprese creative

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere investimenti in attività culturali e artistiche,...
spot_img

Economia

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...

Nuovo bando canadese per l’innovazione accelerata dei materiali

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche Canada (NRC) lancia un bando nell'ambito dei programmi Materials for Clean Fuels and Artificial...

Food: volano gli scambi tra Italia e Nord America

Interscambio tra l’Italia e il Nord America? La vera star è il Food. Lo confermano i dati di ExportPlanning elaborati in esclusiva...
- Advertisement -spot_img