Commonwealth Economia

G20: il futuro dell’economia globale è il libero scambio.

Sergio Passariello
Scritto da Sergio Passariello

Una partnership Euro-Pacifico tra l’UE e il CPTPP per rafforzare il multilateralismo e contrastare politiche economiche e guerre commerciali tra singoli stati che metterebbero a rischio la nostra economia.

Durante il recente vertice del G20 a Osaka sono stati evitati i peggiori risultati possibili e ciò conta come una vittoria nell’epoca delle chiusure commerciali e della minaccia dei dazi. 

Infatti, i leader del G20 hanno emesso un comunicato finale che afferma l’importanza del commercio libero e aperto ed a margine del vertice, gli Stati Uniti e la Cina hanno concordato un armistizio della guerra commerciale, mentre l’Unione europea ha annunciato la firma di nuovi accordi di libero scambio con il Vietnam e il blocco del Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay) .

Nondimeno, l’incertezza su futuro dell’economica globale rimane. Fino a quando il conflitto sino-americano non sarà risolto, i flussi commerciali saranno a rischio di perturbazioni politiche. Per evitare che questo possa diventare un danno collaterale nella nuova lotta per il grande potere, Giappone, UE, Canada, Australia, Malesia e molti altri si stanno unendo per proteggere i loro interessi e il sistema del commercio internazionale. 

Ognuno ha riconosciuto che le questioni più importanti nel commercio globale sono regolamentari, riguardanti non solo le tariffe ma protezioni per gli investimenti, sussidi alle imprese statali (SOE), tutela della proprietà intellettuale (IP) e protezione ambientale, gare pubbliche aperte, e-commerce, e flussi di dati.

Uno studio recente rileva che i paesi dellaccordo” Comprehensive and Progressive Agreement for Trans-Pacific Partnership (CPTPP)” e quelli dell’Accordo economico e commerciale globale UE-Canada (CETA) sono già convergenti sulla maggior parte delle principali questioni normative. Ma come paesi che si affidano in gran parte alla diplomazia attiva e al soft power, hanno tutto da perdere da un prolungato e crescente conflitto geopolitico in cui subirebbero pressioni per scegliere le controparti. 

Per difendere i loro interessi, dovranno garantire che il commercio globale sia soggetto a meccanismi obiettivi di risoluzione delle controversie.
Un impegno per il multilateralismo non è un’approvazione dello status quo. Gli stati membri CPTPP e CETA riconoscono che il sistema commerciale globale ha problemi, tra cui regole incomplete o superate che non riescono a dare risposte ai veri problemi. Ma sanno anche che il bilateralismo – i piccoli paesi che cercano di negoziare alla pari con i superpoteri – non è un’opzione. La risposta, quindi, è di ripristinare l’equilibrio e la fiducia nel sistema commerciale multilaterale, creando una nuova partnership tra l’UE ei paesi CPTPP.

Una partnership Euro-Pacifico tra l’UE e il CPTPP rappresenterebbe il 31% del PIL mondiale e il 40% di tutti gli scambi commerciali, fornendo una leva sostanziale per stabilire principi e standard comuni per il commercio globale. Questo obiettivo è a portata di mano, dato che l’UE ha ora accordi commerciali con quasi tutti i paesi del CPTPP, compreso il Vietnam. Inoltre, una nuova partnership non richiederebbe un nuovo accordo commerciale, ma semplicemente un consolidamento degli accordi esistenti. 

Le ragioni per formare un partenariato Euro-Pacifico sono tanto politiche quanto economiche. Quei paesi che rimangono impegnati nel multilateralismo devono necessariamente inviare un forte messaggio che difenda i valori e le istituzioni in forma liberale, gli stessi che altri paesi hanno abbandonato o hanno dichiarato obsoleti.

Pertanto, mentre un nuovo partenariato potrebbe iniziare tra la UE e il CPTPP, è necessario che questi accordi rimangano aperti a tutti i paesi, a condizione che vengano accettate determinate regole e principi. L’appartenenza a questi sistemi, a sua volta, servirebbe come polizza assicurativa in caso di un rinnovato conflitto sino-americano. Ora sappiamo che una guerra commerciale e tecnologica può avere conseguenze di vasta portata per l’economia globale. Coloro che insistevano sul fatto che il protezionismo era impossibile si sono sbagliati. 

Quale strategia dovrebbe adottare l’Italia per evitare l’isolamento commerciale ed acquisire un ruolo autorevole in questi nuovi scenari globali?

A mio parere, le attività da mettere in capo dal nostro paese dovrebbero essere quelle proposte dal Prof. Zaki Laidi professore di relazioni internazionali presso Sciences Po e dal Prof. Shumpei Takemori, professore di economia presso la Keio University di Tokyo, coordinate e gestite nell’ambito di un partenariato euro mediterraneo ed in particolare:

  • Riconoscere e valorizzare l’Organizzazione mondiale del commercio come forum centrale del sistema commerciale globale e principale piattaforma per la composizione delle controversie.
  • Chiarire, approfondire e modernizzare le regole nelle aree prioritarie dei sussidi governativi, il ruolo delle SOE e l’applicazione delle protezioni IP. 
  • Sviluppare nuove regole relative all’e-commerce e al trasferimento di dati nello spirito del tracciato di Osaka, adottato da 24 firmatari al vertice del G20 per formulare un quadro di governance digitale. 
  • Garantire che gli investimenti stranieri e l’accesso al mercato siano sicuri, anche se agli Stati deve rimanere la libertà di determinare le proprie politiche pubbliche. 
  • Trasparenza e reciprocità nell’accesso agli appalti pubblici. 
  • Conformità con l’accordo sul clima di Parigi del 2015. 
  • Rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, compresa la libertà di associazione.
  • L’eventuale istituzione di un meccanismo di risoluzione delle controversie congiunto, in linea con i principi dell’OMC. 
  • Coerenza normativa tra l’UE e i paesi CPTPP. 
  • Creazione di un meccanismo per regolari consultazioni politiche ad alto livello tra i paesi dell’UE e del CPTPP. 
  • Creazione di gruppi di lavoro in tutti i settori in cui posizioni comuni o armonizzate possono promuovere gli interessi comuni delle economie dei membri. 
  • Esprimere concretamente la volontà di costruire un’area di pace e prosperità, libera dalla competizione geopolitica.

Questi principi da soli non salveranno il multilateralismo. Ma i paesi che sono ancora impegnati in questo ideale devono creare un nuovo percorso. Dopo il vertice del G7 in Francia il prossimo mese, la speranza è che l’UE, il Giappone e il Canada appoggino e definiscano le modalità precise di un nuovo partenariato entro la fine del 2020. È ora che i multilateralisti mettano piede in difesa dei loro principi. 

info autore

Sergio Passariello

Sergio Passariello

Blogger, consulente aziendale ed imprenditore