17.8 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Esenzione Iva per osteopati: «La sentenza UE non vale per l’Italia»

-

- Advertisment -spot_img

Esenzione dall’Iva per i professionisti anche non regolamentati: l’annuncio è arrivato in un recente articolo de Il Sole24Ore in merito a una sentenza della Corte di Giustizia Europea che estende lʼesenzione dellʼIva anche alla professione dellʼosteopata, oltre che del chiropratico.

Nello specifico, secondo i giudici Ue, affinché una prestazione sanitaria possa rientrare tra quelle effettuate nellʼesercizio delle professioni mediche e paramediche riconosciute dagli Stati membri interessati, è necessario che sia diretta alla persona e fornita da soggetti che possiedono le necessarie qualifiche professionali. Non occorre, però, che questi soggetti esercitino una professione medica o paramedica disciplinata dalla normativa dello Stato membro. Ciò in quanto possono considerarsi rilevanti altri parametri per valutare le loro qualifiche professionali: ad esempio, la formazione presso istituti di insegnamento riconosciuti dallo Stato.

Per fare chiarezza è intervenuto Alfonso Causi, giurista e Segretario dellʼAssociazione Italiana Scuole di Osteopatia, che in una nota inviata alla redazione del Sole24Ore ha segnalato alcune “inesattezze” riportate nell’articolo, chiedendone una rettifica.

Causi conferma in primis che l’esenzione Iva non vale per gli osteopati italiani: «La professione dellʼosteopata al momento non è ufficialmente riconosciuta come sanitaria, perché individuata ma non istituita, in attesa dei decreti attuativi. Le “necessarie qualifiche professionali” che devono essere possedute, al momento, in Italia, non sono controllate o controllabili da nessuno. E non esiste nemmeno nessun istituto di formazione e insegnamento di osteopatia riconosciuto dallo Stato.

La sentenza si riferisce a osteopati belgi – conclude il dott. Causi – e ha piena legittimità se riferita al Belgio, nazione nella quale lʼosteopatia è ufficialmente riconosciuta (anche se i decreti attuativi non sono stati mai emanati), e in cui la formazione è affidata in esclusiva alla Universitè Librede Bruxelles e a quattro istituti ufficialmente riconosciuti: Collège Belged’Ostéopathie (CBO), Belgian School of Osteopathy (BELSO),lʼInternational Academy of Osteopathy (IAO), Flanders InternationalCollege of Osteopathy (FICO). Per il Belgio, quindi, a giusta ragione la sentenza in questione ha il suo ambito di applicazione». Non invece per l’Italia.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img