8.8 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Euromed conferma la partnership con la rete mediterranea ANIMA

La collaborazione spiana la strada delle aziende verso nuovi mercati

-

- Advertisment -

Euromed International Trade rinnova la sua presenza in ANIMA Investment Network, la piattaforma multinazionale che riunisce circa 80 agenzie governative e reti internazionali con l’obiettivo di contribuire a incentivare gli investimenti e a sostenere l’imprenditoria nell’area mediterranea.

Nell’ambito dei servizi di consulenza offerti alle imprese per le attività di internazionalizzazione, Euromed continua a credere nell’importanza strategica di una partecipazione alla rete di investimento con sede a Marsiglia: un’occasione preziosa per amplificare le opportunità di conoscenza e investimento da mettere a disposizione dei propri clienti, creando un filo diretto tra le aziende e i loro potenziali clienti situati in nuovi mercati uniti dal bacino geografico ed economico del Mediterraneo, tra l’Europa meridionale, il Nord Africa e il Medio Oriente.

E proprio le politiche di rilancio delle aziende, in particolare oggi con l’emergenza coronavirus che ha messo in ginocchio le economie nazionali, sono state al centro del dibattito in occasione dell’Assemblea Generale annuale di ANIMA, alla quale ha preso parte anche il CEO di Euromed, Sergio Passariello.

Nel corso dei lavori è stato ribadito come ANIMA abbia reagito con prontezza al sorgere dell’emergenza e alle politiche restrittive imposte dagli Stati per il contenimento del contagio, mettendo a dura prova le imprese. Nel corso del lockdown sono stati rilanciati gruppi di scambio online, incontri e discussioni su come affrontare la crisi, seminari e workshop di formazione che sono migrati velocemente nella sfera digitale, offrendo ai partecipanti l’opportunità di riorganizzarsi e trovare nuovi stimoli per affrontare a testa alta una ripartenza. “Grazie al coinvolgimento diretto nella rete ANIMA – afferma Sergio Passariello – Euromed International Trade continuerà a garantire alle imprese clienti la possibilità di organizzare incontri B2B, partecipare a progetti europei, fornire assistenza con Agenzia d’investimento e sviluppare specifici Focus Paese per orientare le politiche aziendali legate all’export. Daremo anche pieno accesso a studi e approfondimenti di settore realizzati dal network, impegnandoci anche in prima persona nello studio per consegnare nelle mani degli imprenditori soluzioni pronte e accessibili per accompagnare l’azienda verso la penetrazione nei mercati stranieri e la ricerca di nuove opportunità di affari”.

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img