20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Decreto Liquidità: molte Pmi escluse dai finanziamenti

-

- Advertisment -spot_img

Ufficiale il Decreto Liquidità che intende fronteggiare la crisi economica per le aziende. Con questa nuova misura il Governo sostiene di aver messo in campo fondi per far sopravvivere le imprese, ma sono innumerevoli le problematiche che vengono riscontrate, soprattutto per quanto riguarda i finanziamenti sotto i 25 mila euro per le piccole imprese.

Non è stato sufficientemente spiegato – infatti – che secondo quanto previsto all’art.14 del decreto, le garanzie statali non saranno rilasciate per quelle imprese che, anteriormente al 30 gennaio 2020, avevano una posizione classificata di sofferenza (con crediti la cui totale riscossione non è certa poiché i soggetti debitori si trovano in stato d’insolvenza), di partite incagliate, cioè con esposizioni verso affidati in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, di esposizioni scadute o sconfinanti, cioè esposizioni che sono scadute o eccedono i limiti di affidamento da oltre 90 giorni, di inadempienze probabili, cioè esposizioni per le quali la banca valuta improbabile, senza il ricorso ad azioni quali l’escussione delle garanzie, che il debitore adempia integralmente le sue obbligazioni creditizie. 

Va ribadito che il DL Liquidità ha disposto stanziamenti che, secondo il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (CNDCEC) , non appaiono sufficienti per garantire tutte le potenziali richieste (il Consiglio nazionale stima possa coprire il 50%) e quindi la norma non prevede un rifinanziamento automatico dei fondi in caso di insufficienza.

Dunque, in assenza di tale rifinanziamento, il Fondo potrebbe applicare un ordine cronologico all’assegnazione delle garanzie, applicando quell’eccedenti le ordinarie regole previste dal fondo. Tale sistema creerebbe problematiche immense perché il sistema bancario deve muoversi secondo forti cautele nell’assegnazione dei finanziamenti.

Imprese del Sud invita il governo a non diffondere illusioni e a chiarire la posizione assunta nei confronti di quelle aziende che erano alle prese con situazioni di difficoltà già prima dell’emergenza coronavirus, e che oggi si troveranno abbandonate di fronte a un’emergenza dalle gravissime conseguenze. Non è questo il momento per fare i conti in tasca e adottare rivalse sulle riscossioni: ogni cosa ha il suo tempo, e la priorità odierna è garantire la sopravvivenza del nostro tessuto produttivo.

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img